La possibile connotazione delle verifiche dei Servizi Ispettivi di Finanza Pubblica del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato sugli enti territoriali: un’analisi comparata con l’esperienza dell’Audit Commission in Gran Bretagna

De Robertis Francesco Luigi

[Esperienze]

Il progressivo spostamento verso gli Enti territoriali della titolarità della fornitura dei servizi pubblici è fra le principali cause della crescita della spesa pubblica a livello locale nei paesi OCSE. Vari strumenti possono essere utilizzati per incrementarne l’efficienza e l’efficacia. Questo articolo, partendo dalla legge 31 dicembre 2009, n. 196, evidenzia i possibili contenuti delle ispezioni dei Servizi Ispettivi di Finanza Pubblica del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato sugli Enti locali al fine di misurare e monitorare la quantità e la qualità dei servizi pubblici forniti da quest’ultimi. Si pone l’attenzione, in particolare, sull’uso degli indicatori di performance sperimentati in Gran Bretagna dall’Audit Commission attraverso l’utilizzazione del Comprehensive Performance Assessment (CPA).

______________________________________

The progressive decentralization of public service provision from the central government to local authorities is among the principal causes of public spending growth at the local level in OECD countries. Several tools and procedures can be used to improve the efficiency and effectiveness of sub-national spending. This paper, drawing from the provisions of Act 196/2009, highlights a potential role for the Italian General Accounting Office (Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato – Servizi Ispettivi di Finanza Pubblica) in the measurement and monitoring of public service delivery by subnational governments. To this end, the paper focuses on the use of performance indicators by Britain’s Audit Commission through the Comprehensive Performance Assessment (CPA).

_

Key words: Local governments, Performance assessment, Control