Articoli

logoA.P.nuovo

Il bilancio degli atenei: criteri di analisi e prime evidenze

Nel paper si intende valutare il contributo del nuovo sistema di reporting alla comprensione della situazione economico-finanziaria delle università italiane. Compiuto il passaggio alla contabilità “economico-patrimoniale”, è necessario ora porsi nella prospettiva dell’utilizzo delle informazioni offerte dal nuovo sistema. Basato sui risultati di un gruppo di lavoro che ha coinvolto 19 atenei, il paper propone un modello interpretativo per la valutazione della sostenibilità economico-finanziaria, presentando altresì i risultati di una prima applicazione sui bilanci di 10 università. Dall’analisi emergono alcuni caratteri comuni a tutte le università (solidità finanziaria), mentre per altri profili il quadro risulta frammentato. I dati segnalano che alcuni atenei si stanno avvicinando più velocemente ad un modello di entrepreneurial university.

_________________________________________
The paper aims at evaluating the contribution offered by the new financial reporting system to the understanding of their financial sustainability. After having implemented the accrual accounting system, it is now necessary to start debating on the use of the information obtained. The paper discloses the results of a study group of scholars and practitioners. The group developed a model for the financial analysis of universities and used it in 10 institutions. These early evidences show that while the financial position of all institutions is quite strong, the performances are differentiated. Some institutions show more capability to diversify incomes and lower risk aversion.

Key words: Higher Education, Financial statements analysis, Financial sustainability, Financial strategy

logo azienda pubblica

Il nuovo sistema contabile delle università

La riforma del sistema contabile delle università pubbliche è il tema al quale Azienda Pubblica dedica questo numero speciale. L’articolo di apertura ha un taglio prevalentemente teorico. Innanzitutto, il contributo propone alcune considerazioni sui potenziali elementi di incoerenza fra le disposizioni normative che disciplinano il nuovo sistema contabile degli atenei, consolidati principi della teoria contabile e la migliore prassi maturata nelle imprese. In particolare, ci si sofferma, per un verso, sulle potenziali criticità derivanti dalle differenze fra le soluzioni contabili dettate dal legislatore per le università e per le altre amministrazioni pubbliche con particolare riguardo al ruolo della contabilità a base economicopatrimoniale e, per l’altro, sull’interpretazione teorica del principio di unicità del bilancio, uno dei cardini della riforma oggetto di approfondimento nell’intero numero speciale. A questo specifico riguardo, una particolare attenzione è posta sulla necessità che i documenti contabili di sintesi siano in grado di soddisfare le attese informative di tutti i portatori di interessi e non solo di una parte, anche rilevante, degli stessi. Nella parte conclusiva, l’articolo suggerisce spunti di riflessione teorica, di portata più generale, su alcune chiavi interpretative utili per spiegare le cause e indagare gli effetti dei processi di cambiamento dei sistemi contabili delle amministrazioni pubbliche. Più specificatamente, si rende evidente la necessità di considerare gli effetti che il mutamento dei sistemi contabili genera nelle “situazioni sociali” che caratterizzano l’operare degli atenei, in alternativa alla tradizionale prospettiva funzionalista.

_______________________________________

Azienda Pubblica devotes this special issue to the reform of the accounting system of public universities. The opening article is mainly theoretical. The paper proposes some considerations on the potential inconsistency between the regulations governing the new accounting system of the universities, consolidated theoretical accounting principles and best business practices. In particular, the contribution is focused, on the one hand, on the potential problems arising from differences between the accounting solutions dictated by law for universities and other public administrations with special regard to the role of accrual accounting and, on the other hand, on the theoretical interpretation of the principle of universality of the budget, one of the cornerstones of the reform debated in the special issue. In greater detail, special attention is given to the capacity of the new budget and financial reports to satisfy the informative expectations of all stakeholders and not just even a large portion of the them. In the final section, the article gives some theoretical insights, providing interpretative keys helpful in explaining the causes and in investigating the effects of the processes of change of public accounting systems. More specifically, this section suggests analysing the effects that the change of accounting systems generates in the “social situations” that characterize the management of the universities, as a possible alternative to the traditional functionalist perspective.

_

Key words: Accounting reforms, University

logo azienda pubblica

La misurazione delle performance economico-finanziarie delle università pubbliche italiane. Logiche e strumenti nel nuovo sistema di contabilità

Negli studi di teoria della finanza, è noto che la creazione di valore rappresenta un obiettivo aziendale imprescindibile: la sfida che viene lanciata al sistema universitario pubblico italiano dalle novità normative in materia di contabilità è quella di mettere al centro della gestione degli atenei pubblici percorsi virtuosi che consentano di coniugare, al contempo, gli obiettivi istituzionali della creazione di saperi specialistici e di supporto alla competitività del Paese con il conseguimento di adeguati risultati aziendali, in grado di assicurare equilibrio economico e finanziario e autosufficienza patrimoniale in una logica di sviluppo, autonomia gestionale e durabilità. L’adozione di un sistema contabile “accrual basis” pone tuttavia diverse problematiche con riferimento alla interpretazione delle misure di performance economico-finanziaria degli atenei, nell’ambito di una visione più sistematica che impone alla gestione delle Università anche capacità di attrazione di studenti e risorse finanziarie, qualità dei sistemi di ricerca e di didattica e meccanismi di internazionalizzazione dei saperi e di innovazione tecnologica.

______________________________________

In finance theory studies, value creation is known to be a key corporate objective. The challenge presented to Italian public universities by the regulatory changes in the accounting system entails putting virtuous paths at the centre of public university management that enable pursuing the institutional objectives of creating specialized knowledge while also sustaining Italy’s competitiveness through achieving adequate business results to ensure economic and financial equilibrium and self-sufficiency in the quest for development, managerial autonomy and durability. However, the adoption of an “accrual basis” accounting system poses several problems in terms of the interpretation of the financial-economic performance of universities. The more systematic management of universities also requires the ability to attract students and financial resources, high quality research and teaching standards, and internationalization of knowledge and technological innovation.

__

Key words: University, Performance, Accrual Accounting

logo azienda pubblica

Il patrimonio vincolato nel bilancio degli atenei: significato, funzionamento contabile delle poste, implicazioni gestionali

La riforma dell’università italiana (legge 240/2010) ha sostituito la contabilità finanziaria con quella economico-patrimoniale. Anche il budget segue il criterio di competenza economica, pur conservando carattere autorizzatorio. L’articolo analizza il rapporto tra il budget economico e la composizione del Patrimonio Netto nel bilancio d’esercizio: in particolare, viene esaminato il trattamento contabile delle poste di Patrimonio Netto vincolato. L’articolo, anche in un quadro di confronto internazionale, evidenzia come, a fronte di costi autorizzati ma successivamente non sostenuti, si renda necessario vincolare una parte del patrimonio netto degli enti. L’analisi consente di fornire indicazioni utili agli organi istituzionali, sia sul significato di alcune scelte in fase di programmazione, che sull’interpretazione del risultato d’esercizio.

______________________________________

Italy reformed its Higher Education system with the law 240/2010. The reform enacted the shift from modified cash accounting to an accrual-based system, both in budgeting and financial reporting. The budget authorises now expenses and investments, instead of expenditures: the article explores the effects that the use of an authorising budget may have on the financial statements. In particular, we emphasise the need to allocate part of the result of the period to the restricted equity when expenses authorised in the budget do not incur in the same period. The article has practical implications for the governing committees of universities, since it clarifies the implications of some budgeting decisions as well as the meaning of the result of the period.

__

Key words: Accounting system, universities, restricted equity

logo azienda pubblica

Ammortamenti e capital maintenance nella nuova disciplina dei bilanci universitari

Negli atenei statali con rilevanti immobilizzazioni di proprietà, l’informazione economica prevista dalle norme d’imminente applicazione (D.Lgs. 18/2012, D.I. 19/2014) sarà significativamente influenzata dai valori di prima iscrizione delle immobilizzazioni e dal peso dei relativi ammortamenti. I criteri al riguardo previsti, tuttavia, presentano margini interpretativi tanto ampi da minare l’utilità comparativa. Inoltre, la loro formulazione denuncia un’insufficiente meditazione sul modello di capital maintenance in essi implicito, che può tradursi, in prospettiva temporale, nel graduale e dissimulato deterioramento delle risorse su cui la capacità erogativa delle aziende universitarie si fonda.

______________________________________

The new Italian legislation on public universities financial statements (D.Lgs. 18/2012, D.I. 19/2014) provides criteria on valuation and amortization of properties plant and equipment whose interpretation may lead to uncomparability of the economic performance information. What is more relevant, such criteria do not seem to adequately consider the capital maintenance implication of the amortization process, which may turn out to impair the operating capability of universities in the long run.

_

Key words: Depreciation, Capital Maintenance, Universities

logo azienda pubblica

Criticità e limiti del budget nel nuovo sistema contabile universitario

Gli interventi normativi che hanno coinvolto gli atenei (statali) italiani hanno modificato il sistema contabile tradizionalmente utilizzato a favore di un sistema a base economico-patrimoniale. In questo nuovo contesto, i documenti previsionali di bilancio (budget economico e budget degli investimenti) vengono costruiti sulla base di valori diversi rispetto al sistema precedente, portando con sé problematiche concettuali e operative non banali. Mancando a oggi alcuni importanti decreti attuativi, il dibattito potrebbe riassumersi tra due visioni alternative, una più ancorata al tradizionale sistema in contabilità a base finanziaria, una seconda più rivolta verso il nuovo sistema a base economico-patrimoniale. Il lavoro si pone l’obiettivo di riassumere specificità e criticità che potrebbero caratterizzare un sistema di budget che, all’interno della nuova architettura contabile, utilizzi valori ancora ancorati al sistema a contabilità finanziaria.

______________________________________

Within the reform process of Italian higher education institutions one of the main innovations is the introduction of accrual accounting system, which involves both the programming (ex-ante) and the assessment (ex-post) processes. In particular, within the budgeting activity, Legislative Decree n. 18/2012 requires the use of two budget tools, the “economic budget” and the “investments
budget”, whose detailed content are not yet identified. Therefore universities are still engaging in dialogues about the specific features concerning budgets: on one hand, the (new) budget system may maintain strong linkages with the previous cash accounting system, on the other hand it may become an effective tool reporting information on resources used based on the (new) accrual accounting system. The paper aims to summarize recent studies on accrual budget and to shed light on the possible developments of budgeting tools.

_

Key words: University, Accrual accounting system, Cash accounting system, Budget

logo azienda pubblica

La programmazione delle università italiane si rinnova: riflessioni e primi riscontri empirici

Il presente lavoro si focalizza sulla programmazione economico-finanziaria delle università pubbliche italiane. S’intende analizzare e confrontare i documenti previsionali annuali e pluriennali di tali atenei per perseguire tre obiettivi conoscitivi: verifica dell’esistenza di un uniforme modello di budget economico e degli investimenti; ruolo del bilancio di previsione non autorizzatorio in contabilità finanziaria; peculiarità e problematiche del processo di programmazione e dei relativi strumenti. La ricerca si avvale anche dei risultati di un’indagine empirica svolta sui 20 atenei italiani che hanno utilizzato strumenti di programmazione in contabilità economico-patrimoniale almeno dal 2013.

_____________________________________

This article deals with Italian State universities economic and financial programming system. Analysing and comparing the annual and triennial budgets, we want to pursue three main aims: verification of the existence of a uniform model of accrual based economic budget and investments budget; role of the cash based budget; peculiarities and problems of the programming process and the connected tools. An empirical analysis has been conducted too, based on the 20 Italian State universities who have used accrual based programming tools since at least 2013.

_

Key words: Budget, Accrual Accounting, Universities

logo azienda pubblica

L’introduzione della contabilità-economico patrimoniale nelle università tra adeguamento alle norme e nuovi paradigmi emergenti: il caso Uniclam

Negli ultimi anni, il settore accademico italiano è stato caratterizzato da una fase di cambiamenti che hanno avuto un impatto significativo sul modo di lavorare dei soggetti coinvolti nella gestione e nell’amministrazione delle università. Le università, intese come learning organization, evidenziano la necessità di utilizzare per la loro gestione logiche e strumenti derivanti dal settore privato, nonché di adottare un approccio imprenditoriale nell’organizzazione delle stesse. Tramite l’analisi del caso dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, si avvalora la tesi che il passaggio alla contabilità economico-patrimoniale voluto dalla legge Gelmini possa rappresentare uno strumento utile per rispondere alla terza mission e, dunque, promuovere lo sviluppo economico locale.

_____________________________________

In recent years, the Italian Academic sector has been characterized by a phase of changes that have had a material impact on the way to work of all parties involved in the administration and management of universities. The new role of universities as learning organizations confirms the need to adopt a new management logic and tools that comes from the private sector. Based on the case study analysis of the University of Cassino and Southern Lazio, the introduction of accrual accounting required by the Gelmini’s law should be seen as a tool to achieve the third university mission and to support the regional economic development.

_

Key words: University, Accrual Accounting, Entrepreneurship, Innovation

logo azienda pubblica

Università e Azioni Positive. Un’analisi delle strategie formulate

A partire dagli anni Novanta, l’Unione Europea ha investito sulla promozione della parità di genere nelle università, intesa quale azione finalizzata a contrastare la dispersione di talenti femminili e favorire la creazione di un’area scientifica europea di eccellenza. Uno degli approcci elaborati per la promozione della parità di genere prevede la formulazione di “azioni positive”, ossia misure volte a rimuovere gli ostacoli che di fatto impediscono la realizzazione di pari opportunità negli ambienti di lavoro. In Italia, alle università è richiesta la formulazione dei Piani di Azioni Positive per promuovere la parità di genere (L. 125/1991). Attraverso un’analisi documentale dei suddetti piani, il lavoro indaga le strategie formulate dalle università statali per promuovere le pari opportunità.

______________________________________

Since the end of nineties, the European Union has strongly committed to promote gender equality at universities in order to prevent the waste of female talents, as well as to foster the creation of a European research area for excellence and growth. In so doing, it has undertaken three main approaches: equal treatment, positive actions, and gender mainstreaming. In particular, positive actions include the adoption of measures targeting the special needs of women in order to overcome their position of inequality in society. In Italy, universities are required to formulate specific Positive Action Plans in order to enable women to overcome their unequal position in society (law 125/1991). The paper uses documentary analysis to investigate gender strategies formulated by Italian State Universities within their Positive Action Plans.

_

Key words: University, Positive Action Plan, Gender Strategies

logo azienda pubblica

Il bilancio sociale nelle Università tra compliance formale e disclosure sostanziale. Un’analisi empirica nel contesto italiano

Lo studio, ponendosi nella prospettiva della crescente esigenza di accountability che caratterizza la realtà economico-aziendale, si concentra sulla rendicontazione sociale sviluppata dalle Università italiane. Obiettivo dell’analisi è comprendere se gli Atenei virtuosi (ossia, quelli che hanno predisposto continuativamente un bilancio sociale) abbiano fornito solo informazioni di carattere formale, per raggiungere scopi di mera legittimazione o, viceversa, abbiano, altresì, garantito una sostanziale coerenza e valenza dei contenuti informativi. La ricerca si avvale di una meaning oriented content analysis per un campione di bilanci sociali redatti da 7 Università per il periodo 2010-2012. I risultati evidenziano alcuni miglioramenti nel corso degli anni sebbene, al contempo, mostrino l’esistenza di una rendicontazione sociale che sconta tuttora annosi problemi di incoerenza ed è ancora troppo orientata verso la legittimazione formale piuttosto che verso una vera e propria volontà di instaurare un flusso di dialogo con le parti interessate.

_____________________________________

This study focuses on social reporting practices developed by Italian Universities, to find out if “virtuous” Universities (i.e., those that have prepared a social report each year) have provided only formal information, merely for legitimacy purposes, or rather have divulged a disclosure which is substantially consistent with stakeholder information needs. The research employs a meaning oriented content analysis for a sample of social reports continuously prepared by 7 Italian universities for the period 2010-2012. The findings highlight the persistence of long-standing problems of inconsistency, with disclosure still oriented towards formal legitimacy rather than a genuine desire to establish a flow of dialogue with stakeholders.

_

Key words: University, Social reporting, Compliance

logo azienda pubblica

Customer satisfaction, commitment, loyalty e implicazioni nella governance delle università: una ricerca esplorativa

Gli studi sul commitment sono stati utilizzati in diversi ambiti disciplinari e applicati a diversi settori per analizzare non solo aspetti connessi al governo delle risorse umane, ma anche problematiche connesse alle strategie aziendali. Il paper si propone di valutare le relazioni sussistenti fra customer satisfaction, commitment e scelte degli studenti in termini di fedeltà all’Università ( loyalty). Lo strumento di analisi utilizzato è un modello di equazioni strutturali testato su un campione di studenti dell’Università degli Studi di Salerno. Il lavoro supporta l’ipotesi che, anche nel campo universitario, il commitment (e in particolare il commitment affettivo) è una variabile connessa sia alla customer satisfaction che alla loyalty, divenendo chiaramente un importante elemento di cui tener conto nelle scelte di governo degli atenei.

_____________________________________

Commitment studies have been applied to several disciplinary fields and in various sectors in order to analyze elements related not only to human resource management, but also to business strategy issues. The paper aims to assess the relations existing between customer satisfaction, commitment, and student loyalty towards a University. The analysis is based on a structural equation model which has been tested on a sample of students from the University of Salerno. The study supports the hypothesis that commitment (especially affective commitment) is a variable connected with both customer satisfaction and loyalty, even in an academic contest. Commitment is thus confirmed to be an increasingly important element for university governance.

_

Key words: Loyalty, University, Commitment

logo azienda pubblica

Il processo di cambiamento del sistema contabile nelle università: aspettative, difficoltà e contraddizioni

L’articolo muove dall’assunto teorico che la contabilità non è solo una tecnica o una tecnologia, ma anche una pratica sociale e istituzionale e si avvale dei contributi dottrinali sui processi di cambiamento contabile delle pubbliche amministrazioni. Il contributo propone alcune riflessioni critiche sulle conseguenze della prossima adozione da parte delle università pubbliche di un sistema di contabilità e bilancio a base economico-patrimoniale. Come esempio emblematico della problematicità della transizione in atto, si esamina la relazione fra il risultato di amministrazione, rilevato dalla preesistente contabilità a base finanziaria, e il patrimonio netto, mettendo in evidenza le difficoltà a mantenere inalterato il sistema dei vincoli che caratterizzava il precedente regime contabile.

_____________________________________

The article is supported by the doctrinal contributions on the change processes of public accounting and is based on the theoretical assumption that accounting is not just a technique or technology, but also a social and institutional practice. The paper proposes some critical reflections on the implications of the forthcoming adoption by public universities of an accrual-based system of budgeting and accounting. As a symbolic example of the problematic nature of this adoption, the paper examines the relationship between the projected cash balance, as quantified by the (commitment-based) budgetary accounting approach used in the previous accounting regime, and equity, highlighting the difficulties of maintaining the system of constraints that characterized the old accounting regime.

_

Key words: University, Accrual accounting, Equity

logo azienda pubblica

Il ruolo del Bilancio Sociale nelle Università pubbliche italiane: una riflessione sullo stato dell’arte

Il paper intende indagare sull’adozione del Bilancio Sociale nelle Università pubbliche italiane, con l’obiettivo, in particolare, di ricostruirne lo stato dell’arte e di riflettere sul possibile ruolo di tale documento nel superamento della crisi di legittimazione che sta caratterizzando il sistema universitario italiano. Per raggiungere tale obiettivo l’articolo analizza 30 Bilanci Sociali realizzati da 15 Atenei pubblici negli ultimi anni. I risultati emersi evidenziano che le indubbie potenzialità del Bilancio Sociale non sono pienamente sfruttate dalle Università italiane soprattutto in termini di apertura verso il complesso dei propri stakeholder.

_____________________________________

This paper aims to investigate the adoption of Social Report by Italian public Universities. Specifically, the aim is to provide the state of the art and explore the potential role of Social Report in supporting public Universities to overcome the gap of legitimacy they are currently facing in Italy. To address these issues, we rely on the analysis of 30 Social Reports drawn up by 15 Italian Universities in the last years. Evidence shows that Italian Universities do not fully exploit the potentialities of Social Report to communicate with their stakeholders.

_

Key words: University, Social Report, Legitimacy

logo azienda pubblica

La pianificazione strategica nelle università: alcune evidenze empiriche dall’Italia e una proposta metodologica 

L’articolo tratta il tema della pianificazione strategica nelle università, alla luce degli adempimenti richiesti dalla normativa italiana e delle evidenze emergenti dalla prassi. Il primo paragrafo introduce alcune considerazioni in termini di adempimenti legislativi e di implicazioni gestionali. Il secondo paragrafo descrive le prassi di redazione e comunicazione dei piani strategici emergenti da una ricerca empirica sulle università italiane, mentre il terzo paragrafo suggerisce un approccio metodologico al processo di pianificazione strategica. Dalle conclusioni emerge una scarsa propensione degli atenei a impostare un completo ciclo di pianificazione e controllo, e ancor più la scarsa propensione a rendere pubblici i propri piani.

______________________________________

This article deals with strategic planning in universities, considering both the legislative requirements and the emerging practices of Italian universities. The first section introduces some general observations in terms of regulatory prescriptions and management implications. Section 2 describes the practices of Italian universities with respect to the preparation and communication of strategic plans. Section 3 outlines a methodological framework for the strategic planning process. The conclusions highlight the low propensity of universities to set up a complete planning and control process and to publish their strategic plans.

_

Key words: Strategic planning, Universities

logo azienda pubblica

La misurazione del capitale intellettuale nel settore universitario. Un modello di analisi basato sulla logica fuzzy

Nell’economia attuale, basata sulla conoscenza, il capitale intellettuale (CI), definibile come sistema di risorse cognitive ed intangibili in grado di garantire differenziali competitivi sostenibili e duraturi alle organizzazioni, è visto come elemento essenziale per la creazione del valore in ogni tipo di organizzazione. Esiste un crescente interesse nell’applicare l’approccio basato sul CI per gestire le università, i cui principali obiettivi sono la produzione e diffusione della conoscenza. In linea generale, i metodi per misurare il CI possono essere distinti in due filoni, quello misurazionale, teso a sviluppare metodi in grado di assegnare un valore economico al CI e quello gestionale, focalizzato sulla creazione, utilizzazione e gestione del CI. L’articolo ha l’ambizione di combinare le due differenti scuole di pensiero, attraverso l’utilizzo di un metodo, la fuzzy logic, che utilizzando indicatori per lo più qualitativi produce come output finale un numero. Il modello è stato creato ad hoc ed applicato al settore universitario austriaco, in considerazione del fatto che le università austriache sono obbligate per legge (UG 2002) a pubblicare i propri report del CI.

______________________________________

In the current knowledge-based economy, intellectual capital (IC), definable as the system of cognitive and intangible assets able to guarantee sustainable and durable competitive advantages to an organization, is viewed as an essential condition for value creation in any kind of organization. Recently, there has been a growing interest in applying an IC approach to the management of universities, whose main goals are the production and diffusion of knowledge. In general, IC assessment methods can be divided into two streams: the measurement stream, aimed at producing a number expressive of the IC’s economic value, and the management stream, mainly focused on IC creation, management and utilization. This article has the ambition to combine these two different schools of thought by singling out an index, based on IC qualitative indicators, that returns a numeric value through a fuzzy logic methodology. The model has been created ad hoc and applied to the Austrian university sector, due to the fact that Austrian public universities are the first institutions worldwide obliged by law (UG 2002) to publish IC Reports.

_

Key words: Intellectual capital, Universities, Fuzzy logic