Articoli

Logo SIDREA

Il contributo del Bilancio Sociale alla valutazione della performance delle aziende museali

La crescente attenzione verso il museo inteso come azienda ha portato negli ultimi anni ad approfondire lo studio delle logiche alla base della misurazione, valutazione e comunicazione della performance museale (Magliacani, 2008). In tali realtà aziendali è chiaro come la compenetrazione tra azienda, comunità e società è particolarmente evidente tanto da rendere imprescindibile un sistema di rilevazione/comunicazione orientato a fornire le più adeguate e tempestive conoscenze sulla performance a chi gestisce l’azienda oltre che attivare quei flussi informativi verso l’esterno idonei a garantire, tra l’altro, la necessaria trasparenza con riferimento non solo ai flussi economico-finanziari ma anche agli outcome prodotti dall’azienda museale. Sulla scorta di tali considerazioni appare evidente come la rendicontazione di tipo sociale, che trova la sua più diffusa espressione nel cosiddetto bilancio sociale, possa essere considerata per i suoi risvolti pratici un importante tema di studio in ambito museale (Carli e Magliacani, 2007; Manetti e Sibilio, 2014; Sanesi, 2014). Il presente contributo intende in particolar modo indagare su come il concetto di performance possa configurarsi in ambito museale e come esso possa trovare adeguata rappresentazione utilizzando gli strumenti di rendicontazione sociale. Privilegiare il bilancio sociale come unità di analisi deriva dal fatto che tale tipo di rendicontazione nelle aziende operanti in ambito pubblico o di imprenditoria sociale può essere identificata quasi come il documento di riferimento per la comunicazione istituzionale (Magliacani e Monfardini, 2010). Nello svolgere tale analisi, utilizzeremo come riferimento teorico il paradigma mission-governance-accountability (Matacena, 2007). […]

Key-Words: Rendicontazione sociale

Logo SIDREA

Tradizione e innovazione della comunicazione non finanziaria: la prontezza delle società quotate all’adozione della direttiva 2014/95/UE

La comunicazione non finanziaria è oggetto di particolare attenzione da parte degli studiosi, soprattutto in questi ultimi anni in cui la crisi finanziaria ha evidenziato i limiti della comunicazione ristretta ai soli aspetti economico-finanziari come interpretativa del contributo delle aziende al sistema economico-sociale. Questa ricerca prende in considerazione la direttiva 2014/95 quale innovazione nell’ambito della comunicazione non finanziaria e si pone il duplice obiettivo, da un lato di chiarire la portata di tale intervento di legge nella relazione tra comunicazione non finanziaria e finanziaria, dall’altro di evidenziare, mediante una ricerca empirica sulle relazioni sulla gestione delle società quotate nel Mib40, la predisposizione delle aziende alla sua adozione. La ricerca evidenzia come, ad un anno dalla applicazione della direttiva comunitaria, siano ancora poche le aziende che hanno allineato i propri schemi comunicativi alla norma, e che in sede di implementazione sia necessaria una chiara azione regolamentativa da parte del legislatore al fine di assicurare l’adozione di modelli comunicativi omogenei e comparabili da parte delle aziende.

Key-Words: Rendicontazione sociale

Logo SIDREA

The relationship between board composition and corporate social performance. A comparison between family and non-family firms in the Italian context

This article aims to investigate, whether and to what extent, the corporate governance (CG) choices affect the firm performance (FP), measured in term of corporate social performance (CSP). The main theoretical framework behind the supposed relationship between CG and firm performance (FP) is the Agency Theory framework. Modern corporations are characterized by the separation of ownership and control. This means that the owners (principals) employ the executives (agents) to maximise their investment in the corporation. The agent, while charged to maximise firm value, perceives opportunities to maximise his/her own utility. To protect the owners’ interests, minimise agency costs and ensure principal–agent interest alignment, Agency Theory prescribes compensation schemes and corporate governance (CG) mechanisms (Jensen and Meckling, 1976). CG mechanisms can be divided into external (monitoring by block holders and analysts, external auditors, competition and takeovers, regulation and enforcement) and internal (the board of directors and its committees, the audit committee, the ownership structure) (Brown et al., 2011), nevertheless the board of directors is unanimously considered one of the key governance tools, its main task being to monitor executives on behalf of the shareholders (Hermalin and Weisbach, 1991). Managerial literature is plenty of empirical studies addressed to provide evidence of the link between board of directors and FP, mainly financial performance, under different theoretical perspectives, nevertheless the findings of the empirical studies are mixed1. A recent review (Bronzetti et al., 2016) hypothesize as likely causes of these no homogeneous results, beyond the different variables used to measure CG and FP, the missing consideration of the peculiarities of the context analyzed. […]

Key-Words: Rendicontazione sociale

Logo SIDREA

Corporate water disclosure: its role in the governing mechanism

Il seguente paper si inserisce all’interno degli studi in Social and Environmental Accounting and Reporting. Con Social and Environmental Accounting and Reporting si intende un insieme di tecniche, processi, strumenti e modelli impiegati per la produzione di account sugli impatti sociali ed ambientali dell’attività economica operativa delle aziende. Gli account prodotti possono assumere diverse forme tra cui, Corporate Water Discolure (segue come CWD), che può essere considerato come uno dei meccanismi tramite il quale l’azienda può rendicontare l’acqua. All’interno di questa relazione le responsabilità, ovvero l’accountability, hanno un ruolo centrale. Se consideriamo i meccanismi di governing come l’insieme di tecniche messe in atto per controllare e dirigere determinati fenomeni il CWD può avere un ruolo all’interno di questo contesto, e questo è il contributo che questo lavoro offre. L’approccio teorico adottato per studiare e comprendere il ruolo del CWD all’interno dei meccanismi di governing è ispirato al frame work della governmentality (Foucault 2005, Dean 2010). Il paper è suddiviso in tre parti principali. Una prima parte introduce il contesto e l’area di studio, nonché la review della letteratura al fronte di presentare la domanda di ricerca. Nella seconda parte si introduce il framework teorico utilizzato per la lettura dei dati, con particolare riferimento al concetto di governmentality e di government. Il paper si conclude con l’introduzione del case study e la metodologia utilizzata per la raccolta ed elaborazione dei dati.

Key-Words: Rendicontazione sociale, social accounting, governmentality, governing, case study research

 

Logo SIDREA

Rilevanza del capitale intellettuale e sua incidenza sui valori di mercato nelle grandi imprese quotate italiane: elementi di misurazione e rendicontazione

Nell’ambito degli studi economico-aziendali, uno degli elementi che ha prodotto lo sviluppo di un rilevante filone disciplinare interessato allo studio delle risorse intangibili è stata la rilevazione di ampi differenziali sui mercati quotati fra valore di borsa e valore del patrimonio netto delle imprese. I primi studi in materia sottolineavano questo aspetto come una attribuzione da parte del mercato di un valore non riconosciuto dalla tradizionale informativa contabile, espressione appunto dei fattori intangibili incorporati nel potenziale di crescita dell’impresa, definito ben presto come capitale intellettuale. L’analisi del legame fra il rapporto fra valori di mercato e del patrimonio netto (Market to Book Ratio, MBR) con il ruolo e il rilievo delle risorse intangibili, effettivo o percepito dal mercato, è rimasto nel corso degli anni uno dei settori di studio più sviluppati da parte degli studiosi che si occupano di intangibles, sebbene diversi studi ne abbiano messo in luce alcuni punti critici, da un punto di vista sia della sua validità intrinseca, sia del suo contributo all’avanzamento degli studi sul capitale intellettuale. Nell’ambito di questo quadro teorico, il presente lavoro si pone lo scopo di verificare alcuni quesiti di ricerca legati a tale filone disciplinare, avendo a riferimento come base empirica le grandi aziende quotate sulla Borsa Valori di Milano. In particolare, i quesiti di ricerca a cui si cercherà di rispondere sono i seguenti: 1) nell’attuale scenario di riposizionamento dei mercati, quale segnale sulle prospettive future viene fornito dal MBR? 2) emerge un legame consistente fra MBR e rendicontazione volontaria delle risorse intangibili? 3) nell’ambito della disclosure aziendale, dove trova spazio (se trova spazio) la rendicontazione delle risorse intangibili? In tali casi sono descritti i processi di misurazione che hanno portato alla loro rilevazione? Al fine di sviluppare questi quesiti di ricerca, si è scelto di concentrare l’analisi sulle 20 maggiori aziende italiane per capitalizzazione, quotate in Borsa Valori a Milano, alla luce del fatto che tali aziende possano essere le più idonee ad identificare le risposte ai quesiti di ricerca sollevati, sia per ciò che riguarda gli scenari di crescita futuri, sia per quanto attiene alla rendicontazione extra-contabile volontaria.

Key-Words: Rendicontazione sociale

Tabella 1

Logo SIDREA

Aziende, amministrazione razionale e impatto sociale

Sin dalle prime opere dei maggiori esponenti della scienza economica, si è sempre profilata una centralità della persona nel ciclo economico. Lo scopo di ogni attività umana si coniuga nell’esaudire quegli impulsi personali che stimolano ogni soggetto al raggiungimento di obiettivi prefissati, e si configurano sotto forma di bisogni e necessità. La soddisfazione di questi bisogni è il centro dell’operato proprio e degli altri soggetti che compongono l’ambiente sociale di riferimento della persona. Le aziende, secondo una prima definizione in quest’ottica, coniata da Zappa, altro non sono che una “coordinazione economica in atto, istituita e retta per il soddisfacimento di bisogni umani” (Zappa, 1950), o meglio “un istituto economico destinato a perdurare che, per il soddisfacimento di umani bisogni, ordina e svolge, in continua coordinazione, la produzione o il procacciamento e il consumo della ricchezza” (Zappa, 1957). Analogamente, Ferrero ricordava che “l’azienda è lo strumento dell’umano operare nell’attività economica” (Ferrero, 1968). Secondo queste accezioni si conferisce così all’azienda una natura strumentale e secondaria rispetto alla volontà e ai bisogni della persona, che perdura congiuntamente alla persona e oltre la sua esistenza. Le aziende assumono quindi una dimensione “nello spazio” e “nel tempo” (Puddu, 2010). La dimensione spaziale si concretizza nella necessità di monitorare le proprie performance sotto l’aspetto finanziario (generazione o consumo di risorse finanziarie), economico (creazione o consumo di fattori produttivi) e patrimoniale (generazione o consumo di ricchezza), nonché sotto l’aspetto “sociale” (generazione di impatto, positivo o negativo, sulla società, l’ambiente, i lavoratori, le comunità in cui opera, secondo criteri “non finanziari” e di sostenibilità). […]

Key-Words: Rendicontazione sociale

Logo SIDREA

Territory entities process to implement social and environmental accounting  and reporting: some drivers and actions in theory and praxis

This paper want  to respond to the research question: “What are the drivers that are capable of territory process implementation of social and environmental accounting and reporting, both in theory and in praxis?” The research design will involve a literature review of the new challenges that entities will face in the future and the emerging needs of a new paradigm that derives from enterprise culture innovation. Research methodology will involve research case and qualitative approach (SEAR).

Key-Words: Rendicontazione sociale

Tab. 2 – Mechanisms-Structures

Logo SIDREA

Analisi del contenuto dei sustainability report dei produttori di batterie per veicoli elettrici

 

Tra le incertezze legate alla diffusione dei veicoli elettrici (EVs), si può considerare l’elevato costo delle batterie che alimentano tali veicoli. Tuttavia, si dibatte sul potenziale beneficio che può derivare in termini ambientali dall’uso di EVs. In tale quadro, la presente ricerca intende evidenziare, attraverso la lente dei sustainability report dei produttori di batterie agli ioni di litio, alcune caratteristiche di tale prodotto ed il relativo legame con l’industria automobilistica. In particolare, i profili che si intendo indagare sono principalmente legati al costo, alla durata/capacità, alla sicurezza, alle relazioni con produttori di EVs, all’energy storage. Tale analisi permette di evidenziare nella prospettiva del management quali aspetti sono più enfatizzati e qual è la loro prospettiva futura sul tema oggetto di indagine.

Key-Words: Rendicontazione sociale, sustainability report, analisi del contenuto, mobilità elettrica, veicoli elettrici, batterie agli ioni di litio

Tabella 1 – Descrizione dei sustainability report e delle parole chiave per gruppi di temi

Tabella 2 – Caratteristiche delle frasi analizzate

 

Logo SIDREA

L’influenza delle caratteristiche del board sulla carbon disclosure. Evidenze empiriche in Italia

 This study aims to examine the influence that some characteristics of the board of directors can have on reporting choices on greenhouse gas (GHG) emission, which has become a remarkable topic over the last years. Using the stakeholder theory as theoretical lens, we intend to verify whether the board composition and board diversity represent a significant determinant of the carbon disclosure. The content analysis is conducted in Italy because the Government has recently declared the reduction of emissions (in accordance with the Kyoto Protocol parameters) as a national policy objective to be achieved by 2020. Moreover, Italy covers the third position in Europe for number of installations of polluting plants. The empirical analysis was conducted through the OLS method which has confirmed that the inclusion of independent directors, as well as a more marked diversity of the board – in the form of gender and geographical component – impacting positively on the voluntary carbon disclosure. Board independence and board diversity are key factors that encourage most marked transparency mechanism for the benefit of stakeholders. Our findings should be useful for top managers and regulators who are interested in improving corporate governance practices and climate-change strategies.

Key-Words: Rendicontazione sociale, carbon disclosure, board composition, board diversity

 

 

logo azienda pubblica

Accountability e strumenti di rendicontazione sociale nelle province italiane

L’obiettivo di questo lavoro è verificare la diffusione della rendicontazione sociale all’interno delle province italiane, oggetto di particolare attenzione nell’ambito delle disposizioni per la revisione della spesa pubblica introdotte dal decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95. Attraverso lo svolgimento di una ricerca empirica su tutte le province italiane sono stati analizzati gli strumenti utilizzati per la rendicontazione sociale, gli attori coinvolti e le criticità incontrate al fine di proporre delle indicazioni manageriali che potrebbero essere utili in fase di un eventuale accorpamento delle province e di un miglior utilizzo e diffusione degli strumenti collegati alla rendicontazione sociale all’interno degli enti locali.

_______________________________________

The purpose of this work is to verify the diffusion of social reporting among the Italian provinces, object of particular attention under the public spending review provisions introduced by Decree-Law 6th of July 2012, number 95. The tools used for social reporting, the players involved and the critical aspects were analyzed through an empirical research on all the Italian provinces. All this in order to propose managerial guidelines that might be useful in case of eventual unification of provinces and in case of better use of instruments connected to social reporting within local governments.

_

Key words: Social reporting, Local authorities, Accountability

logo azienda pubblica

Nuovi sviluppi in tema di rendicontazione sociale nelle Federazioni Sportive Nazionali (FSN)

Obiettivo del presente lavoro è quello di evidenziare i recenti sviluppi in tema di rendicontazione sociale che hanno interessato, negli ultimi anni, le Federazioni Sportive Nazionali. In particolare, si intende indagare i fattori che esercitano un’influenza sull’adozione del bilancio sociale e l’impatto che tale strumento di social reporting produce all’interno delle realtà sportive federali. In questo scenario, le FSN confermano la loro posizione di rilievo per l’utilità sociale del loro operato poiché svolgono una funzione di sviluppo del sistema sportivo, educativo e di benessere sociale. Nello specifico il bilancio sociale ha permesso di attivare un “circolo virtuoso” di programmazione gestione-rendicontazione-verifica dei risultati, in grado di accrescere la responsabilizzazione dell’organizzazione sul raggiungimento degli scopi sociali ed istituzionali, offrendo al tempo stesso agli interlocutori esterni una modalità di valutazione sul merito dell’operato della federazione.

_____________________________________

The aim of this paper is to highlight the new trends in the field of social reporting that have involved the National Sports Federations (FSN) in recent years. Our purpose was to investigate a) the factors that effect the adoption of social reporting, and b) the effects that the latter produces on these organizations. In this scenario, the FSNs confirm the social utility of their activities, with specific respect to the development of sports, educational and social welfare. In particular, social reporting has activated a “virtuous circle” of planning-management-accounting-control, which can increase accountability throughout the organization in order to achieve social and institutional goals and to enable external stakeholders to assess the federation’s performance.

_

Key words: Accountability, Social reporting, National Sports Federations