Articoli

Logo SIDREA

Caratteristiche dell’organo amministrativo e performance/valore aziendale: cornice teorica e verifica empirica

Il presente contributo esamina la possibile influenza (il “co-effetto”) delle caratteristiche del board of directors sulla performance aziendale. Più precisamente, dopo una preliminare review della letteratura, si è analizzata la recente practice delle prime cento società quotate nel mercato regolamentato italiano ordinate per capitalizzazione di mercato (fotografate al 2015). Lo studio empirico – coerentemente con il framework teorico di riferimento (note le principali teorie coinvolte quali l’agency, la stewardship e la resource dependency theory) – è stato condotto mediante il ricorso a statistiche descrittive e correlative, l’enunciazione delle assumptions e l’esecuzione della modellistica econometrica inferenziale. Quest’ultima, in particolare, ha utilizzato i caratteri strutturali e funzionali del board come explanatory variables e la performance/value come variabile di risposta. Si è quindi avuto modo di verificare il possibile ‘ruolo’ di talune caratteristiche del board nella determinazione di migliori / peggiori performances ‘contabili’ (Modello I – OLS) ed ‘economiche’ (Modello II – OLS), oltre che nella tendenziale spinta alla ‘creazione’ (o distruzione) ‘di valore’ addizionale (Modello III – LOGIT). Sono emersi alcuni interessanti findings, statisticamente significativi (come l’influenza negativa di: età dell’A.D., numero meetings, CEO donna, board size e numero comitati istituiti, cui si contrappone l’influenza positiva del numero degli altri incarichi), consentendo, in definitiva, una maggiore seppur ancora limitata comprensione del binomio governance / performance nel quadro del delicato e controverso periodo investigato (2014/15 per il board e 2015/16 per la performance). Il perimetro spazio-temporale della ricerca richiama, per il futuro, l’opportunità di uno sviluppo delle osservazioni empiriche per mezzo di un modello longitudinale comparato del tipo panel data.

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance

Tab. 5-Matrice delle correlazioni per coppie di variabili

Logo SIDREA

I “segni” della performance: il ruolo del guest book nella produzione di informazioni

La valutazione delle performance dei musei necessita l’adozione di strumenti in grado di stimolare la partecipazione dei visitatori, in quanto attori del processo di creazione del valore. Per comprendere la capacità informativa di uno degli strumenti maggiormente utilizzati in tale contesto, il Guest Book, è stato esaminato il caso dei Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia. L’indagine evidenzia la potenzialità di tale strumento nella produzione di performance information “non-routinarie”, in grado di intercettare le percezioni di un pubblico complesso e variegato. I risultati confermano la rilevanza del Guest Book tra gli strumenti di performance information, ma contemporaneamente la sua complementarietà rispetto ad essi, in particolare al Questionario di Visitor Satisfaction. Lo studio approfondisce il tema delle performance information in ambito museale, introducendo nuove direttrici di ricerca in ottica interdisciplinare.

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance, performance information, guest book, museo, questionario, visitor satisfaction, valore creato

 

Logo SIDREA

Il contributo individuale alla performance dei team: un’applicazione della O-Ring Theory

Il presente articolo investiga il tema della valutazione della performance dei team nel settore della football industry, con l’obiettivo di dimostrare se, all’interno di un team, esistano individui in grado di influenzare in misura maggiore i risultati di un’organizzazione e se esistano parametri di performance che consentano l’identificazione di tali individui. La ricerca è stata condotta attraverso l’applicazione del framework teorico dell’O-Ring Theory. Il metodo di ricerca utilizzato è di tipo esplorativo, con un’analisi empirica basata su tre distinte ipotesi, avente il fine di verificare quale soggetto all’interno di un team è in grado di spiegare maggiormente il risultato della squadra. I risultati della ricerca, derivanti dall’applicazione del modello di regressione lineare bivariata, propongono alla comunità scientifica e agli addetti del settore un modello di valutazione delle performance generalizzabile a tutti i sistemi che presentano un elevato grado in interdipendenza tra gli individui che lo compongono. Partendo dall’analisi della football industry si intende estendere i risultati ad altri settori economici nell’ottica di individuare un sistema che consenta di ottenere elevate performance aziendali.

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance, valutazione delle performance, squadre di calcio professionistiche, O-Ring Theory

Logo SIDREA

Servitization strategy as a driver of performance: interpreting empirical evidence

Worldwide there has been a significant change in the economic output structure during the last decades. Services are dominating in the traditionally industrialized world (USA and Europe), accounting for over 70% of gross domestic product and continue to grow (WTO, 2010). While service industry in these countries is thriving, manufacturing firms are facing substantial challenges. Manufacturers might enhance their competitive position starting to rely also on service offerings, a process which has been termed “servitization”. Servitization is a trend in which “more and more corporations throughout the world are adding value to their core corporate offerings through services” (Vandermerwe and Rada, 1988). Literature on service (Gebauer et al., 2005) highlights the “service paradox” where substantial investment in extending the service business leads to increased service offerings and higher costs but does not generate the expected correspondingly higher returns. More services doesn’t autoatically mean more revenues and profits. The paper aims at verifying the relationship between servitization and financial performance (service paradox) analysing some variables affecting financial performance. The paper uses a wider service classification and different financial performance measures compared to previous studies. The empirical analysis is performed on firms belonging to manufacturing industries related to machinery, computer and electronic products, electrical equipment, appliance and components, transportation equipment, furniture and related products. After a first selection, the data on 10.995 companies were collected from the ORBIS database, and then the paper focusses on a dataset of 572 companies. The analyses performed consider the provenance of firms and distinguish between EU 15 versus the BRIC countries. In order to better describe the different servitization approaches we use an exploratory multivariate data analysis technique, Multiple Correspondence Analysis.

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance

Logo SIDREA

Performance management systems: unfolding the social rubric. A case from the Italian public sector

The aim of this study is to offer a glimpse into an institutional context during the emergence of New Public Management (NPM) inspired pressure to implement the balanced scorecard (BSC). Drawing on Granlund’s framework (2001) and Giddens’ (1979) structuration theory, we engage insights from a longitudinal case study of an Italian Local Authority to show how the process of agency is exercised by the managers against the required implementation of the BSC. This analysis suggests a re-interpretation of Granlund’s (2001) factors of inertia (human, institutional and economic) in terms of balance among the three factors and inclusion of a historic and cultural-specific perspective. The findings also encourage a broader consideration of the agency of managers in a public entity before the design and enhancement of a NPM tool.

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance, performance management, Italian public sector, balanced scorecard, structuration theory, factors of change and stability

 

Logo SIDREA

Making performance measurement effective: from Knaves to Knights through the managerial approach

 

In healthcare the concept of value have been defined in different ways, however most commonly this involves the degree to which services are delivered effectively (higher quality) and efficiently (lower total cost of care). Health policies, mirroring this perspective, aim both at controlling public expenses, and at improving the quality of care, often through the development of frameworks for performance measurement (PM). Through PM frameworks, policy-makers set performance indicators and the associated targets for the achievement of healthcare improvement goals, and this allows the definition and setting of priorities, it expresses a commitment to achieve specified objective in a defined period, and it helps to monitor their progress (Smith et al 2009). This implies that the frameworks of PM are effective when they are able to promote the implementation of health policies, creating high-level political and administrative commitment to particular results, and providing a basis for follow up and evaluation (Smith et al 2009). However, a large part of literature demonstrates that healthcare organizations and professionals perceived the evaluation process as an exogenous, time-consuming, and potentially damaging exercise, and they often react through gaming behaviours, compromising the performance measurement effectiveness. The aim of this short paper is to contribute to the debate on the effective design and implementation of performance measurement system at governance level, with a specific focus on the healthcare sector. In particular, we propose a theoretical interpretation of the barriers affecting such initiatives – namely the implicit adoption of the agency theory assumptions –, and we propose the adoption of the pragmatic approach of management studies to overcome these obstacles. […]

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance

Logo SIDREA

Crisi, performance e rischio finanziario delle imprese romagnole

Rispetto alla grande crisi del 1929 quelle attuali presentano caratteristiche assai differenti. Nel mondo occidentale l’economia industriale è stata ormai soppiantata dall’economia finanziaria. Quanto è successo sui mercati finanziari mondiali può avere effetti notevoli sull’equilibrio economico e finanziario delle società italiane, per via diretta ed indiretta. Dal 2008 gli effetti reali della crisi finanziaria hanno iniziato ad abbattersi sul nostro sistema di imprese provocandone il peggioramento delle generali condizioni di profittabilità ed esponendolo maggiormente al rischio di credito. In realtà, sebbene le imprese abbiano reagito in modo diverso alla crisi, la loro condizione è generalmente peggiorata a causa di un duplice effetto. Da un lato, per la contrazione delle attività reali e, dall’altro, per le politiche più restrittive nella concessione del credito che gli istituti bancari sono stati costretti ad adottare dopo che lo shock finanziario si è abbattuto anche sui loro conti di bilancio. In uno scenario come questo è maturata la consapevolezza del peggioramento delle condizioni finanziarie delle imprese che si è manifestato in una minore capacità di rimborso dei prestiti nei tempi previsti ed in un minor mantenimento degli obblighi contrattuali, in generale con tutta la platea dei creditori, ma soprattutto con gli istituti bancari. Obiettivo del presente lavoro è analizzare, partendo dalle informazioni contenute nella banca dati AIDA dal 2012 al 2014, la dinamica temporale di due tra le più rilevanti caratteristiche delle maggiori imprese romagnole, ossia la redditività ed il rischio finanziario. L’analisi, che ha escluso le società finanziarie (banche ed assicurazioni) nonché le holding finanziarie, ha interessato il gruppo delle prime cento aziende per fatturato presenti nel territorio romagnolo e dunque nelle sue tre province (Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini). Le aziende considerate hanno sede direzionale, amministrativa ed operativa nella Romagna; è peraltro possibile che alcune tra esse abbiano sede legale al di fuori del territorio considerato, così da fornire un’adeguata rappresentazione dell’economia del territorio. La metodologia implementata (cluster analysis) ha teso a fornire una stratificazione delle imprese osservate in cinque classi di performance complessiva per ognuno dei tre anni considerati al fine di verificare se nel corso del tempo la composizione dei vari segmenti individuati fosse rimasta sostanzialmente la stessa e se i valori medi sottostanti l’aggregazione delle unità nelle varie classi fossero sensibilmente variati. I risultati ottenuti consentono di trarre alcune conclusioni che si spera di poter a breve integrare correlando la conoscenza delle dinamiche delle variazioni delle caratteristiche aziendali indagate con le possibili cause del loro specifico manifestarsi.

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance, redditività, rischio finanziario, cluster analysis.

 

logo azienda pubblica

L’applicazione del d.lgs. 150/2009 negli enti locali tra opportunità e rischi. L’esperienza del Comune di Livorno

Il tema della misurazione delle performance è ormai da tempo centrale anche nel settore pubblico, tuttavia, sia a livello nazionale che internazionale, viene sottolineato lo stadio di sviluppo ancora non particolarmente evoluto piuttosto elementare dei sistemi di misurazione. L’emanazione del d.lgs. 150/2009 ha indubbiamente rappresentato l’occasione per “rivitalizzare” l’attenzione sul tema che, nella visione del legislatore, viene affrontato ricomponendo a sistema una serie di valori che erano già presenti nelle riforme precedenti. Obiettivo del lavoro è quello di individuare, mediante l’analisi di un caso sulla base degli approcci teorici e delle prassi più evolute, quali siano alcune delle possibili condizioni e le soluzioni tecniche affinché l’applicazione del decreto 150/2009 possa costituire fattore di reale cambiamento nei processi di programmazione, controllo e valutazione delle performance.

_____________________________________

Performance measurement has taken on a central role also in the public sector. Nevertheless in both the national and the international context, the ongoing debate underlines that measurement systems are still at a basic stage of development. The issue of legislative decree n.150/2009 undoubtedly has represented an opportunity to “revive” interest in this subject which, from the legislator’s point of view, involves reconstructing a set of values that had already been introduced in earlier reforms. The aim of this paper is to identify, through the analysis of a case study using the most advanced theoretical approaches and practices, the conditions and technical solutions that would allow the application of decree 150/2009 to be a real driver of change in the processes of planning, control and evaluation of performance.

_

Key words: Performance measurement and evaluation, Local government