Articoli

logoA.P.nuovo

Promozione dell’equità in sanità e programmazione aziendale: evidenze da uno studio di caso esplorativo

Questa ricerca analizza gli strumenti ed i processi attraverso cui le aziende sanitarie promuovono il principio di equità, integrandolo nell’ambito della programmazione aziendale. Affrontare e contrastare le disuguaglianze di salute è un tema prioritario a livello sia di politiche pubbliche, sia di interventi aziendali. In particolare, le aziende sanitarie hanno una responsabilità fondamentale nell’attivare processi programmatori ed attuativi volti alla riduzione delle disuguaglianze di salute, anche tramite l’applicazione di specifici strumenti di analisi e valutazione dell’equità. La letteratura aziendalistica offre, tuttavia, scarse evidenze a tale proposito. I risultati di questo lavoro, basati su uno studio di caso esplorativo, evidenziano una diffusa sensibilizzazione culturale relativa all’equità all’interno dell’azienda oggetto di studio, unita all’applicazione sperimentale di alcuni strumenti ad hoc, anche in sede di programmazione. Nel contempo, si illustrano una serie di complessità riconducibili alla natura del principio di equità, che si caratterizza per essere ampio, elusivo e difficilmente misurabile.

__________________________________________________

This study explores the instruments and the processes through which healthcare organizations promote the health equity principle and integrate it within their organizational planning. Addressing and opposing health inequalities is a priority issue in terms of both public policies and organizational actions. In particular, healthcare organizations have a fundamental responsibility in activating decision-making and implementation processes aimed at reducing health inequalities, also through the application of specific tools for analyzing and assessing health equity. In this respect, however, little empirical evidence is to date offered by the management literature. The results, based on an exploratory case study, highlight a pattern of widespread cultural sensitization related to health equity across the organization, coupled with the experimental application of some ad hoc tools, within organizational planning too. The findings also illustrate several complexities deriving from the nature of the health equity principle itself, which appears to be broad, elusive, and difficult to measure.

_

Key words: Equity, Healthcare organizations, Organizational planning

Logo SIDREA

Il processo di budget e l’interiorizzazione dei valori: il caso di un ospedale italiano

Il budget è tipicamente considerato uno strumento di controllo formale. Esso tuttavia incorpora valori aziendali e strategici che, se interiorizzati, favorirebbero sia la realizzazione degli obiettivi di budget sia il percorso strategico dell’azienda. Il paper studia, integrando letteratura di management accounting e letteratura relativa alla self-determination theory, un caso aziendale di un’azienda ospedaliera che, nel corso del tempo, ha introdotto meccanismi e strumenti di coinvolgimento e integrazione in un’ottica di allineamento degli obiettivi individuali rispetto ai valori aziendali. L’analisi evidenzia le criticità del settore sanitario, ma offre anche spunti sia ai practitioner sia agli studiosi che vogliano meglio comprendere i meccanismi di interiorizzazione dei valori aziendali.

Key-Words: Aziende sanitarie

Logo SIDREA

Evidence-based policy making: the case of Sardinian patients mobility for hospital treatments

“Patients mobility” is a well-known and widespread phenomenon of increasingly importance both in Europe and worldwide. In Europe it has been regulated since the Seventies to allow people temporarily abroad to get treatments to be funded by their home healthcare systems (Legido-Quigley et al, 2007). Later, in the Nineties the European Court of Justice expanded the possibility for citizens to receive needed treatments in member states, even without authorization from the home country and quite recently the Directive 2011/24/EU allows European citizens the right to choose among health care providers across all member states (Brekke et al, 2014). Similarly, in the US citizens travel to get access to higher quality treatments (Laugesen & Vargas-Bustamente, 2010). Even within single countries there may be patients mobility. This happens wherever the national health system is organized on regional basis and there are “patient choice” policies in place so that a single citizen can choose where to receive the treatment freely. Italy perfectly fits such model and several studies have been conducted on Italian data (i.e. Agenas, 2012). Patient mobility has been widely studied both by scholars of Economics and Healthcare: the formers are interested mainly in understanding reasons and economic consequences of citizens’ search for healthcare services in different places from where they live (Glinos et al, 2012; Levaggi & Zanola, 2004; Cantarero, 2006; Glinos et al, 2010). As a matter of fact, mobility generates a flux of resources moving in the opposite direction of patients in order to reimburse the organizations providing the treatments for non-residents. […]

Key-Words: Aziende sanitarie

Logo SIDREA

Medical managers’ managerial self-efficacy and role clarity: how do they bridge the budgetary participation –performance link?

The introduction of New Public Management inspired reforms in healthcare has encountered the resistance of many healthcare professionals who perceived the managerial approach to healthcare as a challenge to their professional culture, legitimacy, autonomy, and power (see, for example, 1, 2). The emergence of professional hybrids, such as medical managers in healthcare, i.e. individuals with a professional education and background who enter managerial roles was expected to avoid clashes between managerial and professional demands and reduce resistance to a more “managerial thinking” by healthcare professionals (e.g.: 4,5,6). Despite their potentially pivotal role in addressing professional resistance to managerialism, medical doctors entering hybrid roles might experience organizational-professional conflicts, i.e. an inconsistency experienced by employed professionals between the requirements of their employer and those of their vocation (7). Such an inconsistency experienced by professionals in the requirements of their employer and those of their vocation might have significant effects on hospital performance, in which quality-oriented objectives and economic-oriented objectives should be balanced in order to satisfy stakeholders. Although hybrid roles in healthcare have increasingly attracted a great deal of political and research interest (4, 3) and a body of research has already focused on professional identity and role conflict experienced by clinicians entering managerial positions how conflicts associated with hybrid roles could be overcome still remains unclear. […]

Key-Words: Aziende sanitarie

Logo SIDREA

Governance variables and equity in italian health care system. Some critical considerations

The institutional system of federalist type that is developing in Italy makes the study of the impact of health systems on health particularly relevant. The National Health Service has been characterized by a large and deep process of decentralization with transfer of responsibilities from the central to regional level, giving rise to – in fact – a plurality of regional health systems (Jommi, Cantù, and Anessi Pessina,  2001, Formez 2007; ASR 2007). In this process of decentralization of health governance, regional health systems that have emerged have specific characteristics in terms of health needs and hence the demand for health care, both at the organizational level of care offering health benefits, with different results in the context of health outcomes produced. Although the scientific community has largely accepted the fact that health inequalities are largely external to the healthcare system (Perucci 2004; Costa et al. 2004; Bunker et al 1994), the differentiation in the organization of health that is being achieved in Italian regions suggests it should to be kept under control, since it may be a harbinger of forms of production and reproduction of health inequalities alternatives to the traditional cleavage of social stratification (Lucchini et al. 2009). Equity in access to health care is one of the fundamental principles of the Italian health system: it is expressed in the right of all citizens with the same levels of need to access necessary health care. […]

Key-Words: Aziende sanitarie

Logo SIDREA

Le case della salute all’interno dei nuclei di cure primarie: efficacia del processo di cambiamento organizzativo

Il processo di sviluppo manageriale delle cure primarie ha conosciuto, negli ultimi anni, una significativa accelerazione anche all’interno del nostro Paese, specie in alcune realtà regionali. In questo mutato scenario sono divenuti particolarmente importanti gli strumenti di governo della medicina generale e si è, in un certo senso, intensificata l’esigenza di individuare gli elementi maggiormente efficaci, capaci di supportare detto cambiamento. Il presente lavoro si pone l’obiettivo di discutere se, e in che misura, i diversi strumenti gestionali adottati, impattino sulla capacità dell’azienda di raggiungere risultati in termini di efficacia, inserendosi nella prospettiva di analisi più ampia, ovvero analizzare come le cure primarie abbiano influito sulle performance delle singole aziende sanitarie coinvolte nel processo di cambiamento. La ricerca analizza cinque casi ritenuti significativi all’interno di un contesto regionale nel quale la medicina di base, gestita attraverso nuclei di cure primarie che si attivano con l’apertura di case della salute, ha sicuramente avuto una rilevanza non trascurabile. Il contributo si articola in una prima parte all’interno della quale si propone una contestualizzazione nell’ambito della principale letteratura di riferimento; una seconda parte nella quale si presentano le realtà analizzate e si propone la descrizione, all’interno di ognuna, dei fattori gestionali scelti a supporto del cambiamento; una terza parte nella quale, invece, si individuano quelli che possono essere alcuni importanti indicatori prestazionali cercando di spiegare e motivare la relazione esistente tra di loro ed i fattori di cui al punto procedente; un’ultima parte, infine, nella quale si cerca di addivenire a qualche importante conclusione proponendo poi possibili sviluppi futuri alla ricerca stessa. […]

Key – words: Aziende Sanitarie

Logo SIDREA

L’impiego dei costi standard per la valutazione delle prestazioni ospedaliere: alcune riflessioni sulle percezioni dei medici

A seguito dell’introduzione del sistema di rimborso mediante DRG l’utilizzo dei costi standard nella gestione delle aziende ospedaliere è divenuto uno strumento imprescindibile. Attraverso l’analisi di 81 questionari, compilati dai medici ospedalieri della regione Puglia, il presente studio esamina i benefici e i limiti derivanti dall’utilizzo dei costi standard, sia come sistema di controllo, per rispettare i limiti delle tariffe stabilite dai DRG, sia come strumento manageriale per il monitoraggio e la valutazione dell’attività dei singoli operatori. Le prime evidenze empiriche dimostrano che i medici riconoscono la validità dei costi standard per il raggiungimento degli obiettivi di efficienza ed efficacia delle aziende ospedaliere, anche se mostrano perplessità sull’utilizzo dei DRG per la valutazione delle loro prestazioni. Probabilmente, ciò è dovuto alla scarsa conoscenza delle logiche manageriali, le cui dinamiche sfuggono al loro modus operandi. I Dirigenti e i Responsabili di struttura, più consapevoli delle implicazioni dell’impiego dei costi standard, valutano, infatti, positivamente il loro utilizzo anche per il monitoraggio e la valutazione della performance dei singoli medici.

Key – words: Aziende Sanitarie

 

Logo SIDREA

L’introduzione di un sistema di prezzi di trasferimento per i servizi offerti dal Dipartimento di Anestesia e Rianimazione nell’AOU Pisana

Le strutture ospedaliere si configurano come organizzazioni collaborative, nelle quali, all’elevato livello di integrazione verticale e di diversificazione, si associa una forte complessità organizzativa che molto spesso, il sistema di rilevazione interno fatica a descrivere nel suo funzionamento coordinato. All’interno di questo tipo di organizzazioni, a causa delle modalità con cui il servizio viene reso, che implica la partecipazione di più unità organizzative, si verificano intensi scambi interni di beni e servizi tra i centri di responsabilità, la tecnica dei prezzi di trasferimento può assumere rilevanza strategica a fini conoscitivi sia per quantificare i costi dei servizi intermedi, in modo da determinare un costo pieno del servizio quanto più possibile aderente al rispetto del principio funzionale, sia per promuovere comportamenti organizzativi coerenti con l’ottenimento del servizio e con l’utilizzo adeguato delle risorse. La riduzione costante delle risorse disponibili e le crescenti misure regionali di contenimento di alcune voci di spesa, imposte dalle direttive nazionali e regionali nel triennio 2013-2015, hanno imposto alle aziende sanitarie, e quindi anche all’ Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana (AOUP), l’introduzione di meccanismi stringenti di controllo dei costi. In un contesto a risorse incerte e vincolate, la volontà di sostenere la mission aziendale ha indotto il management a ricercare misure in grado di esplicare la propria efficacia in maniera durevole e nel lungo periodo, restituendo consapevolezza alle politiche operative e contrastando al contempo la convinzione distorta che i sistemi contabili possano agire in modo distaccato o autonomo dall’operatività aziendale. […]

Key – words: Aziende sanitarie

logo azienda pubblica

Il lean thinking tra efficienza, efficacia e valore nell’azienda pubblica: il caso dell’azienda ospedaliera universitaria senese

Il contributo discute le potenzialità e le condizioni di applicabilità del Lean Thinking (LT) all’interno delle amministrazioni pubbliche (AP), presentando uno specifico caso in ambito sanitario. Le finalità perseguite con il lavoro sono due: a) mostrare come sia possibile applicare i principi e gli strumenti tipici del LT in settori di produzione di servizi pubblici; b) contribuire allo sviluppo di un framework teorico che possa essere di ausilio ai fini dell’individuazione e comprensione dei principali elementi di successo per una positiva e sostenibile implementazione dei principi e degli strumenti Lean nelle AP, con specifico riferimento al settore della Sanità analizzato in questo lavoro e in un’ottica di generazione di “valore pubblico”.

_____________________________________

This article focuses on the adoption of Lean Thinking (LT) in the public sector by presenting a specific case study of a health-care organisation. The objective pursued by this paper is two-fold: a) to show how LT principles and tools can be applied to public services; and b) to contribute to the development of a theoretical framework for the identification of key success factors in the useful and sustainable implementation of LT tools and principles in the public sector, with specific respect to health care and to the generation of “public value”.

_

Key words: Lean thinking, Public management, Operations management, Health-care organizations

logo azienda pubblica

Le criticità della disarmonia contabile: il caso delle aziende sanitarie

L’analisi di numerosi bilanci delle aziende sanitarie italiane, in particolare nelle regioni sottoposte ai “piani di rientro”, ha portato alla luce numerose condotte che non sempre rispettano i principi contabili, con risultati reddituali spesso sottoposti a revisione, con dimensioni quantitative quasi mai certificate, spesso fortemente influenzate da componenti straordinarie. Il lavoro vuole fornire linee guida di riconoscibilità di tali patologie, in vista della redazione corretta dei valori aziendali di sintesi, sulla base di corretti principi, al fine di migliorare l’attendibilità delle informazioni di bilancio.

______________________________________

The article analyses the financial statements produced by Italians public health-care organisations, especially in the Regions subjected to “financial recovery plans”. In many cases, these statements did not comply with the relevant accounting standards, had to be amended because of accounting irregularities and misrepresentations, contained large extraordinary revenues and expenses; very few were certified by external auditors. The article then presents some guidelines on how to spot these pathologies, providing a basis for an improvement in the statements’ reliability.

0

Key words: Public-sector accounting, Accounting harmonization, Health care