La misurazione delle performance economico-finanziarie delle università pubbliche italiane. Logiche e strumenti nel nuovo sistema di contabilità

Anteprima

Negli studi di teoria della finanza, è noto che la creazione di valore rappresenta un obiettivo aziendale imprescindibile: la sfida che viene lanciata al sistema universitario pubblico italiano dalle novità normative in materia di contabilità è quella di mettere al centro della gestione degli atenei pubblici percorsi virtuosi che consentano di coniugare, al contempo, gli obiettivi istituzionali della creazione di saperi specialistici e di supporto alla competitività del Paese con il conseguimento di adeguati risultati aziendali, in grado di assicurare equilibrio economico e finanziario e autosufficienza patrimoniale in una logica di sviluppo, autonomia gestionale e durabilità. L’adozione di un sistema contabile “accrual basis” pone tuttavia diverse problematiche con riferimento alla interpretazione delle misure di performance economico-finanziaria degli atenei, nell’ambito di una visione più sistematica che impone alla gestione delle Università anche capacità di attrazione di studenti e risorse finanziarie, qualità dei sistemi di ricerca e di didattica e meccanismi di internazionalizzazione dei saperi e di innovazione tecnologica.

______________________________________

In finance theory studies, value creation is known to be a key corporate objective. The challenge presented to Italian public universities by the regulatory changes in the accounting system entails putting virtuous paths at the centre of public university management that enable pursuing the institutional objectives of creating specialized knowledge while also sustaining Italy’s competitiveness through achieving adequate business results to ensure economic and financial equilibrium and self-sufficiency in the quest for development, managerial autonomy and durability. However, the adoption of an “accrual basis” accounting system poses several problems in terms of the interpretation of the financial-economic performance of universities. The more systematic management of universities also requires the ability to attract students and financial resources, high quality research and teaching standards, and internationalization of knowledge and technological innovation.

__

Key words: University, Performance, Accrual Accounting

Bibliografia
  1. Achim W., Auer M., Ritter T. (2006), “The impact of network capabilities and entrepreneurial orientation on university spin-off performance”, Journal of Business Venturing, 21(4), pp. 541-567.
  2. Anessi Pessina E., Steccolini I. (2007), “Effects of budgetary and accruals accounting coexistence: evidence from Italian local governments”, Financial Accountability & Management, 23(2), pp. 113-131.
  3. Anessi Pessina E., Steccolini I. (2013), “Il pareggio di bilancio tra equilibri di sistema e equilibri aziendali”, Azienda Pubblica, 26(4), pp. 503-511.
  4. Angiola N. (2008), Percorsi di modernizzazione dell’azienda pubblica locale, Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane.
  5. Anselmi L. (2009), “I cambiamenti contabili nella amministrazioni pubbliche alla luce degli International Accounting Standard per il settore pubblico”, in: Anselmi L., Donato F., Giovanelli L., Pavan A., Zuccardi Melli M., I principi contabili internazionali per le amministrazioni pubbliche italiane, Milano: Giuffrè Editore, pp. 1-14.
  6. Anselmi L., Pavan A., Reginato E. (2012), “Cassa, competenza finanziaria e competenza economica: la scelta delle basi contabili in un sistema armonizzato di contabilità pubblica”, Azienda Pubblica, 25(1), pp. 53-67.
  7. Autio E. (1997), “New, technology-based firms in innovation networks symplectic and generative impacts”, Research Policy, 26(3), pp. 263-281.
  8. Barnabè F. (2009), La cultura della valutazione nelle Università, Padova: Cedam.
  9. Barzelay M. (2001), The New Public Management, Berkeley, CA: University of California Press.
  10. Biondi L. (2013), L’Università in cambiamento. Riflessioni in tema di contabilità e bilancio, Torino: Giappichelli.
  11. Borgonovi E. (2004), Ripensare le amministrazioni pubbliche. Tendenze evolutive e percorsi di approfondimento, Milano: Egea.
  12. Borgonovi E. (2005), Principi e sistemi aziendali per le amministrazioni pubbliche, Milano: Egea.
  13. Borgonovi E., Rusconi G. (a cura di) (2008), La responsabilità sociale delle istituzioni di pubblico interesse, Milano: Franco Angeli.
  14. Bouckaert G. (1993), “Measurement and Meaningful Management”, Public Performance & Management Review, 17(1), pp. 31-43.
  15. Bouckaert G., Hall igan J. (2008), Managing Performance: International Comparison, London: Routledge.
  16. Bouckaert G., Peters B.G. (2002), “Performance Measurement and Management: The Achille’s Heel in AD.M.inistrative Modernization”, Public Performance & Management Review, 17(3), pp. 359‐362.
  17. Broglia Guiggi A., Mion G., Vinco C. (2011), Controllo e valutazione nelle università statali tra continuità e riforma, Quaderni Monografici Rirea, n. 96, Roma: Rirea.
  18. Campedelli B., Cantele S. (2010), “Governance, strategie e performance dell’azienda università”, in: Airoldi G., Brunetti G., Corbetta G., Invernizzi G., Economia Aziendale & Management. Scritti in onore di Vittorio Coda, Milano: Egea.
  19. Capaldo P. (1967), Capitale proprio e capitale di credito nel finanziamento d’impresa, Milano: Giuffrè Editore.
  20. Catturi G., Grossi G., Riccaboni A. (2004), Evoluzione storica e prospettive della contabilità negli Atenei italiani, in: Annali di Storia delle Università Italiane, Vol. 8, Bologna: CISUI.
  21. Charles D., Conway C. (2001), Higher education-business interaction survey, Centre for Urban and Regional Development Studies, University of Newcastle, Newcastle Upon Tyne.
  22. Coda V. (1995), L’orientamento strategico d’impresa, Torino: Utet.
  23. Cosenz F. (2011), Sistemi di governo e di valutazione della performance negli atenei, Milano: Giuffrè.
  24. Cugini A. (a cura di) (2008), La misurazione della performance negli atenei. Logiche, metodi ed esperienze, Milano: Franco Angeli.
  25. D’Alessio L. (2012), “Logiche e criteri di armonizzazione nelle recenti normative di riforma della contabilità pubblica”, Azienda Pubblica, 25(1), pp. 23-39.
  26. De Bruijn H. (2007), Managing Performance in the Public Sector, London: Routledge.
  27. De Lancer Julnes P., Holzer, M. (2001), “Promoting the Utilization of Performance Measures in Public Organizations: An Empirical Study of Factors Affecting Adoption and Implementation”, Public AD.M.inistration Review, 61, pp. 693‐708.
  28. De Toni A.F., Montagner M., Tonchia S., Zanchetta A. (2008), “Misurare le performance delle Università”, Sviluppo & Organizzazione, 9-10.
  29. Ellw ood S., Newberry S. (2007), “Public Sector Accrual Accounting: Institutionalising Neo-Liberal Principles?”, Accounting, Auditing & Accountability Journal, 24(4), pp. 549-573.
  30. Ferrero G. (1988), La valutazione del capitale di bilancio. Logica economico- quantitativa della valutazione. Legislazione vigente e direttive comunitarie. Principi contabili, Milano: Giuffrè Editore.
  31. Gatti C. (2014), La misurazione della performance nel governo delle imprese, Padova: Cedam.
  32. Halachmi A., Bouckaert G. (1996), Organizational performance and measurement in the public sector. Toward service, effort and accomplishment reporting, Westport: Quorum Books.
  33. Hatry H.P. (2002), “Performance Measurement: fashions and fallacies”, Public Performance & Management Review, 25, pp. 352‐358.
  34. Hood C. (1991), “A public management for all seasons?”, Public AD.M.inistration, 69, pp. 3‐19.
  35. Hood C. (1995), “The ‘New Public Management’ in the 1980s: variations on a theme”, Accounting, Organizations and Society, 20(2), pp. 93-109.
  36. Johansson M., Jacob M., Hell ström T. (2005), “The strength of strong ties: University spin-offs and the significance of historical relations”, The Journal of Technology Transfer, 30(3), pp. 271-286.
  37. Jones L., Mussari R. (2004), “Management Control Reform in the Public Sector: Contrasting the USA and Italy”, in: Jones L., Schedler K., Mussari R. (a cura di), Strategies for Public Management Reform, Elsevier: London, pp. 205-226.
  38. Kettl D.F. (2005), The Global Public Management Revolution, Washington, DC: Brookings Institution Press.
  39. Lai A. (2010), “Il ruolo dell’Università nel rapporto tra impresa e lavoro”, in: Airoldi G., Brunetti G., Corbetta G., Invernizzi G., Economia Aziendale & Management. Scritti in onore di Vittorio Coda, Milano: Egea.
  40. Lee A.T. (1974), Income and Value Measurement: Theory and Pratice, London: Chapman & Hall.
  41. Meneguzzo M. (1997), “Ripensare la modernizzazione amministrativa e il New Public Management. L’esperienza italiana: innovazione dal basso e sviluppo della governance locale”, Azienda Pubblica, 17(6), pp. 587-606.
  42. Moore M.H. (1995), Creating Public Value, Cambridge, MA: Harvard University Press.
  43. Mussari R. (2012), “Brevi considerazioni sui mutamenti in atto nei sistemi di contabilità pubblica”, Azienda Pubblica, 25(1), pp. 11-21.
  44. Mussari R. (2013), “Pareggio e bilancio pubblico: un equilibrio da ripensare”, Azienda Pubblica, 26(4), pp. 513-529.
  45. Mussari R., Sostero U. (2014), “Il processo di cambiamento del sistema contabile delle università: aspettative, difficoltà e contraddizioni”, Azienda Pubblica, 27(2), pp. 125-147.
  46. Onesti T., Romano M., Taliento M. (2011), Il bilancio delle imprese. Finalità, principi e comportamenti contabili alla luce delle teorie, delle norme e degli standard contabili nazionali e internazionali, Torino: Giappichelli.
  47. Onida P. (1971), Economia d’azienda, Torino: Utet.
  48. Paletta A. (2006), “Comunicazione agli stakeholders e pratiche contabili delle università”, in: Mazza C, Quattrone P., Riccaboni A. (a cura di), L’Università in cambiamento tra mercato e tradizione, Bologna: Il Mulino, pp. 249-286.
  49. Paolini A., Soverchia M. (2013), “Le università statali italiane verso la contabilità economico-patrimoniale ed il controllo di gestione”, Management Control, 3(3), pp. 77-98.
  50. Pedron L. (2006), “Il comportamento strategico gestionale delle Università italiane”, Azienda Pubblica, 25(3).
  51. Rebora G. (2003), “La valutazione degli atenei: alla ricerca della qualità”, Azienda Pubblica, 5-6, pp. 411-437.
  52. Rispoli M. (1999), “Il governo dell’Università tra missione e strategia”, Sinergie, 48.
  53. Rota S., Sicilia M., Steccolini I. (2012), Bilancio e misurazione della performance nelle amministrazioni pubbliche, Milano: Maggioli.
  54. Salvatore C. (2012), Il cambiamento della governance delle Università italiane come strumento di corretto governo, Quaderni Monografici Rirea, n. 99, Roma: Rirea.
  55. Shane S.A., Stuart T. (2002), “Organizational endowments and the performance of university start-ups”, Management Science, 48(1), pp. 154-170.
  56. Shane S.A. (2004), Academic entrepreneurship: University spinoffs and wealth creation, Northampton: Edward Elgar Publishing.
  57. Siegel D.S., WalD.M.an S., Link A. (2003), “Assessing the impact of organizational practices on the relative productivity of university technology transfer offices: an exploratory study”, Research Policy, 32(1), pp. 27-48.
  58. Simons R. (2004), Sistema di controllo e misure di performance, Milano: mEgea.
  59. Strassoldo M. (a cura di) (2001), L’azienda Università, Torino: ISEDI.
  60. Zuccardi Melli M., Bonollo E. (2013), “I controlli manageriali nelle Univer sità”, in: Anselmi L., Donato F., Marino’ L., Pavan A., Zuccardi Melli M., Il declino del sistema dei controlli manageriali nelle pubbliche amministrazioni, Milano: Franco Angeli.
  61. Zucker L.G., Darby M.R., Arm strong J.S. (2002), “Commercializing knowledge: University science, knowledge capture, and firm performance in biotechnology”, Management Science, 48(1), pp.138-153.