Logo SIDREA

Social Impact Investment: social and financial returns related to risks. A theoretical approach

An increased interest surrounds the theme of Social Impact Investment from both academics and practitioners. It becomes much more trigger investing on social performance instead of pursuing only financial returns. However, there are not clear-cut definitions and boundaries on this issue. Moreover, little has been talking about the construction of an impact investing portfolio optimization. Thus, this field of research needs to be analysed in deep. With the aim of adding improvements, the paper provides a literature review on the terms around the Social Impact Investments landscape. Furthermore, the paper gradually achieves a methodological framework analysing the crucial metrics for the impact investing decision making: financial return, social impact related to risks. The final objective is to provide a preliminary approach in order to develop a formal model that measures the social impact related to investments taking into account both financial and social risks. Further research will certainly go in the direction of making proofs by analysing the case of “Banca Prossima” that has specific criteria assignments for the non-profit sector.

Keywords: Etica e responsabilità sociale, Social Impact Investments, Impact Investing, Social Impact & Risk Assessment

Figure 1. A comprehensive analysis of the forward-thinking view of social impact related to risk

Figure 2. The forward-thinking view of financial return, social impact related to risk in a long-term perspective

Table 1. Social Impact Investment’s Terminology related to the most recent and noteworthy literature

Logo SIDREA

Business administrative systems and post-bankruptcy financial distress

Extant literature considers Business Administrative Systems (BAS) as a set of tools, methods and structures that support management in the continuum of decision-making, monitoring and reporting. In this paper we analyze the role of BAS in a context of companies in financial distress, with the assumption that the characteristics of the BAS help to explain the effects of business failure. In order to study the relationships between BAS and the severity of failure, we used a total number of 668 questionnaires collected in 2011 by the Observatory on Corporate Crisis (OCI) that contains the profiles of governance and management of bankrupt companies, as well as the causes and circumstances of the distress. The research results show that firms with more advanced BAS tend to be more durable and mitigate the economic and financial consequences of failure, reducing the level of debt and capital deficit in proportion to the capital invested. The effects of most advanced BAS are both direct and indirect as increase the propensity to start a turnaround process and the restructuring of the company’s debt situation. This paper is structured as follows: section 1 describes the primary perspective of the Business Administrative Systems in management studies; section 2 proposes an integrated framework aimed at integrating the reorganization strategies and performing information systems as a relevant tool in strategic management decision-making processes for companies in distress; sections 3, 4 and 5 describes the research design, the methodology followed and the results; finally sections 6 summarizes the main decisions of the paper, recognizes the study’s limitations and provides implications and ideas for a future research.

Key-Words: Crisi e risanamento d’impresa

Figure 1. Enabling factors of the processes of strategic and operative turnaround

Figure 2. Antecedents and consequences of the business administrative system

Figure 3. Main results of Restructuring strategies, Business administration systems and severity of failure (PPC)

Figure 4. Main results of restructuring strategies, administration and control systems and durability

Table 1. Turnaround initiatives within the preceding five years

Table 2. Organizational models of the CFO function

Table 3. Complexity of the work done by the CFO function

Table 4. Tools of management and control

Table 5. Variable Description.

Table 6. Latent Variables Composition

Table 8. Model H1 – PPC

Table 9. Model H2 – Durability

Logo SIDREA

Insolvency prediction models: an empirical study in Italy

From the global economic crisis that has also affected Italy arises the global research on that issue and the necessity of developing effective “alert signals” in the context of an existence of a crisis situation. One of the objectives of the current research is to verify effectiveness of the insolvency prediction model the most popular in the literature including recent studies (Jackson and Wood, 2013) regarding the Italian manufacturing companies, in order to modify the Altman insolvency prediction model to develop company insolvency “alert model”, that can be useful for various stakeholders and to compare the effectiveness of the re-estimated model with the original one. The current research was conducted on a sample of Italian companies (27,982 non-failed and 478 failed) whose financial statements for a period 2007- 2012 were available. It came out that using the original cut-off points, the overall error of the original model is significant. The error decreases while using the updated Altman model (only weight of the variables and cut-off points have been changed). Moreover, the adapted model (Altman model has been integrated by other variables and some variables of the original model have been replaced by others) shows better effectiveness comparing to the original model.

Key-Words: Crisi e risanamento d’impresa, insolvency prediction models, economic crisis, Italian companies, financial alert model

Table 5 – First and second type errors of the models

Table 7 –First type and second type errors of the updated model

Table 12 – Comparison of the models

Logo SIDREA

Economicità e disabilità: un connubio possibile? Il governo inclusivo dell’azienda per un’economia e una società inclusive

La popolazione con disabilità cresce ovunque per il migliore tenore di vita e i progressi della medicina. Aumenta, quindi, il bisogno di protezione sociale che non potrà essere solo a carico della spesa pubblica. Le persone con disabilità debbono, dunque, diventare risorse economiche per se stesse, le loro famiglie, le aziende e l’intero sistema economico. A tal fine, è necessario sviluppare una idonea cultura per costruire una “società inclusiva” per la quale debbono contribuire anche gli studi economico-aziendali domestici, spesso carenti per atavici pregiudizi, contrariamente alla letteratura internazionale, certamente più ricca. Le persone con disabilità possono essere stakeholder aziendali a vario titolo. In alcuni casi l’handicap non ha rilievo per l’economicità aziendale. In altri, invece, richiede un governo inclusivo che valuti attentamente aspetti negativi e positivi dell’inserimento di un disabile in organico, utilizzando un innovativo “bilancio dell’inclusione” che consideri anche aspetti intangibili, oltre a quelli misurabili con gli strumenti ragionieristici tradizionali. Il management inclusivo si può avvalere, ove il fenomeno sia considerevole, di un sistema informativo integrato, nel quale tutte le tipologie di rilevazione posso fornire il loro contributo a una più completa e imparziale valutazione dei risultati realmente ottenuti dall’apertura alla diversità e, in particolare, alla disabilità. Accanto alla contabilità generale e analitica, sono utili le rilevazioni di accountability e le indagini quantitative e qualitative tipiche di tutte le scienze sociali, oltre alle statistiche ufficiali. L’ambiente “glocale” che sembra prevalere quasi ovunque dovrebbe favorire l’inclusione con i suoi principi di tolleranza e rispetto, pur affermando la centralità dell’impresa. Si auspicano, in conclusione, indagini empiriche specifiche a conferma delle numerose intuizioni del quadro concettuale proposto nel paper.

Key-Words: Etica e responsabilità sociale

Logo SIDREA

Investigating the association between sustainable Strategic practices and firm social performance. The case of the european oil & gas industry

In recent decades, an increasing number of scholars as well as top managers and consultants realized that Corporate Social Responsibility (CSR) is gaining a momentum in line with the recent documents issued by the European Commission. Recent collapses, corporate frauds and the crisis of investor’s confidence moved toward the development of ethical codes and the companies’ orientation to a more sustainable corporate governance model that is building up all over the world. This research aims to investigate, whether and to what extent, the corporate governance practices, addressed on CSR, exert an influence on firm social performance. The empirical analysis is focused on a sample of companies belonging to the oil & gas industry and listed on major European stock markets. The data collection covers the period 2010-2014 and follows by authoritative secondary sources (Asset4, Thomson Reuters and Amadeus, Bureau van Dijk). This study uses a multi-theoretical framework to answer the research question above mentioned through the combination of three theories: legitimacy theory, stakeholder theory and resource-based view (RBV) theory. In this research design, the dependent variable is the social score as a proxy of corporate sustainability performance. The independent variables seek to capture some scopes inherent to the corporate governance practices, focused on CSR; the firm financial performance; the corporate governance model effectiveness and the stakeholder engagement approach. Our results show that corporate governance practices, addressed on CSR, positively affect the social score, i.e. corporate sustainability performance. Specifically, this analysis demonstrated the influence of some internal drivers over firm social performance that can produce clear benefits for improving, on one side, the corporate governance model and, on the other side, the corporate culture, on the basis of the effects ensuing from the adoption of a stakeholder engagement approach.

Key-Words: Strategia e politica aziendale, corporate social responsibility, corporate governance practices, sustainability reporting, corporate social performance, oil & gas industry, Europe, financial performance

Logo SIDREA

Does the ownership matter to firm’s managerial discretion? Empirical evidence from the Italian context

Literature on strategic management agrees to assign to TMT a privileged position within the strategic decision-making process. To understand the role of TMT in this process, it is also important to consider the level of managerial discretion, ownership structure and identity of the firms, considering also the country where they are located. Focusing on a sample of Italian Listed Companies, our findings provide interesting results that contrast with current mainstream literature.

Key-Words: Strategia e politica aziendale, managerial discretion, ownership structure, ownership concentration, owner identity, TMT, Italian firms

Logo SIDREA

Criminal firms: Exploring Negative Externalities on Non-Criminal Competitors

The aim of this paper is to provide empirical evidence on the channels through which organized crime affects economic activity and imposes economic costs in developed areas. The presence of organized crime is typically conceived as an obstacle to the economic development and extant research has analyzed the economic origins as well as the economic costs of organized crime. Overall, there is consensus around the idea that organized crime negatively affects the economic performance of an area. Using Apulia and Basilicata as research setting, Pinotti (2015a) estimates a 16% drop in GDP as a consequence of the presence of organized crime. Although the estimation of the economic costs imposed by the presence of the organized crime is of prominent importance to advance our knowledge in this research area, even more intriguing – and surprisingly less investigated – is the understanding of the channels through which organized crime hampers the economic development and imposes economic costs on the society. Prior research that looked at the analysis of organized crime from this perspective found evidence of a variety of channels through which organized crime is detrimental for the growth potential of the economy. Specifically, Pinotti (2013) shows that the presence of organized crime reduces the quality of the political class, and in the same vein, De Fao and De Luca (2013) suggest that organized crime reduces electoral competition. […]

Key-Words: Etica e responsabilità sociale

Logo SIDREA

The rating of company-stakeholder relationships : a tool for efficient and dynamics strategies

La globalizzazione dei mercati e le nuove tendenze sociali comportano da parte delle aziende la definizione di nuove strategie e nuovi comportamenti che inevitabilmente devono tenere conto dell’ambiente in cui esse operano e delle aspettative dei vari portatori di interesse. Il perseguimento di un equilibrio dinamico, economico e sociale da parte dell’azienda comporta un’integrazione (necessaria) delle strategie competitive e sociali in modo da garantire la creazione di valore per tutti i portatori di interesse. Nell’ambito dei rapporti azienda e ambiente si creano differenti relazioni e di diverso grado di rilevanza e di importanza in ragione della prevalenza di uno dei seguenti attributi che identificano gli stakeholder: potere, legittimità e urgenza. L’influenza dello stakeholder sull’azienda e/o viceversa l’influenza dell’azienda sullo stakeholder è elemento che alimenta il dinamismo sociale e che contribuisce a creare una gerarchia di rapporti che garantiscono la durabilità dell’azienda nel tempo, ossia l’equilibrio economico duraturo. La creazione di un sistema di pesi e la conseguente definizione di un rating dei rapporti “portatore di interesse-azienda” permette di fornire un pratico strumento a supporto del management per definire strategie competitive e sociali a garanzia della vitalità e soddisfare contestualmente e contemporaneamente tutti gli stakeholder. […]

Key-Words: Etica e responsabilità sociale

Logo SIDREA

I modelli di previsione nella prospettiva delle politiche pubbliche per gli interventi di sostegno alle aziende in crisi. Un’indagine sulle società di capitali e sulle cooperative emiliano-romagnole dopo la crisi economica del 2008 .

La recente recessione economica ha riportato l’attenzione degli studiosi sulla spinosa problematica della patologia aziendale e delle politiche di recupero delle condizioni di equilibrio. Sebbene della crisi d’azienda non esista una definizione univocamente riconosciuta (Shepherd 2005; Pretorius 2009), buona parte della letteratura ritiene che questo fenomeno abbia carattere dinamico (Lorange & Nelson 1987; Weitzel & Jonsson 1989; D’Aveni 1989; Chowdhury & Lang 1993; Probst & Raisch 2005; Sheppard & Chowdhury 2005; Barker & Duhaime 1997; Müller 1985; Giannessi 1960) e si contraddistingua per una sequenzialità di fasi caratterizzate da un grado di gravità sempre crescente (Müller 1985; Slatter & Lovett 1999; Guatri 1995; Sciarelli 1995; Cestari 2009). Il carattere mutevole e l’incremento progressivo della pericolosità del fenomeno accrescono l’importanza di un riconoscimento tempestivo dei sintomi della crisi in atto, prima che essa sfoci in uno stadio di irreversibilità. Da qui la necessità per gli analisti, sia interni che esterni, di dotarsi di strumenti capaci di preconizzare, con adeguato anticipo, l’evoluzione futura delle condizioni di equilibrio aziendale. Un contributo importante, in questo senso, è offerto dai modelli di previsione delle insolvenze. Questi strumenti possono considerarsi la naturale evoluzione degli studi che, successivamente alla crisi di Wall Street del 1929, hanno appurato la capacità segnaletica, discriminante e predittiva degli indicatori di bilancio (Smith 1930; FitzPatrick 1932; Ramser & Foster 1931; Smith & Winakor 1935; Wall 1936). I modelli predittivi, nella loro architettura, contemplano un numero più o meno elevato di indicatori, di norma contabili, che vengono sistematizzati grazie a tecniche statistiche od ingegneristiche dotate di un diverso livello di sofisticazione. […]

Key-Words: Crisi e risanamento d’impresa

Logo SIDREA

Crisi aziendale e informativa esterna. Primi risultati di un’indagine al Tribunale di Milano

Il presente lavoro si propone di approfondire la delicata tematica della rilevanza dell’informativa esterna per le aziende che versano in stato di crisi. L’organismo aziendale, pur essendo un istituto atto a perdurare nel tempo, può tuttavia conoscere momenti di calo nelle prestazioni economiche, al punto tale da, indurre il soggetto economico a decidere per la sua cessazione (assoluta o relativa)1. Il pensiero economico aziendale, intorno al concetto di crisi, ha sviluppato numerosi contributi che si caratterizzano per l’approfondimento di diversi aspetti: dei fenomeni ritenuti all’origine della crisi (controllabili o non controllabili dall’azienda); delle manifestazioni sintomatologiche (perdite di natura economica, tensione finanziaria) delle opzioni risolutrici (accesso a particolari istituti giuridici oppure azioni promotrici di modifiche importanti della struttura e organizzazione aziendale). Nonostante la diversità degli approcci esistenti sul tema, tutti sono concordi nel riconoscere allo stato di crisi il carattere patologico, l’eccezionalità, e le gravi conseguenze che è in grado di provocare. In virtù di tale considerazione, si può parlare della crisi aziendale come di uno stato morboso che affligge l’organismo aziendale. Non di rado assume toni particolarmente gravi, tali da poterne compromettere la stessa sopravvivenza e comunque da richiedere impegnativi interventi di risanamento. Dalla dottrina economico aziendale più autorevole è stata largamente riconosciuta l’importanza dell’interpretazione susseguente, costituita dall’attribuzione di un significato ai dati contabili già rilevati in relazione ai processi gestionali dell’azienda. Si tratta in sostanza, del processo di riconversione delle cifre in fenomeni aziendali introdotto da Giannessi. Attraverso tale tipo di analisi è possibile quindi pervenire alla individuazione di sintomi o di indizi di comportamento di fenomeni aziendali. […]

Key-Words: Crisi e risanamento d’impresa

Logo SIDREA

What and how to foster corporate social performance: a mediation analysis

Over the past decades, the way of doing business has profoundly changed (Scherer and Palazzo 2011; Visser, 2010; Drucker, 2001). Companies have to redefine continuously their strategies to innovate and compete on the global scenario, while taking contemporaneously into consideration their local features (Svensson, 2001). Companies cannot declare and adopt unethical business practices (e.g., environmental pollution, unfair labour practices, safety concerns, etc.) without undergoing a negative reaction from their market and the whole society (Windsor, 2001). To be successful, companies should care about not only their profits but also about all their stakeholders’ needs (Donaldson and Preston 1995; Freeman, 1984). A responsible company should consider the social and environmental impact of its business processes, collaborate with their customers and suppliers, and pay attention to its employees (Kopnina, 2015). Corporate Social Responsibility (CSR) has therefore become increasingly relevant for managers at all levels, as well as one of the most attractive field of study with several research questions still waiting to be answered (Aguinis and Glavas, 2012). There are several reasons justifying why executives should engage in CSR. Brand differentiation has been one of the main reasons for declaring and implementing CSR initiatives. […]

Key-words: Ethics and Social Responsability

Logo SIDREA

Tax decisions and Corporate Social Responsibility: Evidence from a hybrid organization

The growing firm’s commitment towards society inevitably leads to enquiry about the related impact on companies’ decision making process. A particular source of tension could arise on choices related to taxation. In fact, Corporate Social Responsibility (CSR) and corporate tax decisions may be aligned, meaning that firms continuously take consistently ethical and responsible decisions, or they may be decoupled, leading CSR to be used to justify tax misconducts. These tensions are particularly vivid in hybrid organizations, where multiple different institutional logics shape the decision-making process. We perform an in-depth case study on an Italian Cooperative Credit Bank to understand first the relationship between CSR and corporate tax decisions and then, its historical contingency. Through a holistic representation of the firm, we observe that tax and CSR decisions appear driven by a sedimentation of community and market logics. This bundle of logics is the result of a long and complex embedment into the firm, mainly due to a process of local anchorage. However, we observe a sudden change in field-level institutional logics: the long-standing situation of cooperative dialectic equilibrium is moving towards the dominance of corporation logics. This form of change is driven by external actors, i.e., regulators and policy makers, and external events, i.e., the financial crisis and induced acquisitions. This paper contributes to the understanding of organizational responses to situations of complexity linking ethics to business decisions. We believe that these results are also informative to policy makers in their recent attempts to regulate hybrid organizations, such as Credit Cooperative Banks and social enterprises.

Key-Words: Ethics and Social Responsability, CSR, taxation, institutional logics, hybrid organization

Logo SIDREA

Crisi, performance e rischio finanziario delle imprese romagnole

Rispetto alla grande crisi del 1929 quelle attuali presentano caratteristiche assai differenti. Nel mondo occidentale l’economia industriale è stata ormai soppiantata dall’economia finanziaria. Quanto è successo sui mercati finanziari mondiali può avere effetti notevoli sull’equilibrio economico e finanziario delle società italiane, per via diretta ed indiretta. Dal 2008 gli effetti reali della crisi finanziaria hanno iniziato ad abbattersi sul nostro sistema di imprese provocandone il peggioramento delle generali condizioni di profittabilità ed esponendolo maggiormente al rischio di credito. In realtà, sebbene le imprese abbiano reagito in modo diverso alla crisi, la loro condizione è generalmente peggiorata a causa di un duplice effetto. Da un lato, per la contrazione delle attività reali e, dall’altro, per le politiche più restrittive nella concessione del credito che gli istituti bancari sono stati costretti ad adottare dopo che lo shock finanziario si è abbattuto anche sui loro conti di bilancio. In uno scenario come questo è maturata la consapevolezza del peggioramento delle condizioni finanziarie delle imprese che si è manifestato in una minore capacità di rimborso dei prestiti nei tempi previsti ed in un minor mantenimento degli obblighi contrattuali, in generale con tutta la platea dei creditori, ma soprattutto con gli istituti bancari. Obiettivo del presente lavoro è analizzare, partendo dalle informazioni contenute nella banca dati AIDA dal 2012 al 2014, la dinamica temporale di due tra le più rilevanti caratteristiche delle maggiori imprese romagnole, ossia la redditività ed il rischio finanziario. L’analisi, che ha escluso le società finanziarie (banche ed assicurazioni) nonché le holding finanziarie, ha interessato il gruppo delle prime cento aziende per fatturato presenti nel territorio romagnolo e dunque nelle sue tre province (Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini). Le aziende considerate hanno sede direzionale, amministrativa ed operativa nella Romagna; è peraltro possibile che alcune tra esse abbiano sede legale al di fuori del territorio considerato, così da fornire un’adeguata rappresentazione dell’economia del territorio. La metodologia implementata (cluster analysis) ha teso a fornire una stratificazione delle imprese osservate in cinque classi di performance complessiva per ognuno dei tre anni considerati al fine di verificare se nel corso del tempo la composizione dei vari segmenti individuati fosse rimasta sostanzialmente la stessa e se i valori medi sottostanti l’aggregazione delle unità nelle varie classi fossero sensibilmente variati. I risultati ottenuti consentono di trarre alcune conclusioni che si spera di poter a breve integrare correlando la conoscenza delle dinamiche delle variazioni delle caratteristiche aziendali indagate con le possibili cause del loro specifico manifestarsi.

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance, redditività, rischio finanziario, cluster analysis.

 

Logo SIDREA

Sommario V Sezione

Convegno Sidrea 2016

V Sezione – Reti e Controllo Relazionale

Sommario Volume Elettronico – ISBN 978-88-917-3660-4

_

Luciano Marchi

Introduzione

p. 5
Filippo Zanin, Andrea Cardoni

La strategia nelle forme reticolari tra piccole e medie imprese. Un approccio processuale alla pianificazione

» 7
Michele Rubino, Filippo Vitolla

L’impatto delle caratteristiche della rete sulle performance delle imprese aderenti. Un’analisi delle imprese italiane

» 27
Selena Aureli, Andrea Cardoni, Mara Del Baldo, Rosa Lombardi

La rilevanza della logica “Balanced Scorecard” nella gestione operativa e nella rendicontazione della rete di imprese: il caso GPT

» 43
Maurizio Cisi, Francesco Devicienti, Alessandro Manello, Davide Vannoni

Network agreements and firms’ economic performance: new empirical evidence from italian SMEs

» 65

Cristian Carini, Caterina Muzzi

The italian network contract: a “new” form of networking with “old” rules? Genesis, dynamics and challenges

» 83

 

Logo SIDREA

La strategia nelle forme reticolari tra piccole e medie imprese. Un approccio processuale alla pianificazione

La necessità di fronteggiare un contesto competitivo che evolve secondo schemi non lineari, contradditori e di alternanza tra momenti di stabilità e di instabilità sta sollecitando nuovi comportamenti strategici delle imprese, centrati sul potenziale della cooperazione inter-organizzativa (Smith et al., 1995). La considerazione di fondo è che la cooperazione consentirebbe l’integrazione in forma collaborativa di processi e risorse per il conseguimento di un vantaggio competitivo comune, che, altrimenti, le singole imprese dovrebbero perseguire sfruttando ed adeguando la struttura interna o, in alternativa, sviluppando adeguate relazioni di scambio (Das, Teng, 2000). Tale considerazione è il nucleo centrale di un ampio dibattito scientifico che a partire da metà anni Ottanta ha visto un’intensa proliferazione di contributi che approcciano il fenomeno inter-cooperativo applicando differenti teorie e modelli (es.: teoria dei costi di transazione, teoria dei giochi, teoria delle risorse, modello del comportamento strategico, modello del processo decisionale strategico). Nonostante la diversità degli approcci, i differenti contributi convergono verso il riconoscimento del valore, non solo strategico, della cooperazione inter-organizzativa, arrivando anche a definirlo sul piano teorico e a dimostrarlo sul piano empirico (Park et al., 2004). Il presente lavoro si inserisce all’interno del dibattito scientifico summenzionato con il proposito di riflettere sul processo di formazione della strategia nelle forme reticolari tra piccole e medie imprese. Si intende, in tal modo, offrire un contributo empirico per rispondere alle sollecitazioni che invitano a orientare la ricerca sulle reti d’impresa lungo la dimensione processuale, per avvicinare la conoscenza dell’intricato insieme di scelte, eventi, situazioni, opportunità che spiegano come il contenuto, la struttura e la governance della rete emergono ed evolvono nel corso del tempo (Hoang, Antoncic, 2013). […]

Key-Words: Reti aziendali e controllo relazionale

Logo SIDREA

L’impatto delle caratteristiche della rete sulle performance delle imprese aderenti. Un’analisi delle imprese italiane

L’adesione ad un contratto di rete può rappresentare per le imprese aderenti un valido strumento per continuare a crescere anche in momenti non proprio favorevoli affrontando con successo le sfide che il mercato impone. Il sopravvenuto cambiamento nel profilo di competitività richiede alle PMI una maggiore propensione allo sviluppo di relazioni di tipo reticolare per rafforzare e consolidare il proprio patrimonio di conoscenze e competenze e, più in generale, per ottenere migliori performance. L’obiettivo di questo lavoro è quello di verificare in che modo la struttura, ed in particolar modo la dimensione e la composizione della rete di impresa, impatta sulle performance delle imprese aderenti.

Key-Words: imprenditorialità e family business, contratto di rete, performance della rete, struttura e composizione della rete, PMI

Logo SIDREA

La rilevanza della logica “Balanced Scorecard” nella gestione operativa e nella rendicontazione della rete di imprese: il caso GPT

L’importanza strategica delle collaborazioni tra imprese è ormai ampiamente riconosciuta sotto il profilo scientifico, istituzionale ed operativo. Le crescenti complessità che caratterizzano il business environment (Hakansson, 2009), oltre che le sfide di riconfigurazione strutturale innescate dalle evoluzioni tecnologiche, dai cambiamenti sociali e dalle profonde interconnessioni derivanti dalla globalizzazione (Mancini, 2016b) richiedono alle imprese, soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni, l’attivazione di processi collaborativi con cui potenziare i propri profili strategici ed operativi. La letteratura scientifica sta seguendo da anni, nelle più svariate angolazioni disciplinari (Antonelli, 2001), il fenomeno delle collaborazioni strategiche e i policy makers, a tutti i livelli territoriali, tentano di supportare in modo sempre più convinto la formazione di alleanze tra aziende per creare sinergie e formare catene del valore, anche internazionali, in grado di valorizzare i processi produttivi alla luce dei nuovi paradigmi industriali. In questo contesto, il governo italiano ha promosso agli inizi del nuovo decennio un importante schema legislativo, rappresentato dal contratto di rete (Cardoni, 2012; Lombardi, 2015) al fine di agevolare e formalizzare i rapporti collaborativi, proponendo la via delle alleanze tra imprese come strumento di politica industriale per incrementare la capacità competitiva e innovativa del sistema produttivo nazionale (Aip, 2011). Una caratteristica di grande rilevanza ai fini del presente lavoro risiede nell’obbligo di esplicitare nel contratto gli obiettivi strategici che i partner intendono raggiungere, il contenuto del programma di rete e i criteri condivisi per misurare l’avanzamento verso tali obiettivi (Cafaggi, 2009). […]

Key-Words: Reti aziendali e controllo relazionale

Tavola 2 – Scheda di valutazione bilanciata di GPT

Logo SIDREA

Network agreements and firms’ economic performance: new empirical evidence from Italian SMEs

Taking advantage of the recent introduction in Italy of the formal network agreements, our research proposes a large-scale empirical investigation on the effect of networking among SMEs. Using a large and representative sample of Italian small and medium enterprises (SMEs), we estimate the short-term economic return for network members after the decision of entering a network. We find that network participation has a positive effect on the value added created per unit of revenues, as well as a positive effects on exports, while no clear effect emerges in term of profits (ROS and ROA). Additional estimates show that the advantages of being a network member are stronger for small firms, for firms operating in traditional industries and for firms located in less developed areas.

Key-Words: Reti aziendali e controllo relazionale

Table 4

Table 5

Table 6

Table 7

 

Logo SIDREA

The Italian Network Contract: a “new” form of networking with “old” rules? Genesis, dynamics and challenges

The paper analyses a recent form of inter-organizational network form – the so-called “network contract”(NC) – introduced by the Italian government and aimed to sustain firms’ cooperation and innovation. NC is investigated in order to highlight its main strengths and weaknesses and the major challenges they pose are also discussed. Findings demonstrate that NCs can be considered an interesting formal option for managing inter-organizational networks under some specific conditions in terms of governance and relational dynamics and that they could have significant impact on member firms’ performance.

Key-Words: Reti aziendali e controllo relazionale

Table 1 – list of surveyed network managers

Table 2-3-4 – network turnover and investment

I principi di valutazione d’azienda. Esperienze nord-americane, europee e internazionali a confronto.

Principi_Copertina

Lo sviluppo di un insieme di “principi” o standard di valutazione aziendale generalmente condivisi costituisce sicuramente un obiettivo auspicabile. La qualità dei processi di valutazione aziendale nonché la comprensibilità delle relazioni di stima, naturalmente, risulterebbero migliorate se si potesse fare riferimento a un’unica serie di principi di generale accettazione. A differenza della professione contabile in cui si assiste a una progressiva convergenza, a livello nazionale e internazionale, su un unico corpo di principi contabili di generale accettazione, sia nella realtà europea sia in quella di matrice anglosassone appare invece evidente la difficoltà di elaborare un unico insieme di principi di valutazione di generale accettazione. Il volume si propone di fornire una panoramica, a livello nord americano e europeo, sulla varietà di principi di valutazione che sono stati sviluppati in diversi Paesi e, per alcuni di questi, tra cui in particolare gli Stati Uniti e la Francia, da diverse organizzazioni. Obiettivo del libro è di evidenziare come la molteplicità e la convivenza di differenti principi derivi dalla pluralità di possibili finalità valutative, che risultano tra l’altro in funzione della struttura e delle governance del soggetto che predispone i principi(member o non member organisation), dei singoli obiettivi perseguiti, della possibilità di enforcement o meno dell’utilizzo e del rispetto di detti principi. Il volume si propone di fornire un punto di riferimento utile anche nel processo di definizione di principi di valutazione aziendale per la realtà italiana, oggetto di un progressivo dibattito, anche grazie all’attività svolta dall’Organismo Italiano di Valutazione (OIV).

Logo SIDREA

Sommario IV Sezione

Convegno Sidrea 2016

IV Sezione – Controllo di Gestione, Costi-Performance

Sommario Volume Elettronico – ISBN 978-88-917-3660-4

_

Luciano Marchi

Introduzione

p. 5
Franco Cescon, Antonio Costantini, Luca Grassetti

Strategic perspective in management accounting: field-based evidence

» 7
Filippo Zanin, Eugenio Comuzzi

Sistemi di controllo manageriale e strategia aziendale. Analisi delle medie imprese del nordest

» 33
Fabio Santini

Il sistema di management control come pacchetto. Studio esplorativo di casi nel settore della meccanica

» 51
Stefano Pozzoli, Maria Teresa Nardo

Il “sistema dei controlli interni” negli enti locali di medio-grandi dimensioni: dalla valutazione dei risultati alla misurazione del “valore pubblico”

» 73
Riccardo Giannetti, Alessandro Marelli, Laura Risso

Cost management and sustainability in new product development: a research note

» 93
Luca Anselmi, Simone Lazzini, Mario Nicoliello

L’analisi strategica dei costi nella scelta tra tecnologie sanitarie alternative

» 113
Michele Bertoni, Bruno De Rosa, Alessio Rebelli, Fabrizio Zanconati

An application of time-driven activity-based costing in a hospital setting

» 129
Federica Palazzi

The performance of Italian medium-sized enterprises: agency theory and resource-based view

» 143
Giorgia Gobbo, Luca Papi, Michele Bigoni, Enrico Deidda Gagliardo

La valutazione delle performance nelle pubbliche amministrazioni nella prospettiva del valore pubblico

» 161
Raffaele Trequattrini, Alessandra Lardo, Benedetta Cuozzo

Il contributo individuale alla performance dei team: un’applicazione della o-ring theory

» 185
Michela Magliacani, Elena Madeo, Francesca Pepe

I “segni” della performance: il ruolo del guest book nella produzione di informazioni

» 201

Andrea Dello Sbarba, Alessandro Marelli, Riccardo Giannetti

Family-controlled business and shareholder value orientation: customization of management control practices

» 219

_

Ulteriori paper presentati al Convegno Sidrea 2016

_

Maria Missoni, Luca Brusati

Do temporary incentives to inter-municipal cooperation work?

Angelo Guerrera

Il processo di formazione dei piani di riequilibrio finanziario pluriennale degli Enti locali italiani tra sostenibilità e inclusività: un caso di studio

Carmela Rizza, Daniela Ruggeri

Performance measurement roles in multiple dyadic relationships”

Enrico Supino, Andrea Tenucci

Servitization strategy as a driver of performance: interpreting empirical evidence

Laura Maran, Robert Inglis, Enrico Bracci

Performance management systems: unfolding the social rubric. A case from the Italian public sector

Marco Bisogno, Rossella Aiello, Giancarlo  Nota, Aurelio Tommasetti

Transparency and Open Data in the Public Sector: A Knowledge Network Model

Assunta Di Vaio, Luisa Varriale

Management Control Systems as innovative solutions for supporting environmental sustainability: A case study from the port industry

Elisabetta Reginato, Claudia Ligas, Isabella Fadda, Aldo Pavan

I sistemi informativi ERP per la misurazione e valutazione delle performance nel settore pubblico: il caso della Regione Sardegna

 

Logo SIDREA

Strategic Perspectives in Management Accounting: Field-Based Evidence

The aim of this research project is to describe Strategic Management Accounting (SMA) techniques, to explore the relationship between Business Strategy (BS) and SMA techniques and to integrate the survey through interviews for assessing some relevant assertions related to SMA practices to support strategic processes. The paper presents the empirical results of a field-based investigation on SMA practices employed in large companies in Italy. The questionnaire results show that large companies use, to differing degrees, several SMA techniques to support strategic activities. Value chain, target and quality costing are prevalent strategic costing techniques used. In regards to strategic competitor information, there is a strong preference for competitor position monitoring. The adoption of balanced scorecard and risk management as frameworks for measuring organizational performance in evaluating strategies show the highest rate of use in large companies. The interview results suggest that analyses of SMA information tend to be formal and structured. Further, in large companies the importance of strategic cost and competitor information analyses for strategic development and implementation activities is influenced by competitive strategies but could also be a function of specific organizational contexts.

Key-Words: Sistemi di pianificazione e programmazione, Business Environment, Strategy, Strategic Management Accounting, Survey, Interviews

Table 1 – Information on large companies involved in the interviews

Table 2 – Type of business strategies

Table 3 – Differences in the use of the various SMA techniques

Table 4 – A comparison of SMA techniques used by the three groups of companies

Table 5 – Responses on formal and structured analysis in SMA practices

Table 6 – Responses on the importance of SMA techniques based on strategic cost and strategic competitor analyses for strategy development and implementation

Table 7 – Strategic approaches employed in the 7 companies involved in the interviews

 

Logo SIDREA

Sistemi di controllo manageriale e strategia aziendale. Analisi delle medie imprese del nordest

 

Nell’ambito dell’approccio contingente al controllo manageriale uno dei filoni di ricerca più consolidati mira ad indagare la relazione tra strategia e controllo. Il presente lavoro si inserisce in tale ambito di ricerca e, adottando i modelli di Miles e Snow e di Simons, si pone l’obiettivo di verificare l’esistenza di tale relazione nelle medie imprese del nordest. L’analisi quantitativa dei dati sembra impedire il riconoscimento di una correlazione statisticamente significativa tra scelte strategiche e leve del controllo dal momento che in contesti complessi le imprese di medie dimensioni tendono a preferire comportamenti orientati alla flessibilità strategica e operativa.

Key-Words: Management Control

Tabella 4 Analisi descrittiva delle risposte. Item, frequenze, media, varianza.

Logo SIDREA

Il sistema di management control come pacchetto. Studio esplorativo di casi nel settore della meccanica

La dottrina economico-aziendale è unanime nel considerare il “sistema di management control, SMC” (o management control system, MCS) come una leva fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi aziendali (Cardinal, Sitkin, & Long, 2004). Non è difficile comprenderlo se si considera che questo è espressamente orientato a tale scopo ed è impiegato intenzionalmente dai manager per influenzare il comportamento delle risorse umane riducendo comportamenti opportunistici (Kirsch, 1996; Merchant & Van Der Stede, 2007). La tassonomia più studiata in letteratura di SMC è quella di Simons (1994, 1995), composta dalle quattro leve del Belief, Boundary, Diagnostic e Interactive system. Lo stesso autore sostiene che la forza di tali leve non deriva dal loro uso individuale ma dalla loro combinazione di impiego e dal grado di bilanciamento che le connota. In tale ragionamento si innesta il concetto di dualità del sistema, che si esprime nella contrapposizione tra la libertà lasciata ai dipendenti di esercitare la propria creatività in una logica di flessibilità, ed i vincoli posti alla loro azione, atti ad evitare possibili conseguenze indesiderate (Tessier & Otley, 2012). Nonostante in dottrina esistano diverse tassonomie di leve del controllo (Govindarajan & Fisher, 1990; Jaworski, Stathakopoulos, & Krishnan, 1993; Kirsch, 1996; Malmi & Brown, 2008; Ouchi, 1977b; Simons, 1995; Tessier & Otley, 2012), il concetto di bilanciamento è più o meno esplicitamente riconosciuto come necessario da tutti gli autori come mezzo per creare una tensione dinamica capace di condurre l’impresa al vantaggio competitivo (Cardinal et al., 2004; Henri, 2006a) ma lo studio di quali configurazioni il MCS possa avere e quali possa opportunamente assumere in funzione di fattori contingenti è ancora allo stato embrionale (Grabner & Moers, 2013; Mundy, 2010). […]

Key-Words: Management Control

 Tabella 1

Tabella 1-

Tabelle 2 e 3

Logo SIDREA

Il “sistema dei controlli interni” negli enti locali di medio-grandi dimensioni: dalla valutazione dei risultati alla misurazione del “valore pubblico”

In Italia il processo di istituzionalizzazione della misurazione e valutazione dei risultati nelle pubbliche amministrazioni può essere ricondotto ai primi anni Novanta per effetto dell’intervento del legislatore con l’emanazione del decreto legislativo n. 29 del 1993. Decorsi oltre venti anni, il quadro normativo di riferimento, già notevolmente mutato nel corso del tempo, oggi sta subendo una “nuova” riforma orientata alla misurazione del “valore pubblico” ma che nello stesso tempo va a rafforzare la teoria del neo-centralismo che alcuni Studi ritengono sia in atto nel nostro Paese. Il presente paper, partendo dai risultati di una ricerca pubblicata nel 2007 in materia di “sistema dei controlli interni” e valutazione dei risultati, tenuto conto dell’evoluzione del quadro normativo e in particolare dell’emanazione del decreto legislativo 150/2009, analizza nei comuni di medio-grandi dimensioni gli effetti sui sistemi informativi e sull’adeguamento delle strutture organizzative nonché sui processi e impatti comportamentali degli operatori, cercando di verificare se le realtà sono già proiettate o pronte alla valutazione e misurazione del “valore”.

Key-Words: Sistemi di pianificazione e programmazione

Logo SIDREA

Cost management and sustainability in new product development: a research note

This paper explores the role played by cost management in new product development activities when a firm pursues a sustainability strategy. The study aims to contribute to the growing knowledge on this topic and to verify, through a case study, previous research findings (Giannetti and Marelli, 2016), which showed that firms more oriented to sustainability use more cost management tools in new product development. Therefore, this paper aims to describe the reasons that push firms oriented to sustainability toward a systematic use of cost management in new product development. The case study belongs to the automotive industry, where regulations about environmental issues and stakeholder pressures force the companies to take care of their activities according to the environmental, social and economic dimensions. Main findings show that within this company cost information is systematically used to coordinate and to manage the achievement of different goals within the organization, shaping all organizational activities towards pursuing jointly the environmental, social and economic sustainability. Furthermore, empirical evidences highlight the relevance of competition and technology sector features in constraining or fostering the use of cost management when the firm pursues a strategy oriented to sustainability.

Key-Word: Analisi contabilità e gestione dei costi, new product development; cost management; sustainability; automotive

Logo SIDREA

L’analisi strategica dei costi nella scelta tra tecnologie sanitarie alternative

Le innovazioni tecnologiche in campo sanitario si susseguono in modo estremamente rapido e con costi tendenzialmente crescenti. L’attuale sistema che si basa su tariffe standard predeterminate non è in grado di adeguarsi rapidamente all’incremento di costo che le innovazioni tecnologiche determinano, inducendo molto spesso gli operatori a rinunciare o quantomeno a trasferire nel tempo l’introduzione di una innovazione. L’analisi della sostenibilità economica compiuta confrontando l’incremento di costo che deriva dall’introduzione di una tecnologia con la remunerazione tariffaria associata al corrispondente Drg risulta, infatti, molto spesso sfavorevole e tale da farne scartare di conseguenza l’adozione. Dall’osservazione delle prassi più diffuse (Rapporto Oasi 2014) emerge come tali analisi vengano compiute prevalentemente in un’ottica di breve periodo e con una prospettiva sostanzialmente contingente.  La convinzione  che i modelli di costing possano orientare le scelte strategiche in un ottica di lungo periodo appare ancora non essere particolarmente radicata nel settore sanitario. L’analisi dei costi, nei contesti in cui viene effettuata, pare infatti per lo più utilizzata al fine di indirizzare scelte e decisioni operative, in una visione di limitato raggio e riguardante gli aspetti non strategici. Nello stesso tempo anche l’analisi per scenari appare ancora poco diffusa e poco incline a comparare tra di loro scelte strategiche di policy alternative, che possono avere effetti importanti non solo sulle aziende sanitarie ma anche sui risultati dell’intero sistema regionale e a cascata  di quello nazionale. […]

Key-Word: Analisi contabilità e gestione dei costi

Tabelle 5 – 6 – 7

Logo SIDREA

An application of time-driven activity-based costing in a hospital setting

Activity-Based Costing (ABC) has been considered particularly well suited to cost assessment in healthcare. However, ABC systems often tend to overestimate resources used, inviting underestimation of unused capacity. To resolve this problem, a new approach known as Time-Driven Activity Costing (TDABC) has been more recently devised and tested in real settings that include healthcare environments. TDABC improves on the existing ABC framework by eliminating the need to interview and survey personnel in allocating resource costs to activities. Additionally, TDABC uses capacity cost rate to drive departmental resource costs to cost objects in assessing the demand for resource capacity entailed by activities performed. The present study examined the methods and results of cost analysis of selected healthcare activities at the Anatomical and Histological Pathology Unit of the Teaching Hospital in Trieste, Italy (Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste). Experimental application of time-driven ABC techniques for cost calculations using a modular system was used to investigate the variability of complexity levels of the selected activities. The results offer useful insights for healthcare managers and policymakers in terms of cost control and the design of realistic tariff systems.

Key-Word: Analisi contabilità e gestione dei costi, national health care service, managerial control systems, cost accounting, activity-based costing, time-driven ABC

Table 2 – Activities involved in a fine_needle – aspiration cytopathology exam

 

Logo SIDREA

The performance of italian medium-sized enterprises: agency theory and resource-based view

According to the European definition (2003/361/EC), Medium-Sized Enterprises (MSEs) are defined as businesses that employ a number of employees between 50 and 249, with an annual turnover lesser than 50mln euro and/or an annual balance sheet total not exceeding 43mln euro. In 2014, the MSEs mainly worked in the manufacturing sector (European Union, 2015, p.19). In EU28 the manufacturing MSEs accounted for 3% of total SMEs, they produced 52% of value added with 43% of employees. In Italy, MSEs represented 2% of SMEs, contributing to the value added for 41% and employing 28% of workers (European Union, 2015, p. 150-152). They are numerically few but they significantly contribute to the national GDP, employment and exports. The definition that employs the quantitative parameters is necessary but not sufficient to effectively identify this specific firm typology (Marchini, 1987; Ciambotti, 1984); it also needs to take into consideration the qualitative elements, relating to the ownership structure, corporate governance, organizational structure and available strategic resources, in order to qualify the MSEs and to explain their performance (Palazzi, 2012). The aim of this study is to verify which variables significantly affect the good performance of Italian manufacturing MSEs, according to the agency theory and the resource-based theory, as complementary theories, consistent with Hirsch et al. (1987) and Eisenhardt (1989). A typology approach is proposed, that distinguishes MSEs in three classes according to the number of workers, and through which it is possible to compare the effect of independent variables on corporate performance, in order to verify if significant differences exist among three typologies. […]

Key-Words: Performance Measurement and Management

Logo SIDREA

La valutazione delle performance nelle pubbliche amministrazioni nella prospettiva del Valore Pubblico

 

La valutazione nelle PA non è mai decollata. Nel 2014, analizzando “il disegno di legge sulla riorganizzazione delle PA”, la Corte dei Conti affermò che “a fronte di una sostenuta dinamica retributiva non è mai entrato a regime un idoneo sistema di valutazione della capacità manageriale”. Come dire, premi elevati per i risultati senza un sistema capace di stimarne il raggiungimento. Numerose evidenze empiriche (Deidda Gagliardo, 2015c) dimostrano che le cause dell’insuccesso, testimoniato da oltre 25 anni di tentativi legislativi infruttuosi, sono rintracciabili nell’inadeguatezza sia dei contenuti della valutazione (Bigoni, 2013, p. 21), sia delle sue condizioni abilitanti (Nisio, De Carolis, Losurdo, 2013, pp. 221–246), che dei suoi caratteri qualificanti (Deidda Gagliardo, 2007, pp. 173–201): partiamo dai contenuti oggettivi (cosa si valuta?), soggettivi (chi valuta?), procedurali (con quale processo si valuta?) e strumentali (con quali strumenti si valuta?) della valutazione. Rispetto agli oggetti: si è tentato di valutare dirigenti, dipendenti (performance individuali) e unità organizzative (performance organizzative) a prescindere dalla capacità degli organi di governo di attuare le politiche promesse (performance istituzionali): ciò ha dato luogo al perseguimento scomposto di performance fini a se stesse e non ad uno scopo istituzionale superiore. Rispetto ai soggetti: fino ad oggi la valutazione è stata affidata ad organismi NON indipendenti di valutazione, il cui operato non è stato adeguatamente coordinato dalla ex Civit. Con riferimento agli aspetti metodologici (procedurali e strumentali), l’errore macroscopico è stato quello di proporre un modello universale di misurazione e valutazione valido per tutte le PA, di tutte le dimensioni. […]

Key-Words: management control

Tabella 1 – I limiti della Riforma Brunetta e gli indirizzi della Riforma Madia

 Tabella 2 – I caratteri della performance

Tabella 4 – Linee guida per la revisione della catena di PCV delle performance

Figura 1 – Figura 1 La catena di PCV delle performance

Tabella 7_La Griglia di misurazione

Tabella 8 – I value drivers scelti