Il glossario di valutazione d’azienda SIDREA-ANDAF

Glossario andaf

L’ESIGENZA DI UN LINGUAGGIO IN TEMA DI VALUTAZIONE D’AZIENDA E DI SINGOLI ASSET, IN CUI POSSANO RICONOSCERSI ESPERTI DELL’AMBITO ACCADEMICO E DI QUELLO PROFESSIONALE, HA ORIGINATO UNA COLLABORAZIONE TRA SIDREA E ANDAF. IL RISULTATO È IL “SISTEMA DI DEFINIZIONI” DEL “GLOSSARIO ITALIANO DI VALUTAZIONE D’AZIENDA SIDREA-ANDAF”, CHE È DA INTENDERSI NON COME UN PUNTO DI ARRIVO MA COME UNA BASE DI PARTENZA PER UN MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA QUALITÀ DELLE VALUTAZIONI D’AZIENDA IN ITALIA.

Logo SIDREA

Aziende, amministrazione razionale e impatto sociale

Sin dalle prime opere dei maggiori esponenti della scienza economica, si è sempre profilata una centralità della persona nel ciclo economico. Lo scopo di ogni attività umana si coniuga nell’esaudire quegli impulsi personali che stimolano ogni soggetto al raggiungimento di obiettivi prefissati, e si configurano sotto forma di bisogni e necessità. La soddisfazione di questi bisogni è il centro dell’operato proprio e degli altri soggetti che compongono l’ambiente sociale di riferimento della persona. Le aziende, secondo una prima definizione in quest’ottica, coniata da Zappa, altro non sono che una “coordinazione economica in atto, istituita e retta per il soddisfacimento di bisogni umani” (Zappa, 1950), o meglio “un istituto economico destinato a perdurare che, per il soddisfacimento di umani bisogni, ordina e svolge, in continua coordinazione, la produzione o il procacciamento e il consumo della ricchezza” (Zappa, 1957). Analogamente, Ferrero ricordava che “l’azienda è lo strumento dell’umano operare nell’attività economica” (Ferrero, 1968). Secondo queste accezioni si conferisce così all’azienda una natura strumentale e secondaria rispetto alla volontà e ai bisogni della persona, che perdura congiuntamente alla persona e oltre la sua esistenza. Le aziende assumono quindi una dimensione “nello spazio” e “nel tempo” (Puddu, 2010). La dimensione spaziale si concretizza nella necessità di monitorare le proprie performance sotto l’aspetto finanziario (generazione o consumo di risorse finanziarie), economico (creazione o consumo di fattori produttivi) e patrimoniale (generazione o consumo di ricchezza), nonché sotto l’aspetto “sociale” (generazione di impatto, positivo o negativo, sulla società, l’ambiente, i lavoratori, le comunità in cui opera, secondo criteri “non finanziari” e di sostenibilità). […]

Key-Words: Rendicontazione sociale

Logo SIDREA

Foundations’ governance for strategic philanthropy: the second national survey

Should non-profit organizations’ leaders rely on enhanced governance mechanisms to optimize the social outcomes of the philanthropic strategies their organizations implement? The recent literature on the non-profit sector has investigated the composition, role, responsibilities, and characteristics of non-profits’ boards. However, there is a lack of research on the causal link between governance practices and effective philanthropic strategy. This gap should be filled because non-profit organizations are increasingly pivotal elements of the “private welfare state” that exists in Europe and the OCSE. While other kinds of organizations that are involved in philanthropy and public welfare face competition (i.e., corporations), budget constraints (i.e., governments), or fundraising imperatives (i.e., NGOs) that limit their ability to address public welfare, private endowed foundations feel less such pressure, so they can tackle social issues that other organizations or individual donors may not. The purpose of this paper is to present the second survey, which will enlarge an existing pilot study on 112 large Italian foundations, the exploratory results of which show strong correlations between sophisticated governance and more challenging philanthropic strategies. Using a second on-line survey and ex-post structured interviews, the research team is currently collecting data from a representative sample of board members of Italian foundations with the goal of investigating the relevance of factors like board capital, board processes, philanthropic culture, and board leadership in optimizing foundations’ grant-making processes and social welfare creation strategies. The results of the study should reveal whether and when well governed private foundations can spend money more effectively and efficiently than individual donors and poorly governed foundations can.

Key-Words: non-profit organization, Foundations, Governance, Grant-making, Strategic Philanthropy

Logo SIDREA

Territory entities process to implement social and environmental accounting  and reporting: some drivers and actions in theory and praxis

This paper want  to respond to the research question: “What are the drivers that are capable of territory process implementation of social and environmental accounting and reporting, both in theory and in praxis?” The research design will involve a literature review of the new challenges that entities will face in the future and the emerging needs of a new paradigm that derives from enterprise culture innovation. Research methodology will involve research case and qualitative approach (SEAR).

Key-Words: Rendicontazione sociale

Tab. 2 – Mechanisms-Structures

Logo SIDREA

NPO’s governance and accountability practices. A comparative analysis between Italy and France

If we consider an international perspective, Italian and French non-profit sectors present some comparable characteristics, even though with many differences. In this exploratory study we aim to analyse the relationships between some characteristics of governance and accountability and the capacity of the non-profit organizations (NPOs) to collect private and public financial resources. We use regression models on two separate random samples of 50 NPOs for each country. Data sources are different for the two contexts analysed. Evidences show that the differences in the practices of governance and accountability in Italy and France can impact on the relevance and significance of the studied characteristics, such as CEO duality, CEO gender, board meetings, board committees, type of accountability and the use of social networks. Other variables are significant in both the countries (board size and basis of financial accounting). In a period of great changes in Italian and French non-profit sectors, the actors of third sector could have indications about the influence of some governance and accountability practices on the performances of organizations that operate for a social purpose.

Key-Words: non-profit organization

Table Italian and French Samples

Logo SIDREA

How to create public value through integrated cultural systems ?

This paper focuses on the topic of Public Value in the realm of Community Governance with the aim to fill the gap in the literature of Public Management and Governance and to provide practitioners with good tools for measuring Public Value. It is argued, infact, that there is a major opportunity for governments to achieve effective and efficient results in improving their communities by allowing citizens to use performance measurement (Bovaird 2003, Holzer and Yang, 2004; Borgonovi 2008; Bianchi, Wiliams, 2013) to generate actions towards better public services (Bianchi, 2009, 2012, 2014; Bianchi, Rivenbark, 2014). In other words, the model of Community Governance, observes  the linkages between citizens, governments and measuring performance as configured in a triangle (Foley, Martin, 2000). The literature will also cover the issue of the territorial dimension named the Metropolitan Area (Bryson, 2011) that, by its natural and original configuration as a public policy, is “per se” conceived as a form of public value that is generated or destroyed (Esposito, Ricci, 2015). Within the territorial configuration of Metropolitan Areas, policies towards the creation of integrated cultural systems, such as culture systems in this circumstance, will be also explored in order to understand how can create public value through integrated cultural systems and  if Performance Measurement represents a tool that is useful to visualize tangible and intangible Public Values or if it is, rather, a “myth” as argued by some authoritative scholars (Mondell, 2004).

Key-Words: Amministrazioni Pubbliche,  public value, community governance, integrated cultural system, performance measurement

Logo SIDREA

Performance measurement in social cooperative enterprises

The number of Non-for profit (NPOs) organizations is significantly increased in recent years (International Co-operative Alliance1, 2016). The increase concerns the number of paid workers (about 681 thousand), the volunteers (about 4,7 millions) and the services provided (health services, education, commercial services and social development etc.) (Carini, Borzaga, 2015). A great variety of organisations, classified under the non-profit sector, exists in Italy: political parties, trade unions, churches, foundations, hospitals managed by religious orders, community care, museums, volunteer groups, professional centres and social cooperatives. Because of the complexity and the diversity of non-profit organizations, we focus our attention on evaluating the performance of social cooperative enterprises with regard to their specific purposes. Nowadays, there are about 301,191 non-profit organisations (NPOs), contributing in the amount of 3.3% to Italian GDP, of which79,487 are active co-operative businesses (International Co-operative Alliance, 2016) and about 11,264 are social cooperatives (ISTAT, 2011). The law 381/1991 adopted by Italian Parliament distinguishes between two types of social cooperatives: those providing social, health and educational services (identifiable in typology A), and those providing work integration for disadvantage people and supplying other services, such as agricultural and commerce services, as well as general services (identifiable in typology B). The mission of these enterprises is to create social value, by stimulating social change or meeting social needs, in order to promote cultural wealth and socio-economic development. The necessary but not sufficient condition to achieve the social mission is that social cooperatives undertake activities that are economically sustainable in the long-term. […]

Key-Words: Aziende non profit

Table 3_Pearson correlation

Logo SIDREA

Preparing financial statement: the restricted accountability of Non-profit organizations

Previous research has analyzed the differences between Non-profit and For-profit organizations, for example divergences in vision, function, organizational structure and motivation. The present work is a conceptual paper where we have developed a deep analysis of the Non-profit literature, integrating the Italian literature to the international one within the institutional and organizational theory framework. Therefore, we have studied the reason why many Non-profit organizations use to prepare the financial statement used by For-profit organizations, in particular the economic and financial statement. We argue that because of normative isomorphism, legitimacy, in particular strategic legitimacy and because of the fundamental importance, for this type of organization, of internal and external control, a large number of Non-profit organizations tend to prepare the financial statement similar to the For-profit ones, also if it often does not fit well with their activities and can been even disadvantageous.

Key-Words: non-profit organization, financial statement, organizational and institutional theory, isomorphism, legitimacy

Logo SIDREA

Il contributo del Bilancio Sociale alla valutazione della performance delle aziende museali

La crescente attenzione verso il museo inteso come azienda ha portato negli ultimi anni ad approfondire lo studio delle logiche alla base della misurazione, valutazione e comunicazione della performance museale (Magliacani, 2008). In tali realtà aziendali è chiaro come la compenetrazione tra azienda, comunità e società è particolarmente evidente tanto da rendere imprescindibile un sistema di rilevazione/comunicazione orientato a fornire le più adeguate e tempestive conoscenze sulla performance a chi gestisce l’azienda oltre che attivare quei flussi informativi verso l’esterno idonei a garantire, tra l’altro, la necessaria trasparenza con riferimento non solo ai flussi economico-finanziari ma anche agli outcome prodotti dall’azienda museale. Sulla scorta di tali considerazioni appare evidente come la rendicontazione di tipo sociale, che trova la sua più diffusa espressione nel cosiddetto bilancio sociale, possa essere considerata per i suoi risvolti pratici un importante tema di studio in ambito museale (Carli e Magliacani, 2007; Manetti e Sibilio, 2014; Sanesi, 2014). Il presente contributo intende in particolar modo indagare su come il concetto di performance possa configurarsi in ambito museale e come esso possa trovare adeguata rappresentazione utilizzando gli strumenti di rendicontazione sociale. Privilegiare il bilancio sociale come unità di analisi deriva dal fatto che tale tipo di rendicontazione nelle aziende operanti in ambito pubblico o di imprenditoria sociale può essere identificata quasi come il documento di riferimento per la comunicazione istituzionale (Magliacani e Monfardini, 2010). Nello svolgere tale analisi, utilizzeremo come riferimento teorico il paradigma mission-governance-accountability (Matacena, 2007). […]

Key-Words: Rendicontazione sociale

Logo SIDREA

Il controllo di gestione nelle imprese sociali tra attendibilità informativa e Knowledge Accounting: un’analisi empirica

Obiettivi di ricerca: Nel presente lavoro l’autore intende indagare, all’interno di una azienda cooperativa sociale, le implicazioni relative agli effetti che si possono produrre sul sistema decisionale in ragione di distorsioni informative derivanti dalle modalità di aggregazione e di allocazione dei costi. Metodologia: L’attendibilità delle informazioni all’interno del sistema di cost accounting e le ripercussioni delle asimmetrie informative sul sistema decisionale è stato indagato ricorrendo ad un approccio di tipo deduttivo-induttivo, avvalendosi di una metodologia qualitativa e scegliendo il metodo del case study. Risultati: Dall’indagine emerge quanto la mancanza di conoscenze o consapevolezza in materia di cost accounting e le problematiche connesse all’interpretazione dei dati si ripercuotono e manifestano sul sistema decisionale da parte dei manager nelle aziene cooperative sociali. Apporto scientifico: analisi della relazione tra l’efficacia del controllo di gestione e l’utilizzo delle informazioni derivanti da parte degli users nel settore no profit e in particolare nell’azienda cooperativa sociale.

Key-Words: Aziende non profit, accounting, cost accounting, management control, decision making,

 

Logo SIDREA

Il passaggio alla contabilità economico-patrimoniale negli atenei pubblici italiani: un’analisi testuale sulla comunicazione delle performance

Il passaggio dalla contabilità finanziaria alla contabilità economico-patrimoniale, nell’ambito di un più ampio ridisegno degli strumenti informativo contabili degli Atenei italiani, segna un cambiamento radicale non solo sulle modalità di comunicazione “contabile”, ma anche sul sistema delle relazioni interne ed esterne. Un cambiamento così profondo sta, infatti, portando a rivedere processi organizzativi e decisionali interni (Mussari e Sostero 2014) e a ridefinire quali siano gli oggetti di importanti interlocuzioni istituzionali. La modifica di un sistema contabile non significa soltanto apportare un mutamento alle tecniche ed alle metodiche attraverso le quali si realizza la produzione di un sistema di valori; significa sostanzialmente cambiare linguaggio, terminologia e vocabolario della comunicazione aziendale sia esterna sia interna, si tratta, per certi versi, di sovvertire la semantica aziendale (Mussari 2013; Mussari e Sostero 2014). Di conseguenza i cambiamenti nei regimi contabili non possono essere considerati delle operazioni neutre: le transizioni hanno delle implicazioni organizzative significative che vanno monitorate al fine di garantire l’effettivo raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il presente contributo si posiziona nell’ambito di un’attività di ricerca più ampia che studia l’efficacia del passaggio di regime contabile nell’ambito degli atenei pubblici. In particolare si intende comprendere se e in che modo il passaggio dalla logica finanziaria alla logica economico-patrimoniale sia stato recepito negli atenei italiani e adeguatamente comunicato. […]

Key-Words: contabilità bilancio e reporting delle Università

Tabella 1 – Numero di ricorrenze COFI e COEP

Tabella 2 – Lessico COFI e COEP

Logo SIDREA

La governance e il valore negli spin-off universitari. Il ruolo degli insider nella manipolazione dell’informativa contabile

Negli ultimi anni l’attenzione della letteratura verso i fattori di crescita e promozione dell’university entrepreneurship originati dagli spin-off universitari – aziende appartenenti alla categoria delle New Technology-Based Firm (NTFB) create con il supporto dell’università e dei suoi membri e aventi per lo più carattere di PMI (piccola e media impresa) – ha conosciuto un notevole incremento (Fini et al., 2011; Baldini, 2010; Sternberg, 2014; Pazos et al., 2012; Guerrero et al., 2016; Kirchberger e Pohl, 2016). Poiché a livello potenziale tali start-up costituiscono uno strumento utile per stimolare la creazione di valore e lo sviluppo di economie basate sulla conoscenza (Pirnay et al., 2003; Benneworth e Charles, 2005; Sternberg, 2014), le determinanti legate alla loro genesi ed evoluzione sono divenute questioni chiave nelle azioni di policy concernenti la diffusione dell’innovazione e il relativo governo in contesti ambientali specifici (Mustar, 1997; Lockett et al., 2005). Data la loro natura il più delle volte di imprese high-tech ad alto contenuto conoscitivo-immateriale (Roberts e Malonet, 1996; Shane, 2004; Steffenson et al., 2000), tuttavia, gli spin-off universitari soffrono non solo le problematiche associate al lancio di una nuova attività che affliggono di norma le PMI, ma anche le difficoltà legate allo sviluppo di nuove tecnologie e competenze (Oakey et al., 1996). Come emerge dalla letteratura (tra cui Hall e Rosenberg, 2010; Stoneman, 1995), gli spin-off universitari sono molto sensibili a vari tipi di fallimento del mercato e un ruolo particolarmente rilevante nel loro successo è svolto dal contributo – nei termini di sostegno interno ed esterno erogato alle imprese per ovviare alla mancanza di risorse in innovazione e crescita (Smith e Ho, 2006; Bathelt et al., 2010) – offerto dal micro, meso e macro-contesto in cui sono localizzati (Baldini, 2010; Breznitz et al., 2008; Rasmussen et al., 2011). […]

Key-Words: Politiche di bilancio

Tabella 2 – Statistiche descrittive delle variabili

Tabelle 3a e 3b – Frequenze delle variabili

Tabelle 5 e 6 – Matrici di correlazione

Tabella 7 – Analisi di regressione

Logo SIDREA

New Business Model for Value Co-creation in Smarter Universities

In the last decades a variety of smart ICT solutions enhances the quality of universities’ services and improves the performances of both teachers and students. The availability of new technologies has permitted to develop the model of “smart university” as a platform that acquires data, shares information, creating a collaborative network to drive the analysis and the enhancement of the teaching and learning environment and improve decision making. However, this represents a simply technological approach to smart university model because it doesn’t take into account other variables. Recent modifications in laws and policy (Europe 2020, Italian law 240/2010 and Italian Legislative Decree 10/2012), social issues and more recent ICT innovations have stimulated the development of a new paradigm for the university organization, which is asked to supply high quality services in order to stay competitive in a global scenario. These lead to the need to transform smart university in “smarter university”. The concept of smarter universities characterizes the ability of universities to contribute to the economic and social development and the design of organizational systems that uses technology to provide sustainable, personalized and interactive services. The main feature of the smarter universities is the combination of technology with the following six areas: learning, management, governance, social, health and green. Considering the emerging and also complex nature of smarter university seems that this type of network could support the development of an open and interactive new business model (NBM), that promotes: • the co-creation of learning and research contents between universities and other organizations (national institutions, companies and local community); • the use of web and digital technologies to manage strategic and operational processes in a collaborative environment; • the development of new performance measurement systems able to capture the social, cultural and economic dimensions of the value creation. While the literature has developed the concept of smarter university, very limited studies are devoted to identify its managerial implication and to design tools to measure and communicate smart performance. This work describes a practical Smarter New Business Model (SNMB) that can be applied to the smarter universities highlighting the differences between the traditional universities business model and the critical factors driving the success of the smarter universities. The research is carried out considering the literature on smart universities, business models and integrated reporting.

Key-Words: Public Sector Administration, smarter university, Information Technologies, sustainability, new business model

Logo SIDREA

L’impatto sociale della formazione universitaria: il modello valutativo SROI nei CdS di ambito economico-aziendale

 

Dopo l’avvio del Processo di Bologna e la conseguente riformulazione dei percorsi di formazione, si è sviluppata un’ampia riflessione sulla valutazione delle performance universitarie. In effetti, si è assistito alla sviluppo di istanze di legittimazione sociale, precedentemente impensabili e, per certi versi, sovversive del plurisecolare posizionamento reputazionale dell’accademia che non esigeva un documentato riconoscimento del suo valore sociale. Le radici storiche dell’università, che affondano nella relazione elettiva tra docente e studente (Haskins, 1955; Cobban, 1975; Rüegg e De Ridder-Symoens 1992), l’hanno da sempre collocata in una posizione di preminenza tra le istituzioni pubbliche in quanto a prestigio e considerazione. Analogamente, la formalizzazione successiva della mission universitaria è stata per secoli promossa, nel modello napoleonico, come formazione delle élite di governo (Charle C. e Verger, 1994), e, in quello humboldtiano, come autonoma coltivazione del sapere (Fichte, 1991; Schleiermacher, 1998); tutto ciò l’ha per secoli protetta dalla necessità di calarsi nell’agone competitivo ove la posta in palio è il pubblico riconoscimento. In ambito nazionale, la tradizione delle università medievali si è perpetuata in molte prestigiose istituzioni dalla storia plurisecolare e l’impianto complessivo del sistema formativo postunitario fondato sulla centralità della cultura umanistica ha confermato il posizionamento reputazionale degli atenei, almeno fino a che la formazione universitaria non si è trasformata in un fenomeno di masse e, parallelamente, in un ingente investimento pubblico. […]

Key-Word: Valutazione della didattica e della ricerca

 

Logo SIDREA

Topics in accounting and management studies

The objective of this study is to analyze topics in the scientific sector of research titled “Economia Aziendale” (SECS-P/07) that include research related to accounting and management studies. Our aims are to identify the main topics and to analyze their historical evolution in Italy. The opportunity to develop this research originated from the recent provision of Ministry of University to disclose the curriculum vitae and scientific publication of full professors, associate professors and researchers involved in the national habilitation procedure started in 2012 and realized for the first two rounds in 2013 and 2014. The disclosure of this information allows us to define a database of more than 22000 publications that we analyze by topics and over time. The new law for the selection of professors in Italy introduces innovative methods of evaluation of the publications and, specifically, introduces the mandatory recognition of the international character of the scientific publication. The analysis of the topics, in this sense, may be a first step to test the degree of internationalization of Italian researcher in the scientific sector SEC-P/07 “Economia Aziendale”. Specific features of this research are: 1) the scientific sector “Economia Aziendale” includes topics related to both management and accounting studies, differently from most of the other countries where these large topics are usually separated; 2) “Economia Aziendale” was originated from accounting studies and the aim of the founder Gino Zappa (Zappa, 1927, Zappa, 1950, Zappa, 1956, Zappa, 1962) was to join all previous discipline (accounting, organization and management) in a unique discipline to take into account the systematic relations among them; 3) the research is realized by researchers that are mainly focused on Accounting and Auditing topics. […]

Key-Word: Valutazione della didattica e della ricerca

Logo SIDREA

La disclosure nei Piani della Performance delle Università italiane. Intenti simbolici vs approcci sostanziali di legittimazione

Negli ultimi anni numerose e pervasive riforme hanno modificato gli assetti istituzionali delle università italiane. Ab origine, il legislatore ambiva a realizzare un rinnovamento per garantire, attraverso l’adozione di misure ad hoc, un maggior grado di autonomia (e, quindi, di responsabilità). Successivamente, a seguito della crisi di legittimazione del sistema universitario derivante da una gestione non improntata ai requisiti di efficacia e di efficienza (Rebora e Turri, 2009; Riccaboni e Galgani, 2010; Ricci e Parnoffi, 2013; Caldarelli et al., 2014), il focus degli interventi si è gradualmente indirizzato verso ulteriori ambiti quali l’apparato di governance, il meccanismo di reclutamento e, non da ultimo, i sistemi amministrativo e informativo-contabile. È opportuno segnalare che, sebbene gli atenei presentino peculiarità distintive tali da richiedere una specifica disamina delle tematiche pocanzi richiamate (D’Alessio, 2012; Mussari e Sostero, 2014), la questione deve collocarsi in seno al complessivo disegno di armonizzazione contabile delle aziende pubbliche – concretizzato nella l. 196/2009 e nel d.lgs. 91/2011 –notoriamente non scevro da critiche da parte di autorevoli studiosi (per tutti, Mussari et al., 2015). Si tratta, difatti, di mutamenti di portata tutt’altro che ridotta, per i quali è ancora poco chiaro se si tratterà di reali innovazioni o, al contrario, di “gattopardo’s revolutions” (Zambon e Saccon, 1993). In questa prospettiva, e con precipuo riferimento al contesto universitario, è certamente degna di nota la rivisitazione dell’attività di programmazione, oggi maggiormente instradata verso un fenomeno di decentramento decisionale che ha condotto gli organi di governo centrale ad abbandonare la funzione di amministratori diretti e ad assumere la regia di “regolatori a distanza” (Cantele et al., 2011, p. 340). […]

Key-Words: contabilità bilancio e reporting delle Università, Piani della Performance, disclosure, legitimacy

Tabella 4 – Frequenze per le Categorie di analisi

Tabella 5 – Frequenze per le informazioni su Obiettivi, indicatori, target e Aree di interesse

Tabella 6 – Risultati del test Anova

Logo SIDREA

Performance-based funding e sistemi di allocazione delle risorse ai dipartimenti: prime evidenze da un’analisi empirica nelle Università italiane

Il ruolo dei sistemi di misurazione e valutazione  delle performance (PMS) nell’ambito delle amministrazioni pubbliche è via via cresciuto nel tempo in relazione all’ efficacia di tali strumenti di governo per migliorare le performance delle organizzazioni (Lawson et al., 2003,  De Bruijn, 2002). Molte amministrazioni hanno quindi, nel tempo, introdotto PMS nella convinzione che questi avrebbero portato a miglioramenti nei risultati ottenuti e ad una più efficace accountability interna ed esterna dell’organizzazione. La letteratura sul Performance management (PM) evidenzia come i PMS debbano essere integrati con i processi di formulazione della strategia al fine di consentire alle organizzazioni di raggiungere migliori livelli di performance e di incrementare la soddisfazione di tutti gli stakeholder (Kaplan and Norton, 1992; Neely 2005; Neely et al., 2005; Collini e Frigotto, 2013). Questi concetti sono condivisi anche dagli studiosi e dalle teorie di Public Management (Bouckaert & Halligan, 2008; Bouckaert et al., 2010). Più in generale, la letteratura di  management ha evidenziato l’importanza di progettare ed impiegare rilevanti misure di performance coerenti con gli elementi qualificanti il modello di business delle organizzazioni (Lynch and Cross, 1991) nonchè il loro contesto organizzativo e strategico (Waggoner et al., 1999). Un elemento centrale delle teorie di New Public Management è rappresentato dall’emulazione delle logiche di mercato nell’ambito pubblico tramite l’introduzione di meccanismi di Performance-based funding (PBF) ovvero il finanziamento delle aziende basato sulle performance.  L’obiettivo di fondo del PBF è quello di responsabilizzare le amministrazioni pubbliche sui risultati attraverso un sistema di competizione per il finanziamento pubblico. Il PBF è da annoverare tra gli strumenti storicamente più utilizzati dai governi per il finanziamento della formazione universitaria. […]

Key-Word: Valutazione della didattica e della ricerca

 

 

Logo SIDREA

I sistemi di misurazione della performance nelle università: considerazioni critiche sul sistema italiano

Nelle istituzioni universitarie dei Paesi ad economia avanzata sono da tempo in uso sistemi di misurazione della performance, sviluppatisi in parte per effetto delle riforme intervenute in adeguamento alle logiche del New Public Management e in parte a seguito dei processi di armonizzazione dei sistemi educativi che hanno interessato, in particolare, i Paesi Europei. Il presente studio, dopo aver passato in rassegna i sistemi di misurazione della performance adottati nei principali Paesi Europei, analizza in maniera critica l’evoluzione del sistema italiano. Segnatamente, vengono brevemente tracciati gli elementi che caratterizzano i tre aspetti oggetto di valutazione: l’attività di ricerca e didattica, l’attività amministrativa, il trasferimento tecnologico. Il lavoro si concentra in particolare sulle linee guida emanate di recente dall’Agenzia Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR) in relazione all’attività amministrativa. Dalla lettura critica dei sistemi attualmente in uso, in particolare in comparazione con i sistemi già ampiamente adottati in altri Paesi, emerge la necessità di acquisire una visione olistica della performance dell’università, per una considerazione unitaria dei risultati raggiunti nel perseguimento delle tre principali missioni che ogni ateneo è chiamato a realizzare.

 

Key-Words: contabilità bilancio e reporting delle università, Sistemi di misurazione della performance, Università, linee guida ANVUR

 

Logo SIDREA

Il processo di budget e l’interiorizzazione dei valori: il caso di un ospedale italiano

Il budget è tipicamente considerato uno strumento di controllo formale. Esso tuttavia incorpora valori aziendali e strategici che, se interiorizzati, favorirebbero sia la realizzazione degli obiettivi di budget sia il percorso strategico dell’azienda. Il paper studia, integrando letteratura di management accounting e letteratura relativa alla self-determination theory, un caso aziendale di un’azienda ospedaliera che, nel corso del tempo, ha introdotto meccanismi e strumenti di coinvolgimento e integrazione in un’ottica di allineamento degli obiettivi individuali rispetto ai valori aziendali. L’analisi evidenzia le criticità del settore sanitario, ma offre anche spunti sia ai practitioner sia agli studiosi che vogliano meglio comprendere i meccanismi di interiorizzazione dei valori aziendali.

Key-Words: Aziende sanitarie

Logo SIDREA

Le case della salute all’interno dei nuclei di cure primarie: efficacia del processo di cambiamento organizzativo

Il processo di sviluppo manageriale delle cure primarie ha conosciuto, negli ultimi anni, una significativa accelerazione anche all’interno del nostro Paese, specie in alcune realtà regionali. In questo mutato scenario sono divenuti particolarmente importanti gli strumenti di governo della medicina generale e si è, in un certo senso, intensificata l’esigenza di individuare gli elementi maggiormente efficaci, capaci di supportare detto cambiamento. Il presente lavoro si pone l’obiettivo di discutere se, e in che misura, i diversi strumenti gestionali adottati, impattino sulla capacità dell’azienda di raggiungere risultati in termini di efficacia, inserendosi nella prospettiva di analisi più ampia, ovvero analizzare come le cure primarie abbiano influito sulle performance delle singole aziende sanitarie coinvolte nel processo di cambiamento. La ricerca analizza cinque casi ritenuti significativi all’interno di un contesto regionale nel quale la medicina di base, gestita attraverso nuclei di cure primarie che si attivano con l’apertura di case della salute, ha sicuramente avuto una rilevanza non trascurabile. Il contributo si articola in una prima parte all’interno della quale si propone una contestualizzazione nell’ambito della principale letteratura di riferimento; una seconda parte nella quale si presentano le realtà analizzate e si propone la descrizione, all’interno di ognuna, dei fattori gestionali scelti a supporto del cambiamento; una terza parte nella quale, invece, si individuano quelli che possono essere alcuni importanti indicatori prestazionali cercando di spiegare e motivare la relazione esistente tra di loro ed i fattori di cui al punto procedente; un’ultima parte, infine, nella quale si cerca di addivenire a qualche importante conclusione proponendo poi possibili sviluppi futuri alla ricerca stessa. […]

Key – words: Aziende Sanitarie

Logo SIDREA

L’impiego dei costi standard per la valutazione delle prestazioni ospedaliere: alcune riflessioni sulle percezioni dei medici

A seguito dell’introduzione del sistema di rimborso mediante DRG l’utilizzo dei costi standard nella gestione delle aziende ospedaliere è divenuto uno strumento imprescindibile. Attraverso l’analisi di 81 questionari, compilati dai medici ospedalieri della regione Puglia, il presente studio esamina i benefici e i limiti derivanti dall’utilizzo dei costi standard, sia come sistema di controllo, per rispettare i limiti delle tariffe stabilite dai DRG, sia come strumento manageriale per il monitoraggio e la valutazione dell’attività dei singoli operatori. Le prime evidenze empiriche dimostrano che i medici riconoscono la validità dei costi standard per il raggiungimento degli obiettivi di efficienza ed efficacia delle aziende ospedaliere, anche se mostrano perplessità sull’utilizzo dei DRG per la valutazione delle loro prestazioni. Probabilmente, ciò è dovuto alla scarsa conoscenza delle logiche manageriali, le cui dinamiche sfuggono al loro modus operandi. I Dirigenti e i Responsabili di struttura, più consapevoli delle implicazioni dell’impiego dei costi standard, valutano, infatti, positivamente il loro utilizzo anche per il monitoraggio e la valutazione della performance dei singoli medici.

Key – words: Aziende Sanitarie

 

Logo SIDREA

L’evoluzione del Project financing da “all inclusive” a “light”: analisi empirica nel contesto italiano

Gli interventi di edilizia sanitaria si collocano tra le opere a diretta utilizzazione da parte della P.A. con la previsione di tariffe/canoni verso le Aziende Sanitarie per i servizi connessi alla disponibilità ed alla gestione dell’opera, nonché per tutti gli altri servizi “no core” strumentali all’esercizio dell’attività sanitaria, resi dal concessionario (Falini A., 2008). Il soggetto privato, dunque, interviene nella costruzione della struttura ospedaliera e nella gestione dei servizi “no core” di supporto all’attività sanitaria, ad eccezione delle prestazioni mediche e delle attività di assistenza al paziente (c.d. servizi “core” che sono di stretta competenza dell’Azienda Sanitaria, in quanto trattasi di attività accreditate e riservate per legge a determinati soggetti). Assume la gestione dei servizi alberghieri e di quelli ospedalieri non medicali, consistenti nella manutenzione ordinaria e straordinaria dell’edificio, nei servizi alberghieri ed ospedalieri generali, nella pulizia del servizio di mensa ed eventualmente anche nella manutenzione delle attrezzature specialistiche di reparto (sale operatorie, radiologia, etc.). A tali servizi viene affiancata, secondo volumi e modalità differenti nei singoli casi, anche la gestione di spazi commerciali ricavabili nella struttura (Osservatorio Finlombarda, 2008). In effetti, nel caso di nuovi ospedali, la moderna concezione architettonica e progettuale prevede lo sviluppo della struttura intorno ad una “street”, un asse di comunicazione che ha la funzione di facilitare la mobilità degli utenti all’interno dell’ospedale ed eventualmente un inserimento nella viabilità esterna all’ospedale. In tale contesto è facile ricavare alcuni spazi commerciali gestiti dal concessionario, previo accordo con il concedente, normalmente mediante l’istituto della locazione. […]

Key-Words: Rapporti pubblico-privato

Logo SIDREA

Trends and tools for performance measurement in the healthcare sector

This article takes into consideration the new needs and the changes of the healthcare and the performance measurement tools. The research question is: do they fit? Are performance measurement tools coherent with the changes that are taking place in the healthcare sector? The conclusions are that Performance measurement tools are from the 1990s and they do not fit the needs of the 21st century patients any more.

Key-Words: Health and care organizations,  Performance Measurement, new needs, effectiveness

 

Logo SIDREA

Medical managers’ managerial self-efficacy and role clarity: how do they bridge the budgetary participation –performance link?

The introduction of New Public Management inspired reforms in healthcare has encountered the resistance of many healthcare professionals who perceived the managerial approach to healthcare as a challenge to their professional culture, legitimacy, autonomy, and power (see, for example, 1, 2). The emergence of professional hybrids, such as medical managers in healthcare, i.e. individuals with a professional education and background who enter managerial roles was expected to avoid clashes between managerial and professional demands and reduce resistance to a more “managerial thinking” by healthcare professionals (e.g.: 4,5,6). Despite their potentially pivotal role in addressing professional resistance to managerialism, medical doctors entering hybrid roles might experience organizational-professional conflicts, i.e. an inconsistency experienced by employed professionals between the requirements of their employer and those of their vocation (7). Such an inconsistency experienced by professionals in the requirements of their employer and those of their vocation might have significant effects on hospital performance, in which quality-oriented objectives and economic-oriented objectives should be balanced in order to satisfy stakeholders. Although hybrid roles in healthcare have increasingly attracted a great deal of political and research interest (4, 3) and a body of research has already focused on professional identity and role conflict experienced by clinicians entering managerial positions how conflicts associated with hybrid roles could be overcome still remains unclear. […]

Key-Words: Aziende sanitarie

Logo SIDREA

L’introduzione di un sistema di prezzi di trasferimento per i servizi offerti dal Dipartimento di Anestesia e Rianimazione nell’AOU Pisana

Le strutture ospedaliere si configurano come organizzazioni collaborative, nelle quali, all’elevato livello di integrazione verticale e di diversificazione, si associa una forte complessità organizzativa che molto spesso, il sistema di rilevazione interno fatica a descrivere nel suo funzionamento coordinato. All’interno di questo tipo di organizzazioni, a causa delle modalità con cui il servizio viene reso, che implica la partecipazione di più unità organizzative, si verificano intensi scambi interni di beni e servizi tra i centri di responsabilità, la tecnica dei prezzi di trasferimento può assumere rilevanza strategica a fini conoscitivi sia per quantificare i costi dei servizi intermedi, in modo da determinare un costo pieno del servizio quanto più possibile aderente al rispetto del principio funzionale, sia per promuovere comportamenti organizzativi coerenti con l’ottenimento del servizio e con l’utilizzo adeguato delle risorse. La riduzione costante delle risorse disponibili e le crescenti misure regionali di contenimento di alcune voci di spesa, imposte dalle direttive nazionali e regionali nel triennio 2013-2015, hanno imposto alle aziende sanitarie, e quindi anche all’ Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana (AOUP), l’introduzione di meccanismi stringenti di controllo dei costi. In un contesto a risorse incerte e vincolate, la volontà di sostenere la mission aziendale ha indotto il management a ricercare misure in grado di esplicare la propria efficacia in maniera durevole e nel lungo periodo, restituendo consapevolezza alle politiche operative e contrastando al contempo la convinzione distorta che i sistemi contabili possano agire in modo distaccato o autonomo dall’operatività aziendale. […]

Key – words: Aziende sanitarie

Logo SIDREA

The validity in hospitals’ performance planning

The present research aims to discuss the theoretical conditions for validity in performance planning in hospitals.  In doing so, the research draws on a new emerging research paradigm, called Pragmatic Constructivism (Nørreklitet al., 2010). It conceives accounting as a social reality constructed through the integration of four ontological dimensions: facts, possibilities, values and communication.  The conditions for validity in performance planning in hospitals are examined drawing on Nørreklit et al. (2007), specifically we investigate theoretical conditions for validity in accounting performance measurement, analysing the ontological and epistemological nature of accounting data. The theoretical framework is applied to interpret the empirical evidence coming from a case of an Italian hospital located in the south of Italy. The empirical results showed how the theoretical framework helps to better understand the validity in performance planning in hospitals: the validity of knowledge of past results is examined by verifying the correspondence of performance measures with the past activity of the hospital; while the validity of the estimations of future results is analysed by verifying their coherence and consistency.

Key-Words: Health and care organizations

Logo SIDREA

Governance variables and equity in italian health care system. Some critical considerations

The institutional system of federalist type that is developing in Italy makes the study of the impact of health systems on health particularly relevant. The National Health Service has been characterized by a large and deep process of decentralization with transfer of responsibilities from the central to regional level, giving rise to – in fact – a plurality of regional health systems (Jommi, Cantù, and Anessi Pessina,  2001, Formez 2007; ASR 2007). In this process of decentralization of health governance, regional health systems that have emerged have specific characteristics in terms of health needs and hence the demand for health care, both at the organizational level of care offering health benefits, with different results in the context of health outcomes produced. Although the scientific community has largely accepted the fact that health inequalities are largely external to the healthcare system (Perucci 2004; Costa et al. 2004; Bunker et al 1994), the differentiation in the organization of health that is being achieved in Italian regions suggests it should to be kept under control, since it may be a harbinger of forms of production and reproduction of health inequalities alternatives to the traditional cleavage of social stratification (Lucchini et al. 2009). Equity in access to health care is one of the fundamental principles of the Italian health system: it is expressed in the right of all citizens with the same levels of need to access necessary health care. […]

Key-Words: Aziende sanitarie

Logo SIDREA

Cooperatives and crisis: Financial Dynamics On The Italian Primary Sector Cooperatives

This paper aims to analyse the financial structure of Italian cooperatives, with a focus on primary sector, before and during the crisis. The decade considered has been 2004-2013 and the financial dynamics have been assessed using two ratios – the Financial Leverage Ratio and Quick Ratio. To answer the research questions, starting from secondary data on AIDA database (at the end 291 cooperatives), first an exploratory study has been carried on through a trend analysis, then the analysis of variance (ANOVA) has been used to verify if there are statistically differences between geographic areas. The findings show that the financial structure of cooperatives in the primary sector have not been substantially affected by the crisis. Moreover the chosen discriminating factor produces statistically significant differences in the financial structure of cooperatives.

Key-Words: Aziende non profit, cooperatives; primary sector; crisis; financial structure.

Logo SIDREA

The implementation of clinical risk management in Italy: a case study

The growth of health care costs as regards GDP and public expenditure in all countries reflects, on the one hand, the growth of health demand probably due to the change in the global epidemiological landscape and, on the other hand, a steady rise in health costs, significantly influencing the sustainability of the world health system. The international scientific literature and the laws of several countries have recently focused on treatment safety, with a growing interest in the issue of risk management and control in public health firms, aiming to curb costs and improve treatment outcome. In the healthcare organization clinical risk management (CRM) is a particular model of risk management. By concentrating on the clinical process it can be identified with the set of procedures, instruments and specific activities the staff refers to in order to identify, analyze, manage and stem the risks which are potentially dangerous for the general organization and to preserve the original standards in quality and safety.The clinical risk can be defined as the chance a patient has of falling victim to an adverse event. Therefore, the typical risk profile healthcare companies deal with fall into a specific category of pure risks, i.e., those responsibility-risks ensuing adverse events caused by clinical errors. This research aims: (i) to investigate how clinical risk management is implemented in Italian healthcare organizations; (ii) to understand whether the adoption of a new systematic approach, such as lean management, can affect on risk management processes. The research method to be used is the case study.

Key-Words: Health and care organizations, clinical risk management, lean management, care processes, healthcare organization, kaizen, business model

Logo SIDREA

Making performance measurement effective: from Knaves to Knights through the managerial approach

 

In healthcare the concept of value have been defined in different ways, however most commonly this involves the degree to which services are delivered effectively (higher quality) and efficiently (lower total cost of care). Health policies, mirroring this perspective, aim both at controlling public expenses, and at improving the quality of care, often through the development of frameworks for performance measurement (PM). Through PM frameworks, policy-makers set performance indicators and the associated targets for the achievement of healthcare improvement goals, and this allows the definition and setting of priorities, it expresses a commitment to achieve specified objective in a defined period, and it helps to monitor their progress (Smith et al 2009). This implies that the frameworks of PM are effective when they are able to promote the implementation of health policies, creating high-level political and administrative commitment to particular results, and providing a basis for follow up and evaluation (Smith et al 2009). However, a large part of literature demonstrates that healthcare organizations and professionals perceived the evaluation process as an exogenous, time-consuming, and potentially damaging exercise, and they often react through gaming behaviours, compromising the performance measurement effectiveness. The aim of this short paper is to contribute to the debate on the effective design and implementation of performance measurement system at governance level, with a specific focus on the healthcare sector. In particular, we propose a theoretical interpretation of the barriers affecting such initiatives – namely the implicit adoption of the agency theory assumptions –, and we propose the adoption of the pragmatic approach of management studies to overcome these obstacles. […]

Key-Words: Misurazione e valutazione delle performance