Fr

Impression management and legitimacy strategies: The BP case

The aim of this paper is to study if and how impression management varies during different phases of the legitimation process, in particular during the legitimacy building and legitimacy repairing phases (Suchman, 1995). We aim at understanding whether and how the disclosure tone adopted by a company in the two different moments is diverse and thus functional to the intrinsic objective of the each phase. The empirical analysis focuses on the case of British Petroleum Plc. We investigated the impression management practices undertaken by the company both during the preparation of the rebranding operation, i.e. a situation in which the company is trying to build legitimacy; and during the happenings of two legitimacy crises, like the explosion of the refinery in Texas City and the oil spill in the Gulf of Mexico. The evidence appears in line with the theoretical prediction of legitimacy theory. Results show that while the company tends to privilege image enhancement techniques during the legitimacy-building phase, it uses more obfuscation techniques when managing a legitimacy-repairing process. Moreover, the analysis suggests that the company makes more extensive use of impression management techniques in the disclosures addressed to shareholders, investors and other market operators than in the disclosures addressed to the wide range of other stakeholders.

_

Keywords: Impression management, disclosure tone, legitimacy building, legitimacy crisis

Fr

Oral financial reporting: A rhetorical analysis of earnings calls

Earnings calls are a key form of voluntary financial reporting through which companies seek to proactively engage investors. Although now quite routine, little is known about their rhetorical dimension. Inspired by Aristotlean classical rhetoric, this paper offers an exploratory analysis of the language of a small sample of earnings calls to identify expressions of logos (reason), ethos (credibility) and pathos (emotion). Text analysis software was used to generate descriptive data for follow-up qualitative analysis to interpret strategic usage. Results indicate a strong presence of persuasive language that is skillfully juxtaposed by company executives with financial information to emphasize success and instill confidence. The findings can be applied towards developing state-of-the-art courses for students of financial communication and towards enhancing the effectiveness of financial reporting.

_

Keywords: Financial reporting, classical rhetoric, earnings calls, corpus linguistics

Fr

Is there such a thing as European Financial Reporting?

[Opinion]

I have been invited to write 2000 words about the ‘current existing European accounting situation’, under the general heading of ‘expert’s opinion’. I welcome the opportunity, and propose to concentrate on the ‘opinion’ part rather than the ‘expert’ part. A real academic expert exposition of the ideas would include a very long and detailed bibliography, which is not the ethos I follow here. Rather than select on an ad hoc basis, I give no bibliography at all; the web is available. I believe that financial reporting in Europe, which is not at all the same thing as the ‘European financial reporting’ of my title, is in a mess. I shall support this belief below, in a manner which hopefully will both provoke thought and discussion, and will contribute towards readers’ research agendas. But the root cause of the problems is a failure to provide rigorous theoretical and intellectual analysis of the contexts, needs and objectives of financial reporting. This is a failure by the academic community as a whole. Politicians and bureaucrats (and Eurocrats) are making not only the strategic decisions, which is indeed the prerogative of those we elect (which does not include either bureaucrats or Eurocrats), but many tactical and operational decisions as well. Intellectual dishonesty is rampant, and we as academics have an obligation, and we should have the ability, to expose it. We have largely failed in recent years. To avoid suspense, the answer I give to the title question is ‘No’. Neither the problems I shall outline at national/country level, nor the problems at IASB level, will be alleviated until the validity of this answer is recognised. […]

Fr

Le novità sulla Revisione legale dei conti

[Audit e professioni contabili]

La pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del 29 agosto dei Decreti Ministeriali n. 144, 145 e 146, ha completato il ridisegno della normativa nazionale sulla revisione legale dei conti sulla base della Direttiva 2006/43/CE. Il quadro che ne risulta sembra paventare la configurazione di una sorta di ordinamento professionale autonomo, per quanto prossimo a quello dei Dottori commercialisti. L’impatto della Riforma sull’ ordinamento del nostro Paese è stato abbastanza significativo. Il d.lgs. n. 39/2010, che dava attuazione alla direttiva europea ha inciso a più livelli, sia modificando direttamente l’infrastruttura normativa civilistica, sia codificando a livello legislativo principi e comportamenti che erano già di generale accettazione nella prassi. Sul piano normativo, si è scelta un’unificazione concettuale e definitoria, con l’introduzione della “revisione legale dei conti” in sostituzione delle precedenti espressioni di “controllo contabile” e “revisione contabile” presenti nell’ ordinamento. Ancora, si è avuto un accorpamento della materia, precedentemente regolata sia dal codice civile, sia da atti della Consob, della Banca d’Italia e di altri Organismi di vigilanza. Ai fini dei meccanismi di governance e controllo, l’universo delle società di capitali è stato distinto in: 1. enti di interesse pubblico (artt. 16-19 del dlgs 39/10) e altre società di capitali. Alla prima categoria appartengono, in sostanza, tutte le società che per dimensioni, rapporto con il mercato, oggetto sociale, assumono una particolare rilevanza pubblica (banche, intermediari finanziari, assicurazioni, emittenti strumenti finanziari). Per questi soggetti e per tutti i soggetti da questi controllati, la revisione legale non può essere svolta dal collegio sindacale; 2. altre società per azioni, in cui il regime naturale è quello binario, che vede la revisione legale non affidata al collegio sindacale. Se consentito dallo statuto, però, può essere prevista la coincidenza tra collegio sindacale e soggetto incaricato della revisione; 3. società a responsabilità limitata che non rientrino nel numero 1), in cui, a meno che non sia diversamente disposto dallo statuto, la revisione legale dei conti è effettuata dal collegio sindacale. […]

Fr

La valutazione del patrimonio museale: il caso del Museo di Storia Naturale di Firenze

Il presente lavoro mira ad individuare le prassi per la valutazione dei beni culturali di proprietà delle pubbliche amministrazioni attraverso lo studio del caso del Museo di Storia Naturale di Firenze. Dopo aver esaminato le principali indicazioni della prassi e della dottrina in tema di valutazione dei beni culturali, gli autori affrontano un caso di studio nel quale è stato adottato, per l’inventariazione dell’intero patrimonio museale, uno dei metodi in precedenza discussi, ossia la stima degli esperti, quale proxy del valore di mercato delle collezioni. Con riferimento al caso di studio si indicano le motivazioni a supporto del metodo adottato e le difficoltà incontrate nella conduzione del processo valutativo. Dall’indagine condotta emergono alcuni limiti ed alcuni potenziali sviluppi della ricerca, evidenziati nelle conclusioni, sui criteri di valutazione del patrimonio museale.

_____________________________________

This work aims to determine the practices in the valuation of public heritage assets by analyzing the case of Natural History Museum of Florence. After examined the main recommendations in the valuation of cultural assets from practice and theory, the authors are checking the research hypothesis that monetary assessment of collections may improve the discharge of internal and external accountability duties of the museum, by screening the methods useful for this goal. Among these methods, a particular attention is dedicated to the expert appraisal as a proxy of the collections market value. The case study, that has been selected because of its criticality, confirms the research hypothesis, even if some limitations and potential developments emerge from the analysis and are discussed in the conclusions.

_

Keywords: Museum heritage, public heritage assets, expert assessment, market value, Contingent Valuation Method, Natural History Museum of Florence

_

Fr

Accounting e reporting dei diritti di emissione. Modelli di rilevazione proposti e pratiche emergenti

Il presente lavoro esamina le principali implicazioni dell’Emission Trading Scheme Europeo (EU ETS) sul sistema di accounting e reporting delle imprese e verifica l’influenza di alcune variabili sulla disclosure delle informazioni sui diritti di emissione e sul climate change. Lo studio ha ad oggetto un campione di imprese che gestiscono impianti termoelettrici cogenerativi e non cogenerativi e prende in esame le informazioni che queste forniscono in merito ai diritti di emissione nei bilanci 2009; nei documenti che corredano i bilanci (in particolare la relazione sulla gestione); nei rendiconti di sostenibilità 2009 redatti sulla base delle linee guida GRI/G3. I principali risultati conseguiti segnalano la presenza di alcune significative uniformità nei criteri di contabilizzazione adottati dalle imprese e dimostrano che la redazione di un bilancio di sostenibilità influenza il livello di disclosure.

_____________________________________

The objectives of this study are to investigate the most important effects of the European Emission Trading Scheme (EU ETS) on corporate accounting and reporting o analyse how certain variables influence the disclosure of emission rights and climate change. The study is based on disclosures made in Annual Reports both in the Financial Review by Management and in Sustainability Reports (2009) of a sample of companies that manage cogenerative and non-cogenerative thermo-electrical plants. The results have shown interesting uniform methods of accounting used by com- panies included in the analysis and the influence played by sustainability reports on the disclosure level.

_

Keywords: Emission rights, accounting, disclosure, climate change, EU ETS.

Fr

I compensi agli amministratori: analisi della disclosure nei Bilanci delle società italiane quotate

Il presente contributo intende analizzare la disclosure relativa alla remunerazione percepita dagli amministratori, il cui ruolo di primo piano nel definire le sorti di un’azienda rende l’informativa ad essi correlata di particolare interesse per i diversi stakeholder. Obiettivo degli autori è quello di indagare nei documenti ufficiali (relativi all’esercizio 2009) delle 50 società italiane quotate maggiormente capitalizzate, al fine di verificare il livello di informativa obbligatoria e/o volontaria ivi fornita in merito ai compensi percepiti dai rispettivi amministratori. Le risultanze emerse saranno sintetizzate in un disclosure index di cui sarà valutata l’eventuale correlazione con alcuni parametri, selezionati in base a specifiche ipotesi di ricerca, inerenti alla struttura del board e alla dimensione aziendale.

_____________________________________

This paper analyses the disclosure on the directors’ remuneration, whose primary role in a company, makes their information of particular interest to different stakeholders. The authors’ aim is to investigate the official documents (for 2009) of the 50 most capitalized listed Italian companies, in order to verify the compulsory and/or voluntary disclosure provided about the remuneration paid to their directors. The findings will be summarized in a disclosure index whose correlation with some parameters (selected on the basis of specific research hypothesis) concerning board structure and company size will be assessed.

_

Keywords: Disclosure, directors, remuneration, Financial Statement, Corporate Governance Report, listed Italian companies

Fr

Rilevanza ed affidabilità del valore contabile dell’avviamento e dei beni immateriali sul mercato italiano

Il presente lavoro si propone di indagare quale sia la rilevanza e l’affidabilità percepita dal mercato finanziario sul valore espresso nel bilancio d’esercizio sui beni immateriali e l’avviamento delle società quotate. Lo studio ha analizzato le aziende quotate al FTSE Italia All-share, nel periodo fra il 2002 ed il 2008. Attraverso un modello di regressione a più variabili si è verificato che: a) il valore contabile dei beni immateriali e dell’avviamento sono correlati positivamente al valore di mercato del capitale, b) la transizione agli IAS/IFRS non ha comportato un incremento della rilevanza ed affidabilità percepita dal mercato dei beni immateriali e avviamento.

______________________________________

We examine the value relevance and reliability perceived by the market for goodwill and identifiable intangible assets as reported in the financial statements of a sample of Italian listed companies. The dataset is composed of companies listed on FTSE Italia All-share during the period 2002-2008. Using a multiple regression model, our findings suggest that for the Italian companies the information relating to goodwill and identifiable intangible assets is value relevant in terms of market value. Moreover, we did not find any significant change in the reliability of these items after the introduction of IAS/IFRS.

 _

Keywords: intangible assets, goodwill, value relevance, reliability, market value, IAS/IFRS

Fr

La value relevance incrementale dell’other comprehensive income rispetto al net income. Un’analisi sulle società quotate in Italia

L’obiettivo principale dello studio è quello di testare l’assunzione, validata da una parte della letteratura, che l’Other Comprehensive Income (OCI) items reporting sia value relevant per gli investitori in misura incrementale, ossia che fornisca loro informazioni aggiuntive rispetto al reddito netto. La rassegna della letteratura evidenzia risultati contraddittori. Gli autori ipotizzano che una delle principali cause dell’inconsistenza dei risultati dipenda dall’utilizzo di dati che si riferiscono a periodi precedenti l’introduzione degli standard contabili sul Comprehensive Income (CI). Di conseguenza, hanno testato l’ipotesi di ricerca utilizzando dati relativi a periodi successivi allo IAS 1 revised 2007, in cui è esplicitamente richiesto alle aziende di presentare le componenti in bilancio. Il campione è costituto dai gruppi quotati alla borsa valori di Milano. L’analisi di regressione fornisce evidenza della value relevance incrementale dell’OCI rispetto al reddito netto.

______________________________________

The main aim of the article is to test that the Other Comprehensive Income (OCI) is incrementally value relevant for investors with respect to net income. Literature review highlights mixed results. The authors, hypothesizing that one of the main causes of the inconsistency of results is the use of OCI data from the period before implementation of comprehensive income reporting (as if OCI numbers), used in their value relevance regression analysis as reported OCI numbers in the listed companies’ financial accounts. The sample comprehends the groups listed on the Milan Stock Exchange. Our evidence supports the conclusion that the as reported OCI numbers are incrementally value relevant for investors.

_

Keywords: value relevance, net income, other comprehensive income, Italy, listed, groups, as reported data.

 

Fr

Un paio di riflessioni sulle regole per le abilitazioni scientifiche nazionali

[Editoriale]

Con il mese di agosto del 2012 si è completato il quadro normativo per far  ripartire i concorsi universitari con le nuove regole, secondo le quali una commissione attribuirà l’idoneità nazionale di professori di prima e seconda fascia  ai candidati meritevoli, che potranno quindi esser chiamati dagli Atenei interessati. In rapida successione, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e  della Ricerca (MIUR) ha pubblicato il 7 giugno 2012 il regolamento per la  valutazione dei candidati e per le modalità di accertamento della qualificazione dei Commissari, il 27 giugno il bando per i professori che intendono far parte della commissione esaminatrice, il 20 luglio il bando per i candidati. Sia per la selezione dei commissari, sia per la successiva valutazione dei candidati all’idoneità, è stata stabilita la regola del necessario superamento della soglia di merito costituita dalle mediane nazionali di alcuni indicatori di produttività scientifica. A tal fine l’ANVUR con delibera del 21 giugno ha classificato le discipline aziendali tra i settori scientifici cosiddetti “non bibliometrici” nel senso di caratterizzati da indicatori calcolabili tramite informazioni non dispo- nibili su banche dati internazionali ma desunte da liste di pubblicazioni. In particolare l’ANVUR ha scelto di calcolare le mediane per tre indicatori costituiti dal “numero di libri dotati di ISBN”, “numero di articoli su rivista e capitoli di libro dotati di ISBN” e dal “numero di articoli su riviste appartenenti alla classe A”, che in sostanza sono le migliori riviste internazionali per quella disciplina. Tali mediane sono calcolate sulla produzione scientifica degli ultimi dieci anni (dal 2002 al 2011). […]

_

FR2012.3_1_QUAGLI

Fr

Cambiamenti di cash generating unit e valutazione dell’avviamento

Il presente contributo esamina gli effetti delle variazioni di cash generating unit (CGU) sull’entità delle svalutazioni dell’avviamento, attraverso un’indagine comparata di bilanci di società quotate italiane e inglesi. Avendo riguardo alla procedura di impairment test prevista dallo IAS 36, si assume che le modifiche di CGU, ove ritenute “non giustificate”, ovvero non riconducibili a business combinations o a motivate riorganizzazioni interne, possano rivelare politiche di earnings management. In detto contesto si verifica l’ipotesi che un incremento o un decremento non giustificato del numero di CGU, cui l’avviamento risulta allocato, sia associato ad una svalutazione dell’avviamento rispettivamente maggiore o minore rispetto a quella del periodo precedente. I risultati della ricerca, in coerenza con gli assunti propri della teoria dell’earnings management, confermano che i profili di soggettività insiti nella procedura di impairment possono essere utilizzati dai managers in modo opportunistico.

______________________________________

This paper examines whether changes in cash generating units (CGUs) affect the magnitude of goodwill write-offs, with reference to the impact of IAS 36 on a sample of Italian and British firms. As regards an accounting regulation that allows significant unverifiable estimates whilst at the same time one that requires a high level of disclosure, the paper proposes that an unjustified change in the specific CGUs to which each goodwill has to be allocated could reveal earnings management. The change is defined “unjustified” if there is not a business combination which has caused the change or if the internal reorganization is not adequately disclosed. In this context, it is assumed that an unjustified increase in the number of CGUs to which goodwill is allocated will cause higher goodwill write-offs than those recorded in the previous period. On the other hand, it is hypothesized that an unjustified decrease in the num- ber of CGUs is associated to non-impairment or to goodwill write-offs lower than in the previous period. The empirical results confirm the two hypotheses, in both the Italian and British samples. These findings are consistent with earnings management theory insights, suggesting that the profiles of subjectivity inherent in impairment test assumptions could be used opportunistically by managers.

.

Keywords: Cash Generating Units, goodwill, impairment test, earnings management, write-offs, disclosure

 

Fr

IAS 1 revised e nuova rappresentazione della performance economica nel bilancio: evidenze empiriche da Italia e Francia

A partire dai bilanci dell’esercizio 2009, l’applicazione dello IAS 1 revised richiede al conto economico l’evidenza del total comprehensive income, una misura di performance che si ottiene sommando alla tradizionale figura del profit or loss quei valori non realizzati (segnatamente, variazioni di fair value) che, in precedenza, erano iscritti direttamente a patrimonio netto e quindi non partecipavano alla formazione del reddito di periodo. Con questa ricerca gli autori si pongono l’obiettivo di misurare l’impatto che l’adozione del prospetto di conto economico complessivo ha comportato sulla rappresentazione della performance periodica d’impresa, in Italia e Francia, osservando l’entità e la volatilità del nuovo risultato economico, nonché la sua composizione.

______________________________________

From the annual reports of the year 2009, the adoption of the IAS 1 revised has required to show in the income statement the total comprehensive income, a performance measure that results adding to the traditional figure of profit or loss the unrealized gains and losses (particularly, fair value changes) that, previously, were directly placed in the net equity and weren’t part of net income. In this research authors want to investigate the impact of the new statement of comprehensive income on the firm performance representation, in Italy and France, by observing the amount and the volatility of this new measure, as well as its composition.

_

Keywords: IAS 1, performance, comprehensive income, financial statement presentation, statement of comprehensive income, volatility.

Fr

Piccole imprese, piccoli bilanci, piccoli ricercatori..

[Editoriale]

In data 14 marzo 2012 il Parlamento Europeo ha emanato la Direttiva 6/2012 che modifica la IV Direttiva (78/660, del 25 luglio 1978 e successive modifiche) sui conti annuali, creando la nuova categoria delle “microentità”, con l’obiettivo di snellire gli obblighi contabili in tema di bilancio e fornire così un contributo alla competitività delle PMI. Il gran numero di microimprese esistenti in Europa e l’analisi dei costi amministrativi sostenuti dalle imprese europee nel processo di redazione e pubblicazione del bilancio e dei conseguenti risparmi che si avrebbero in caso di semplificazione, hanno infatti indotto l’Unione Europea a creare questa nuova categoria di imprese. Per le microentità gli Stati membri dell’Unione possono ora varare un pacchetto di importanti facilitazioni in materia di bilancio. Tecnicamente le microentità sono una sottoclasse della più ampia categoria delle microimprese, come individuate nella Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003, che definisce anche le piccole e le medie imprese (GUCE 124 del 20.05.2003). La microentità è infatti definita come quell’impresa che non supera i limiti numerici di due dei tre criteri seguenti: a) totale dello stato patrimoniale: 350.000 EUR; b) importo netto del volume di affari: 700.000 EUR; c) numero di dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 10. […]

_

FR2012.2_1_QUAGLI

Fr

La revisione dei principi contabili nazionali: prime considerazioni sul Progetto OIC

[Audit e professioni contabili]

Nel mese di maggio 2010, l’Organismo Italiano di Contabilità (OIC) ha dato avvio ad un progetto di revisione dei principi contabili nazionali; tale progetto nasce con l’obiettivo dichiarato di rivedere, dal punto di vista formale e sostanziale, il contenuto dei suddetti principi in modo da poterli adeguare: all’evoluzione della normativa nazionale ed agli sviluppi della prassi contabile nazionale, tenendo conto degli sviluppi dottrinali nel frattempo intervenuti e considerando l’evoluzione della regolamentazione internazionale.Al fine di sgomberare il campo da possibili equivoci, va preliminarmente fatto presente che, anche se gli obiettivi dell’OIC sono quelli di aggiornare il contenuto dei principi nazionali sulla base della evoluzione della normativa e della prassi a livello domestico ed internazionale, ciò non implica necessariamente il voler imporre a tutti i costi soluzioni che portino alla convergenza verso i principi contabili internazionali IAS/IFRS, anche se alcune scelte di modifica della normativa comunitaria in tema di regolamentazione contabile appaiono allineate all’evoluzione di tali principi. Come chiaramente indicato nella lettera di presentazione del progetto, è lo stesso OIC a precisare che, vista l’adozione obbligatoria dei principi contabili internazionali IAS/IFRS per le imprese quotate e per alcune tipologie di imprese di maggiori dimensioni (ad esempio, banche e intermediari finanziari), si presuppone che i destinatari del rivisitato sistema di regole previsto dallo standard setter nazionale siano rappresentati da imprese che sono tendenzialmente dotate di dimensioni più ridotte e di strutture amministrative e di controllo meno articolate di quelle delle società quotate che, invece, al tempo dell’emanazione dei principi contabili nazionali, rappresentavano i principali destinatari dell’attuale sistema di regole contabili codificate. […]

Fr

Prevalenza della forma sulla sostanza: la razionalità dell’analista finanziario e il ruolo delle aspettative

Il presente lavoro vuol dimostrare, attraverso l’analisi del comportamento di potenziali analisti finanziari, l’irrazionalità del comportamento individuale in sede di valutazione economico-finanziaria delle società. Il tipo di rappresentazione mentale, influenzata da stereotipi, pregiudizi e aspettative, conduce, infatti, a individuare risposte a determinati problemi decisionali non razionali. L’ipotesi di ricerca è che gli analisti finanziari sono influenzati da etichette esterne, nello specifico dal nome della società, nel loro processo di valutazione. L’indagine è condotta attraverso un esperimento su studenti universitari mediante la somministrazione di questionari volti a misurare il cambiamento di giudizio espresso sulle società al mutare del nome alle stesse attribuito. Dalle risposte emerge che l’effetto notorietà del nome ha un’influenza significativa nel processo di valutazione delle società.

______________________________________

This work, by analyzing the behavior of potential financial analysts, aims to show the actual ability to assess businesses in a neutral way, without being influenced by external factors that are not technically relevant to the evaluation process. The type of mental representation that an individual tends to build in solving a decision problem can produce inconsistent decisions due to stereotypes that can influence the decision-making process. The research hypothesis of this paper is the following: the decision-making process of financial analysts is influenced by external labels (in this case, the company name) in their evaluation process. The survey has been conducted on university students in an experiment through the submission of questionnaires to verify if a simple name change affects the company assessment. The answers show that the effect of name recognition has a significant influence on company evaluation.

 _

Keywords: Pygmalion effect, investors, neutrality, decision-making process, rationality.

Fr

Professione amministratori: interlocking directorship e qualità degli utili nelle imprese italiane quotate

Al fine di aiutare a comprendere il ruolo rivestito dagli interlocking directorship nel contesto istituzionale italiano, il presente contributo ne analizza empiricamente l’influenza sulla qualità degli utili di bilancio. Adottando un campione di imprese italiane quotate tra il 2000 e il 2004, si rinviene che l’incidenza degli interlock nei CdA è negativamente correlata alla sostenibilità e alla value relevance dei valori di reddito. Tali risultati suggeriscono che la presenza di amministratori con incarichi multipli riduce il monitoraggio del CdA sul processo di redazione del bilancio, conducendo a valori contabili che non riflettono al meglio le performance economicofinanziarie dell’impresa. Questo studio contribuisce alla letteratura che annovera le caratteristiche di governance tra le determinanti del livello di trasparenza aziendale, al contempo fornendo evidenze utili per l’emanazione di future prescrizioni regolamentari.

______________________________________

This study explores the role of interlocking directorships among Italian listed companies, by looking at their influence on earnings quality. Examining a sample of firms over the period 2000-2004, the author finds that the incidence of ID on BoD is negatively related to the value relevance and the persistence of accounting earnings. This suggests that ID weakens the level of BoD’s monitoring on financial reporting process, thus leading to a lower earnings quality. These findings contribute to the lite- rature on the association between governance structures and accounting quality, at the same time providing evidence that could help regulators to further develop effective policy recommendations.

 _

Keywords: interlocking directorship, board of directors, Italy, earnings quality

Fr

Nuova linfa alla Fiscalità differita attiva dalle modifiche al regime di riporto delle perdite fiscali

[Audit e Professioni Contabili]

L’art. 23, comma 9, del decreto legge n. 98 del 2011, recante Disposizioni urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria ha introdotto importanti modifiche alla disciplina del riporto delle perdite fiscali, intervenendo sull’art. 84 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (di seguito Tuir). Come è noto, il riporto delle perdite è un istituto presente sostanzialmente in tutti i Paesi che hanno sviluppato un sistema di tassazione sui redditi delle società e consiste nella possibilità, in presenza di un esercizio chiuso con un risultato fiscale negativo, di utilizzare il saldo negativo in questione per abbattere il risultato reddituale determinato in periodi d’imposta precedentemente chiusi (carry back), ovvero in periodi d’imposta futuri (carry forward). Il riporto delle perdite assolve alla fondamentale funzione di stabilizzare il carico fiscale degli esercenti attività d’impresa. La suddivisione dell’attività in singoli periodi amministrativi, infatti, potrebbe provocare l’effetto di alternare periodi di gestione negativa con successivi periodi di redditi d’esercizio. Senza il riporto delle perdite il soggetto passivo si troverebbe a pagare le imposte nei periodi di gestione positiva anche se il reddito dovrebbe ragionevolmente essere utilizzato per coprire le perdite di gestione degli esercizi precedenti. Il sistema fiscale italiano si caratterizza per il solo riporto in avanti (carry forward) delle perdite fiscali maturate in un determinato periodo d’imposta. Fino al periodo d’imposta 2010, in base alle disposizioni del menzionato art. 84 del Tuir, la perdita di un periodo d’imposta poteva essere portata in diminuzione del reddito prodotto nei periodi d’imposta successivi, ma non oltre il quinto, per l’intero importo che trovava capienza nel reddito imponibile di ciascuno di essi. […]

Fr

The determinants of segment disclosure: an empirical analysis on Italian listed companies

In November 2006 the International Accounting Standards Board issued IFRS 8, which replaced IAS 14-Revised and became effective for the fiscal year beginning on or after 2009. IFRS 8 changed the items of information that companies have to disclose for each segment. The aim of the research is to examine the determinants of segment disclosures provided by Italian companies in both 2008 and 2009 using the framework of the proprietary costs theory. Moreover, the research investigates whether the implementation of IFRS 8 has brought companies operating in less competitive industries to adopt some opportunistic behaviors, reducing the level of segment disclosure provided in 2009, compared to that disclosed the previous year under IAS 14-R. The results show that higher levels of industry competition are associated with higher levels of segment disclosure. Moreover, we find that firms operating in less competitive industries decreased the items of information provided for each segment under IFRS 8, compared to those released the previous year.

_

Keywords: Informativa di settore, proprietary costs theory, IFRS 8, IAS 14-R, società quotate italiane

 

Fr

La disclosure dei resoconti semestrali di gestione IAS-compliant. Evidenze empiriche sulle società quotate italiane

Nel presente lavoro ci si propone di analizzare empiricamente il livello di disclosure integrativa presentata nei bilanci infrannuali conformi allo IAS 34. In particolare, si cerca di capire in primis se, data la crescente complessità aziendale, sia riscontrabile un incremento del grado di dettaglio delle informazioni integrative pur nel rispetto dei requisiti minimi indicati dallo standard. Successivamente, si provvede a verificare se il diverso livello della disclosure rappresentata sia imputabile a talune caratteristiche specifiche delle imprese quali la dimensione aziendale, la redditività, la struttura finanziaria, il rischio di mercato ed il rischio d’impresa. Il campione utilizzato per l’indagine empirica include i bilanci semestrali di 64 imprese italiane quotate pubblicati nel periodo 2005-2009. I principali risultati dimostrano che a livello infrannuale non si rileva un significativo incremento del grado di dettaglio informativo e che variabili come un’ampia dimensione nonché una più elevata redditività giocano un ruolo determinante nelle politiche di disclosure.

______________________________________

In this study we investigate empirically the extent of the financial disclosure presented in the notes of IAS 34-compliant interim financial reports. Particularly, we observe, first, if there is an increase of the detail level of interim disclosure despite the compliance with the minimal requirements of the international standard. Second, we examine if the different degree of interim disclosure depends on some specific characteristics of firms such as company size, profitability, leverage, business and market risk. The sample used for the empirical analysis includes the halfyearly reports of 64 Italian listed companies for the period 2005-2009. The main results show that it is not found an increase of interim disclosure detail degree and that the large company size and a higher profitability play, at interim, a major role in the disclosure policy of firms.

_

Keywords: interim disclosure, IAS 34, interim financial reporting, half-yearly reports.

Fr

La disclosure del bilancio in forma abbreviata delle piccole imprese

La letteratura che si è occupata di disclosure da un lato ha analizzato il comportamento dei redattori del bilancio rispetto al grado di dettaglio delle informazioni in esso incluse (cd. disclosure level evaluation), dall’altro ha tentato di individuare le motivazioni che spingono talune imprese a fornire maggiori informazioni rispetto ad altre (cd. disclosure determinants analysis). Mentre la letteratura si è occupata prevalentemente di imprese quotate, il lavoro intende esaminare il livello di disclosure e le sue determinanti rispetto alle piccole imprese che redigono il bilancio in forma abbreviata. Inoltre, il lavoro intende valutare la differenza esistente tra piccole imprese in crisi e “sane” riguardo al livello di disclosure, ipotizzando un’incidenza dello stato di crisi su tale livello.

______________________________________

Prior literature has investigated the disclosure of financial statements in two main directions: i) disclosure level evaluation, analysing the approach firms have towards accounting (mandatory and voluntary) disclosure; ii) disclosure determinants analysis, investigating the reasons why some firms disclose more or less information than others. While literature prevalently investigates listed firms, this paper tries to examine disclosure level evaluation and disclosure determinants analysis of small firms, which represent a key drive for growth and innovation. In addition, the paper compares the level of disclosure of small healthy and unhealthy Italian entities, by an analysis of two non-paired samples. The main expected result is that the crisis of a firm affects the disclosure index.

 _

Keywords: Small entities, abridged financial statements, mandatory disclosure, voluntary disclosure, disclosure index,  crisis of a firm.

Fr

Un nuovo approccio statistico per l’individuazione delle manipolazioni degli utili: evidenze empiriche dal mercato italiano

Mediante uno studio di simulazione, questo articolo si propone di valutare l’efficacia nel mercato italiano dei metodi comunemente utilizzati nella letteratura nord-americana per individuare le manipolazioni di bilancio. Inoltre, viene proposta una nuova metodologia di stima degli accrual model – il modello delle misture – che non si basa su nessuna classificazione industriale e risolve alcuni dei problemi che questi metodi di indagine manifestano nei paesi con mercati finanziari di minori dimensioni. Dalle analisi svolte emerge che le tecniche d’indagine ampiamente utilizzate a livello internazionale sono efficaci anche nel nostro Paese e che il modello delle misture aumenta significativamente la potenza del test più efficace per ricercare la presenza di manipolazioni di bilancio. Complessivamente questi risultati indurrebbero a concludere che gli accrual model potrebbero essere utilizzati maggiormente dai ricercatori interessati ad investigare la presenza di politiche di bilancio in Italia.

_____________________________________

Accruals models are usually estimated cross-sectionally by year and by two-digit SIC code. This estimation approach, however, on the one hand is not applicable in small capital market countries, such as Italy, due to the lack of observations, and on the other hand relies on the implicit assumption of homogeneity of the accrual-generating processes within industries, which sometimes does not hold within two-digit SIC codes. We propose a new estimating technique, the mixture approach, which does not rely on industry classifications and allows researchers to estimate abnormal accruals for the vast majority of firms in small capital market countries. Our analyses suggest that accruals model tests are not less effective in Italy than in other countries and that the mixture approach provides the most powerful test for earnings management.

_

Keywords: earnings management, accruals models, abnormal accruals, mixture model.

Fr

Per aspera ad astra: 2012, un anno molto importante per Financial Reporting

[Editoriale]

Per Financial Reporting il 2012, terzo anno di vita della rivista, sarà molto importante per il grosso sforzo che faremo sulla strada della internazionalizzazione, sotto vari profili. Anzitutto, come Comitato Scientifico abbiamo deciso infatti che dal 2012 le nuove sottomissioni alla rivista dovranno essere solo in inglese per ampliare la platea potenziale tanto di lettori quanto di autori. Già adesso la rivista ha in corso di referaggio oltre 20 paper in inglese, inviati tanto da autori italiani che stranieri. I primi numeri del 2012 conterranno ancora articoli in italiano i cui referaggi sono attualmente in corso, ma l’obiettivo è di avere una rivista tutta in inglese per la fine dell’anno, per poter poi puntare in futuro ad un accredita- mento presso le migliori Journal List internazionali. In secondo luogo, stiamo agendo sulla composizione del Comitato Scientifico, inserendo qualificati colleghi stranieri molto attivi nella ricerca. Gli ultimi entrati sono Joachim Gassen (Università di Berlino) ed Araceli Mora (Università di Valencia) e miriamo ad inserirne alcuni altri nel corso dell’anno. Infine, dal 2012 abbiamo deciso di svolgere il convegno annuale della rivista esclusivamente in inglese. Questo anno Financial Reporting terrà il suo convegno a Napoli, Università Parthenope, il 14 e 15 giugno, sotto la supervisione organizzativa del collega Raffaele Fiume e sarà il primo completamente in inglese (informazioni e inscrizioni tramite sito web http://www.frworkshop.com). Nello stesso senso stiamo cercando di aprire alla internazionalizzazione anche i contatti con i principali regulators europei per ospitare nella rivista il dibattito in merito alle questioni principali sullo standard setting europeo. […]

_

FR2012.1_1_QUAGLI

Fr

Disciplina di bilancio delle operazioni di ristrutturazione e rinegoziazione: prime considerazioni sull’OIC 6

[Audit e professioni contabili]

Il presente articolo si può considerare la naturale prosecuzione del precedente contributo del sottoscritto pubblicato sul n. 2/2009 di questa rivista all’interno della medesima rubrica “Auditing e Professioni contabili” ed intitolato Crisi finanziaria, ristrutturazione dei debiti ed informativa di bilancio: considerazioni critiche. Il contributo sopra citato si concludeva con l’auspicio che lo standard setter nazionale (OIC) potesse disciplinare la tematica della rappresentazione in bilancio delle operazioni di ristrutturazione del debito con apposito documento. Quanto auspicato è accaduto, in quanto lo scorso 3 agosto è stato pubblicato il documento OIC 61 , intitolato “Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio” che troverà applicazione a partire dai bilanci dell’esercizio 2011 e del quale verranno, di seguito, sinteticamente illustrate le principali novità. […]

Fr

Informativa sul tasso di attualizzazione nella stima dell’avviamento secondo lo IAS36: un confronto fra Italia e Paesi nordici

Il presente lavoro si focalizza sulla qualità dell’informativa obbligatoria sul tasso di attualizzazione nella stima a valore d’uso dell’avviamento. L’analisi compara un campione di società italiane con uno del Nord Europa, al fine di verificare se la qualità informativa risulti migliore in paesi che pongono maggiore attenzione sul capitale immateriale. Inoltre, si è inteso verificare se l’informativa aumenti in presenza di svalutazione dell’avviamento, evento più frequente nei periodi di crisi economica. I risultati ottenuti tramite la costruzione di un disclosure index e l’analisi di regressione supportano le ipotesi, mostrando che l’informativa aumenta se l’azienda appartiene ad un paese nordeuropeo; lo stesso effetto si ottiene in caso di rilevazione di impairment loss.
_____________________________________
This paper studies the disclosure quality on the discount rate used in estimating value in use for goodwill under IAS 36. A sample of Italian firms was compared with one of North European firms to verify if mandatory disclosure quality is correlated with the importance given to intangible assets in these countries. This paper also tested the hypothesis that the disclosure level increases following a goodwill write-off, an event related to market uncertainty and financial crisis periods. The analysis was conducted by constructing a disclosure index and the regression results support the hypothesis, showing that the discount rate disclosure level used in estimating goodwill increases in a firm from the North European sample; the same effect is shown in the presence of an impairment loss. Key words: goodwill, mandatory disclosure, compliance, impairment test, IAS 36, intangible assets.

_

Keywords: goodwill, mandatory disclosure, compliance, impairment test, IAS 36, intangible assets

 

Fr

Il prospetto di raccordo nella comunicazione economico-finanziaria consolidata

Il lavoro approfondisce la funzione informativa del prospetto di raccordo tra i valori di sintesi d’esercizio e quelli di gruppo nell’ambito della comunicazione economico- finanziaria consolidata. Attraverso un’analisi empirica compiuta sui prospetti redatti da un campione di cento società quotate alla Borsa Valori di Milano, sono offerte alcune considerazioni sulla capacità degli schemi presentati di soddisfare le finalità informative per le quali vengono redatti. Obiettivo del contributo è aumentare la chiarezza, la trasparenza e la comparabilità dei prospetti redatti, al fine di una migliore tutela del risparmio. In particolare, tale finalità è perseguita attraverso la presentazione di due possibili schemi che dovrebbero consentire di superare le carenze emerse dall’indagine.

______________________________________

This paper explores the information function of reconciliation statement between the values of financial statements and those of group. Through an empirical analysis carried out on statements drawn from a sample of 100 companies listed on the Milan Stock Exchange, have offered some observations on the ability of the schemes to satisfy the informational purposes for which they are drawn. The aim of the contribution is to increase the clarity, disclosure and comparability of reconciliation statements drawn up in order to better protect of investors. In particular, this objective is pursued through the presentation of two possible schemes that are expected to overcome the shortcomings revealed by the survey. Key words: consolidated financial statement, reconciliation statement, international financial reporting standards, group, minorities, companies listed.

:

Keywords:  consolidated financial statement, reconciliation statement, international financial reporting standards, group, minorities, companies listed

Fr

L’efficacia del sistema dei controlli contabili delle società quotate italiane: un’analisi delle impugnative di bilancio effettuate dalla Consob

L’oggetto di indagine del presente lavoro è costituito dal sistema dei controlli sull’informativa contabile diffusa dalle società quotate, con particolare riferimento al bilancio di esercizio e consolidato. Attraverso l’analisi dei casi in cui la Consob ha esercitato il potere di impugnativa sui bilanci, gli Autori effettuano un’indagine sull’efficacia dei principali presidi di controllo previsti dalla normativa vigente, rappresentati dal collegio sindacale e dalla società di revisione, nominati entrambi dall’assemblea dei soci. Le evidenze empiriche segnalano alcune criticità rilevanti che caratterizzano le attività di controllo ed i “giudizi” sull’informativa contabile dei due organi.

______________________________________

This article enquires the internal control system over financial reporting in Italian listed companies. The Authors selected all the firms that received an accounting enforcement action by Consob from 2002 to 2009. For these cases they analyze the audit reports and the board of statutory auditors reports in order to evaluate a congruence with the findings signaled by Consob. The empirical evidence shows some relevant weaknesses which characterize the control activities carried out by the two main actors of the Italian internal control system over financial reporting.

_

Keywords: internal control system, financial reporting control, accounting enforcement action, board of statutory auditors, audit firm

Fr

La struttura del Comprehensive Income Statement: le indicazioni del progetto congiunto IASB-FASB Financial Statement Presentation

Il progetto congiunto IASB-FASB Financial Statement Presentation si propone di definire l’impostazione di tutti i documenti necessari per formare un bilancio di esercizio che possa definirsi completo, ma grande attenzione è dedicata alla struttura del conto economico e alla rappresentazione del comprehensive income. Nel momento in cui i due corpi di principi contabili adottano un sistema misto di riconoscimento e di valutazione, fondato in parte sul costo storico e sul principio di realizzazione e in parte sul fair value e sulla logica delle variazioni patrimoniali, si pone il problema di valutare se la rappresentazione del reddito debba riflettere in modo neutro l’esistenza di questi due diversi paradigmi. Il lavoro esamina le soluzioni proposte nella struttura di conto economico al fine di esprimere su di esse un giudizio di merito alla luce delle indicazioni provenienti dai contributi teorici e dalle indagini empiriche svolte sull’argomento. Le innovazioni presentano indubbi vantaggi ma non risolvono le principali criticità legate alla rappresentazione del comprehensive income. L’incertezza che emerge dai contributi teorici ed empirici, che non consentono di individuare argomenti decisivi per basare le valutazioni esclusivamente sul reddito tradizionale o sul comprehensive income, rappresentano il principale argomento a supporto delle scelte conservative avanzate dai due board.

_____________________________________

The IASB and the US FASB are presently involved in a joint project on financial statement presentation. After a discussion paper, published in October 2008, on July 2010 the boards decided to post a staff draft of proposed standard that reflect tentative decisions made to date, as a basis for extended stakeholder outreach activities. The objective of the financial statement presentation project is to establish a global standard that will guide the organisation and presentation of information in the financial statements, but the focus is on reporting comprehensive income. Since the IASB and the FASB accounting model mixes two income determination systems, namely, historical cost accounting and fair value accounting, an interesting question pertains to whether the display of comprehensive income should reflect the existence of these two paradigms. This article scrutinizes the proposed amendments to IAS 1 comprehensive income statement format while it reviews analytic, empirical and experimental research that addresses the presentation of income and the format of the income statement and presents the typical arguments made by proponents of historical cost net income and comprehensive fair value income. The research results are somewhat mixed, but they support the conservative decisions of the boards.

_

Keywords: comprehensive income, income statement, performance measure, earnings attributes, historical cost accounting, fair value accounting

Fr

Tempo di framework. Non Sprechiamolo…

[Editoriale]

Nel recente gergo contabile italiano l’espressione Framework è entrata in voga dal 1989, anno in cui lo IASC diffuse la versione del Framework che è ancora in vigore. Il framework rappresenta in sostanza la fonte di concetti basilari ai quali si devono ispirare tutti gli standard riferiti alle specifiche poste contabili e alle problematiche di contabilizzazione delle singole operazioni. Avendo per riferimento il Framework dello IASB, il contenuto di tale documento basilare comprende le finalità del bilancio, strettamente connesse con la definizione degli utenti e delle relative esigenze informative, le assunzioni di base, i postulati dell’informazione contabile (caratteristiche qualitative che determinano l’utilità dell’informativa contenuta nel bilancio), gli elementi componenti il bilancio, i concetti fondamentali di attività, di passività e di patrimonio netto, di costo e di ricavo, i criteri generali di contabilizzazione e valutazione, il concetto di capitale e della sua relativa conservazione. Dal 2005 circa, sul Framework contabile si è riacceso il dibattito. Da quel periodo IASB e FASB stanno procedendo, non senza qualche rallentamento, alla stesura di un nuovo Framework che condizionerà il futuro di buona parte della contabilità mondiale. Delle sette fasi di cui si compone l’ambizioso progetto, ad oggi solo la prima si può dire conclusa (Objectives and qualitative characteristics), le tre successive sono in corso: (B) Definitions of elements, recognition and derecognition, (C) Measurement, (D) Reporting entity concept. […]

_

FR2011.4_1_QUAGLI

Fr

The role of performance indicators in management commentary

Recent literature on financial reporting underlines that, in order to meet the changing needs of business reporting users, more information with a forward-looking perspective should be provided, with a focus on those factors that are responsible for longer-term value, including non-financial measurers. This article hence focuses on the importance of Key Performance Indicators (KPIs) in Management Commentary (MC). Through content analysis, we examine a sample of 111 reports from around the world (following different local and/or international regulations). The paper explores how organizations in practice use KPIs for external purposes, first investigating to what extent KPIs provide the information required by the MC frameworks, and, secondly, whether such KPIs have the suggested characteristics. Results show that although KPIs seem to potentially play a valuable and recognized role in providing the information required by the different MC frameworks, a large number of companies have not provided an effective and balanced picture of the drivers and factors that will lead their future performance. This paper contributes to the scarce research on the effectiveness of different approaches to regulate MC reports, with a specific focus on KPIs. It also highlights some critical issues concerning what and how KPI information should be produced and reported.

_

Keywords: management commentary, key performance indicators, content analisys, financial measures, non financial measures, forward-looking indicators.