logoA.P.nuovo

Editoriale

Il terzo numero del 2016 si sofferma sul sistema informativo-contabile inteso in senso ampio, con particolare attenzione ai sistemi di misurazione e gestione delle performance. I primi due saggi si focalizzano sugli enti locali; gli altri due analizzano rispettivamente il settore socio-sanitario e quello culturale, entrambi in un’ottica di rete. Sotto il profilo metodologico, prevale lo studio di casi, con esteso ricorso a forme di action research.  […]

logoA.P.nuovo

Ipotesi di un sistema di indicatori per il monitoraggio delle condizioni finanziarie degli enti locali italiani basato sulla solvibilità

La recente crisi finanziaria internazionale e la normativa sul riequilibrio finanziario pluriennale (RFP) hanno fatto emergere difficoltà finanziarie rimaste latenti in passato. Tale incremento dei casi mette in serio dubbio l’efficacia degli strumenti di monitoraggio della salute della finanza locale, in primo luogo la capacità segnaletica dei parametri di deficitarietà (PD) e il rispetto del patto di stabilità interno (PSI). Il lavoro intende presentare un sistema di indicatori e margini finanziari che possa più adeguatamente mettere in evidenza le difficoltà finanziarie di un ente locale. Sulla base di un multiple case study composto da 10 enti locali dissestati, osservati su un lungo arco temporale, il sistema identificato fornisce un utile supporto nell’individuazione preventiva di problematiche finanziarie. Il lavoro fornisce osservazioni critiche sugli strumenti di monitoraggio sinora utilizzati, contribuendo anche al dibattito sulla formulazione degli indicatori di bilancio previsti dalla recente riforma dell’armonizzazione contabile.

______________________________________
In Italy, due to the recent international financial crisis and new accounting regulations, many cases have emerged of local governments in financial distress, which had remained latent in the past. This questions the effectiveness of the existing financial health monitoring systems, with specific reference to the traditional deficit parameters and the compliance with the Domestic Stability Pact. The paper proposes a possible set of financial indicators to better assess local governments’ financial health. Based on a multiple case study of 10 bankrupted local governments over almost a decade, the proposed financial indicators may offer a useful support in the early identification of a situation of financial distress. The paper provides a critical discussion of the current monitoring system and contributes to the ongoing debate on the financial indicators identified within the recent governmentaccounting harmonization reform.

Key words: Local government, Financial distress, Financial indicators

logoA.P.nuovo

Il contenuto manageriale del piano esecutivo di gestione armonizzato, il missed link necessario

Il lavoro approfondisce l’impatto che l’armonizzazione contabile, di cui al d.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., ha avuto sul processo decisionale negli Enti locali. In 13 comuni capoluogo di provincia dei 22 fin da subito ammessi alla sperimentazione del nuovo ordinamento contabile e che l’hanno portata avanti per l’intero triennio 2012-2014, è stato analizzato il piano esecutivo di gestione (PEG) e il suo processo di redazione. In tal modo si è inteso contribuire in modo complementare a quanto la letteratura ha già prodotto sul tema, circoscrivendo finora la propria attenzione al solo profilo contabile. Questo aspetto evidenzia come ad oggi l’adeguamento al nuovo ordinamento sia riferibile al profilo contabile in modo pressoché esclusivo a discapito di quello manageriale (il missed link), di cui in troppi casi gli stessi attori in campo non percepiscono l’esigenza. In particolare, dalla ricerca è emerso come, nonostante le dichiarate intenzioni della maggior parte dei responsabili del servizio di ragioneria, di voler condividere con gli altri colleghi dell’ente l’implementazione della riforma per un miglioramento della performance individuale e organizzativa, questo sia avvenuto in pochissimi casi. Essendo l’intero sistema decisionale ancora incentrato sulla contabilità a base finanziaria, è emerso come la maggioranza degli intervistati abbia continuato ad operare (passive use) senza cogliere l’opportunità offerta dalla riforma (purposeful use). Il lavoro si conclude evidenziando le criticità di un approccio ancora adempimentale della maggior parte dei comuni indagati e come queste criticità possano essere superate attraverso un miglioramento delle attività di controllo sull’ente locale e di formazione degli attori in gioco.

______________________________________
The paper explores the impact that accounting harmonization is having on decision-making at the local level. To this end, we carried out a survey focusing on the executive management plan (EMP) and its drafting process in 13 provincial capitals. Our contribution to the existing literature lies in that attention has so far been solely paid to the accounting dimension, whereas we tackle the managerial implications, which in too many cases are not perceived as important even by the players in the field (the “missed link”). The survey was based on Moynihan and Lavertu (2012). Our results show that the whole decisionmaking system is still focused on the traditional cash and commitment accounting bases and that the majority of respondents continue to operate (passive use) without seizing the opportunities offered by the reform (purposeful use). In the conclusions, the lack of controls and training are identified as the main problems to be overcome.

Key words: Performance Management, Budgeting, Executive Management Plan, Local Government

logoA.P.nuovo

L’utilizzo delle mappe strategiche nel governo dell’accesso ai servizi socio-sanitari

Il governo dell’accesso ai servizi socio-sanitari è un tema rilevante e complesso, data l’esigenza di integrare processi articolati tra vari servizi sanitari e sociali. In particolare, la letteratura evidenzia la necessità di sviluppare processi di integrazione culturale fondati sulla condivisione di una comune visione strategica e su chiari obiettivi, nonché di valorizzare dinamiche di public engagement e co-production. Questa ricerca ha inteso esplorare l’utilità delle mappe strategiche nel supportare la definizione e realizzazione di una strategia di accesso alla rete inter-aziendale dei servizi sociosanitari. I risultati, basati sulla metodologia action research, dimostrano come l’utilizzo di una comune mappa strategica in una provincia italiana abbia influenzato i processi interpretativi e decisionali agiti dagli attori organizzativi, sfociando in concrete iniziative di razionalizzazione dell’accesso.

_____________________________________

Managing access to health and social care services is a relevant and complex issue, given the need to integrate processes articulated across a variety of providers. In this regard, the literature highlights the importance of developing cultural integration processes, based on a shared strategic vision and on clear objectives, and of exploiting public engagement and co-production dynamics. The aim of this research was to explore the usefulness of strategy maps in supporting the definition and implementation of a strategy for managing access to an inter-organizational network of social and health services. The results, obtained through an action research methodology, show that the use of a common strategy map in an Italian province influenced the organizational actors’ interpretation and decision-making processes, resulting in concrete rationalization initiatives with respect to access management.

Key words: Health and social care services, Access, Strategy maps

logoA.P.nuovo

Progettare sistemi di valutazione della performance di reti culturali

Il lavoro propone un contributo teorico-pratico alla progettazione di sistemi di valutazione della performance di reti culturali. L’obiettivo è esplorare se la network governance possa considerarsi un criterio discriminante la performance di rete rispetto alle condizioni di funzionalità della singola organizzazione culturale e, in sequenza, quali possano essere le relative dimensioni e connesse misure di valutazione. A tal fine si descrivono e discutono le evidenze derivanti sia da un esame della letteratura dedicata ai temi della performance di network di pubblico interesse sia dall’indagine partecipante condotta dagli autori in tre casi di rete pubblico-privata per l’offerta di servizi culturali nell’area del Salento, nel sud d’Italia.

_____________________________________
The paper offers a theoretical-practical contribution to the design of performance measurement systems for cultural networks. Its specific aim is to understand if network governance may be an appropriate and distinctive criterion for the assessment of the performance of a network compared to that of a single cultural organization, and how it could be operationalized in that context. To this end, the paper presents and discusses the results of a literature review on network effectiveness in the public sector and of a participative research carried out in three public-private networks delivering cultural services in the Salento region of Southern Italy.

 
Key words: cultural networks, network performance, network governance

logoA.P.nuovo

Editoriale

Il secondo numero del 2016 propone articoli differenziati per tematica affrontata, classe di aziende pubbliche indagate e approccio di ricerca utilizzato; prevale l’attenzione verso i sistemi informativi aziendali, ma con ottiche che spaziano dagli aspetti strettamente contabili a quelli organizzativi e comportamentali. Il primo saggio (Il bilancio consolidato negli enti locali: prime considerazioni sulla qualità della regolamentazione in Italia) propone un’analisi empirica sull’applicazione, da parte degli enti locali, delle nuove disposizioni in materia di bilancio consolidato.
L’importanza del bilancio consolidato nel contesto pubblico è stata ampiamente affermata nella letteratura nazionale e internazionale, per almeno due motivazioni: da un lato, con la formazione di «gruppi» di imprese ed entità guidate direttamente o indirettamente dall’azione di un istituto pubblico territoriale, la capacità informativa dei bilanci individuali si è inevitabilmente ridotta; dall’altro, la redazione del bilancio consolidato richiede l’adozione della contabilità economico-patrimoniale, che presenta una capacità informativa superiore alla tradizionale contabilità finanziaria. Più recentemente, entrambe le motivazioni sono state rafforzate dalla crescente attenzione delle istituzioni sovranazionali e nazionali, degli operatori economici e della pubblica opinione verso lo stock di debito accumulato dai soggetti che compongono il sistema pubblico. Di qui, in particolare, la disposizione contenuta nel D.lgs. 118/2011 (art. 11-bis), secondo cui Regioni, province autonome ed enti locali «redigono il bilancio consolidato con i propri enti ed organismi strumentali, aziende, società controllate e partecipate, secondo le modalità ed i criteri individuati nel principio applicato del bilancio consolidato di cui all’allegato n. 4/4». […]

logoA.P.nuovo

Il bilancio consolidato negli enti locali: prime considerazioni sulla qualità della regolamentazione in Italia

Posizionandosi nel filone della regulation of accounting, parte del più ampio campo di ricerca dell’accounting regulation, l’articolo vuole contribuire al dibattito sulla qualità della regolamentazione, nel caso specifico riferita al bilancio consolidato negli enti locali italiani. Seguendo la catena causale della regulatory policy, il periodo di sperimentazione – quindi il primo bilancio consolidato – viene identificato come output del processo regolamentare. Dopo aver presentato il quadro teorico di riferimento, basandosi sul disclosure-scoring system, viene condotta un’analisi empirica sulle modalità di redazione del documento. I risultati evidenziano che, allo stato attuale, il bilancio consolidato non adempie completamente all’obiettivo di controllo della finanza pubblica.

___________________________________
The paper deals with the regulation of accounting, which is part of the wider research field of accounting regulation. Its purpose is to make a contribution to the debate on the quality of regulation, with specific respect to the consolidated financial reports of Italian local governments. Following the causal chain of regulatory policy, the experimentation period – and thus the first consolidated financial report – is identified as the output of the regulatory process. After describing the reference framework, the paper presents an empirical analysis based on the disclosure-scoring system. The results highlight that, currently, the consolidated financial report is not fulfilling its expected role as a tool for the control of public finances.

Key words: Consolidated report, Accounting regulation, Local government

logoA.P.nuovo

Usi e impatti delle informazioni di performance: un’analisi a livello comunale

L’obiettivo di questo lavoro è approfondire le relazioni tra i diversi usi delle informazioni di performance, la cultura e la performance organizzativa, presentando i risultati di un questionario somministrato ai responsabili di unità organizzativa di comuni italiani. Il lavoro estende la letteratura esistente sul performance management in due direzioni. Da un lato, mentre gli studi sinora condotti si sono focalizzati per lo più sugli usi di tipo razionale delle informazioni di performance, esso esplora l’esistenza e gli effetti degli usi delle informazioni di performance non solo di tipo razionale ma anche legittimante e politico. Dall’altro lato, il lavoro evidenzia le possibili conseguenze degli usi delle informazioni di performance sulla cultura e sulla performance organizzativa, mostrando che solo quando le informazioni sono usate per finalità di monitoraggio dei risultati raggiunti rispetto a quelli previsti si osserva un impatto diretto e immediato sulla performance organizzativa. Altri tipi di usi, invece, quali quelli volti a focalizzare l’attenzione degli attori organizzativi sulla performance e a legittimare le azioni del management risultano associati alla performance organizzativa solo indirettamente, per il tramite della cultura organizzativa.

_____________________________________
The aim of this paper is to delve into the relationship among the different uses of performance measures, organizational culture, and organizational performance. The paper is based on data from a survey of Italian municipal service managers. This paper extends previous public administration literature on performance management in two directions. On the one hand, it provides empirical evidence on the existence and effects of rational, legitimizing, and political uses of performance measurement systems, whereas previous literature has tended to emphasize only rational ones. On the other hand, it provides a relevant building block to our knowledge on the consequences of performance measurement uses, showing that only monitoring uses produce direct effects on performance, while other uses (attention-focusing and legitimizing) may affect performance only indirectly, through organizational culture.

Key words: Performance information, Municipalities, Organizational Culture, Organizational performance

logoA.P.nuovo

La rilevanza del project manager e del project team nell’attuazione del percorso di certificabilità delle Aziende Ospedaliere

Tra gli adempimenti amministrativi richiesti dalle normative recenti in tema di sanità, il percorso di attuazione della certificabilità dei bilanci (PAC) è un progetto interregionale che coinvolge tutte le aziende sanitarie pubbliche. Adottando una chiave di lettura progettuale, il paper intende analizzare come le caratteristiche e competenze del project manager e del project team influiscano sull’implementazione del percorso di certificabilità, con particolare attenzione alle Aziende Ospedaliere della regione Lombardia. La chiave di lettura e il contesto di studio connotano l’originalità del lavoro. I principali risultati riferibili all’esperienza dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII riguardano la scelta lungimirante dei componenti del project team, l’azione propulsiva e di coordinamento svolta e la volontà di creare un’opportunità di cambiamento e integrazione interna.

______________________________________
Recently, the Italian central government has introduced the process of auditing among the Local Health Authorities. Previous literature analyses the compulsory features of the law and few regional experiences of adoption. This paper adopts a different perspective assuming the process of auditing as a project of implementation into the Local Health Authorities. Particularly, the aim is the analysis of how the competences of project manager and project team affect the implementation of auditing into the Italian hospitals. Main results come from the implementation experienced by the HPG23 hospital located in the Lombardy region. In this context, the forward-looking management choose a team of project members who actively manage all the people involved. The propulsive action moved by the project members creates a process of change and internal integration.

Key words: Auditing, Project manager, Hospital

logoA.P.nuovo

Le camere di commercio italiane: le determinanti della remunerazione degli organi di governance

L’articolo ha lo scopo di indagare le determinanti delle retribuzioni degli organi di governo delle camere di commercio italiane, con particolare riferimento alla Giunta e al suo Presidente. La ricerca empirica, realizzata mediante la costruzione di modelli di regressione, è volta ad identificare la correlazione tra tali compensi e variabili quali la dimensione o la performance economica delle camere di commercio. I risultati della ricerca confermano che, mentre esiste una relazione significativa tra dimensione e compensi, questi ultimi sono totalmente scollegati alle performance, evidenziando la mancanza di meccanismi incentivanti volti a perseguire finalità di efficienza.

________________________________________

The paper aims to investigate the factors influencing the compensations of the governance bodies of Italian chambers of commerce, with particular reference to the board and its chairman. The empirical research, carried out through regression models, aims to identify the correlation between these remunerations and variables such as the size or the financial performance of the chambers of commerce. The research findings confirm that, while there is a significant relationship between size and compensation, the latter is totally unrelated to performance, highlighting the lack of incentive mechanisms to achieve efficiency goals.

Key words: Governance, Compensations, Chambers of commerce