Immagine Il governo aziendale tra tradizione e innovazione

Il governo aziendale tra tradizione e innovazione

Il termine “governo aziendale”, in chiave prescrittiva, sintetizza la capacità di guidare l’azienda in condizioni di economicità durevole, mediante il coordinamento delle operazioni di gestione e la composizione delle forze interne ed esterne. In tale prospettiva, si intende porre l’attenzione sul carattere economico del governo aziendale e sul contributo offerto dagli studi di Ragioneria e di Economia Aziendale.

Si ritiene, in particolare, che il governo aziendale si realizzi a partire dall’osservazione della dinamica aziendale e ambientale, ma presupponga anche la capacità di generare, su quella base, conoscenza e di guidare i collegati processi gestionali ed organizzativi.

L’integrazione informativa e la generazione di conoscenza si formano sul passato ma devono guidare il futuro, spingono i sistemi di governo aziendale all’innovazione dei prodotti e dei processi aziendali, per far fronte al contesto ambientale sempre più complesso e turbolento, ma senza perdere i valori di fondo della tradizione e della cultura aziendale. L’integrazione informativa, gestionale e organizzativa si accompagna dunque all’integrazione tra innovazione e tradizione e determina le diverse prospettive del governo aziendale e della creazione di valore.
A tal fine il volume si articola nelle seguenti sezioni:
1) Bilancio e principi contabili;
2) Valutazione d’azienda;
3) Bilancio e comunicazione finanziaria, economica e sociale;
4) Controllo di gestione, costi-performance;
5) Reti e controllo relazionale;
6) Strategie di sviluppo, risanamento e cooperazione;
7) Governance e controlli interni;
8) Imprenditorialità e family business;
9) Amministrazioni pubbliche;
10) Aziende sanitarie;
11) Università;
12) Aziende non-profit, etica e responsabilità sociale.

Scuola di Metodologia della Ricerca

La Scuola SIDREA-AIDEA di Metodologia della Ricerca si svolgerà a Palermo dal 4 al 7 ottobre 2018 con il coordinamento scientifico del prof. Marcantonio Ruisi (marcantonio.ruisi@unipa.it) affiancato dal  prof. Sergio Paternostro (s.paternostro@lumsa.it).

Referenti SIDREA-AIDEA: prof. Luciano Marchi (luciano.marchi@unipi.it) e prof. Stefano Consiglio (stefano.consiglio@unina.it).

Si presenta di seguito il programma della scuola:

PROGRAMMA Scuola Metodologia Ricerca-Palermo 2018

 

management-control-cover-150x180

Performance e Execution oppure Performance è Execution?

Performance and Execution or Performance is Execution?

The term ‘performance’ is progressively recovering its lost dignity (at least in recent years).

In particular, it correlates perfectly – much better than its ‘substitutes’ – to the concept of execution, today more than ever at the center of the debate around the theme of how companies should be managed and governed. This highlights the pivotal role of the ‘performance’ within the overall Management (or Performance Management) System.

Recognizing that, this issue completely focuses on the theme of business ‘performance’, with the aim of highlighting its role of an effective (as well as timely) planning, programming, measurement, analysis and evaluation of company performance in supporting corporate governance.

Keywords: performance, measurement, shared value, sustainable development, execution, performance management.

management-control-cover-150x180

Incentivi, Sistemi di Misurazione delle Performance e allocazione dell’impegno manageriale

Incentives, Performance Measurement Systems and Managerial Effort Allocation

This work tests, through a laboratory experiment, for the association between managerial effort allocation and the interaction between Performance Measurement System and incentive scheme. Factors observed are number of measures of the information system, congruence of incentive with firm’s objectives, comprehensibility of defined incentive, interaction between measure numerousness and incentive congruence.

No association is found between effort allocation and number of measures used, in absence of an incentive (either explicit or implicit), while an association is found between congruence of the incentive and effort allocation and between incentive comprehensibility and effort allocation. Furthermore, interesting effects are found on managerial effort allocation coming from the interaction between numerousness of the measures of the information system and congruence of the incentive scheme.

These results help in designing effective incentive schemes and contribute to systematize the fragmentary and, sometime, conflicting findings of the literature.

Keywords: Incentive, Performance Measurement System, Interaction; Effort allocation.

1_MC_19.02_RIZZOTTI Appendice

management-control-cover-150x180

Strategia, incertezza ambientale e balanced scorecard. Quali impatti sulla performance aziendale?

Strategy, environmental uncertainty and balanced scorecard. What impacts on business performance?

Taking a contingency perspective, this study aims at exploring the linkages between strategy types (ST) and perceived environmental uncertainty (PEU) as contextual variables, the use of the balanced scorecard (BSC) and organisational performance. In particular, it has two main purposes: 1) to investigate whether the use of the BSC is influenced by ST and the level of PEU; 2) to examine the relationship between organisational performance and the interaction between the use of the BSC and the two contextual variables.

Findings are based on a questionnaire survey of a randomly selected sample including 65 large manufacturing companies in Italy. Data show that most of these companies make use of the BSC. Linear regression and two-way ANOVA were used for the statistical analyses to accomplish the purposes. Regression results reveal that greater use of the BSC is associated with higher PEU, while ST do not influence the use of the BSC. This suggests that the BSC can assist different strategic approaches. Then, the two-way ANOVA provides support for the main effect of the use of the BSC on organisational performance, while the interaction between the use of the BSC and the contextual variables does not seem to affect performance.

Keywords: contingency theory, strategy, perceived environmental uncertainty, balanced scorecard, organisational performance.

management-control-cover-150x180

Pianificazione e controllo della strategia ambientale: analisi teoriche e proposte operative

Formulating and controlling environmental strategies: theoretical analysis and practical implications.

This paper proposes a framework that aims to support firms to integrate the environmental dimension into overall strategic process. Based on a theoretical analysis, the study suggests some relevant value drivers and key performance indicators which may be combined in an “environmental balanced scorecard”, in order to facilitate the implementation of environmental strategies and subsequent monitoring and evaluation of achieved results.

Specifically, the study contributes to the field of environmental sustainability studies and suggests implications for practitioners highlighting practices and tools to translate strategy into effective environmental ideas and therefore in goals and actions, from a side, and to implement appropriate control systems useful for monitoring the results of environmental performance, on the other.

Keywords: environmental strategies, green management, environmental control systems, environmental performance indicators, balanced scorecard, corporate social responsibility

3_MC19_02_CAPURRO Tabelle

management-control-cover-150x180

Il “grande gap”: gli effetti del performance budgeting sulle politiche di reclutamento delle Università italiane

Assessing the impact of performance-based budgeting on Italian Higher Education recruitment policy

In the last thirty years, the Italian Higher Education System has faced a long and wide-ranging process of reforms inspired by quasi-market and performance budgeting intended to improve the overall performances. While these tools were aimed to change university strategies to achieve better performances, they may lead to unexpected effects (gaming policies or winner-takes-all effect).

This work focuses on the impact produced by the adoption in 2012 of a formula-based mechanism to allocate the recruitment budget to Italian universities. This work aims to identify how the composition of Universities’ personnel changed in the last years, with a specific focus on what occurred after the 2012. For this purpose, a longitudinal analysis was carried out using open data provided by the Ministry of Education. Furthermore, variations in resources allocated to each university and to each different geographical area were analysed. Lastly, professor body composition for each university has been investigated (either aggregate and by type). Results show heterogeneity throughout the country and also suggest that universities’ geographical localisation resources allocation is influenced by geographical localisation of the universities.

 Keywords: Higher education, performance-based budgeting, punti organico, quasi-market.

4_MC19_2_EZZA Tabella 1

4_MC19_2_EZZA Figura 2

management-control-cover-150x180

L’adozione del “Ciclo di Gestione della Performance” nelle istituzioni scolastiche pubbliche italiane: un’analisi empirica

Performance Management in the Italian public schools: an empirical analysis

School autonomy and evaluation issues, promoted by the recent reform processes, increased the interest of public schools in the accountability purposes aimed at making them accountable for greater decision making powers they received. These changes, affecting both their performance approaches, typically centered on students’ learning and achievement measures, referable to School Effectiveness and Improvement studies, and the related School Accountability (SA) processes, are driving public schools towards the performance measurement, management and accountability perspectives applied in the other public organizations. In this framework, in Italy, the D.Lgs. 150/2009 (as modified by the D.Lgs. 74/2017) represents another relevant driver since it imposes public organizations, including public schools, the adoption of the “Performance Management Cycle” (PMC). This cycle provides, to assure a complete accountability about performance, the publication of the “Performance Plan” (PP) and the “Performance Report” (PR).

The study presents an exploratory analysis, referred to the years 2011-2016, about the adoption and the compliance level of PPs and PRs produced by a sample of 2,000 public schools with the requests of the D.Lgs. 150/2009 and the related CIVIT Resolutions.

Results show a modest level of adoption of the PMC (5.6% of the sample) and very low compliance levels of the contents included in the PPs and in the PRs.

Keywords: Performance Management, Italian Public Schools Accountability, Performance Plan, Performance Report

5_MC19_02_RAUCCI Figure

5_MC19_02_RAUCCI Tabelle

management-control-cover-150x180

Il principio della programmazione e il ciclo di gestione della performance. Quale integrazione? L’esperienza di tre comuni “sperimentatori”

The programming principle and the performance management cycle.  What level of integration? The experience of three “experimental” municipalities

During last years, literature on performance management in public administrations has focused on the performance cycle of planning, programming and controlling for the creation of public value. It has been highlighted that the definition of objectives consistent with the administration purposes and the expectations of stakeholders is essential to create public value. Thus, the objectives used for evaluation must necessarily be defined in coherence with the governance strategies in a participatory planning logic.

Accordingly, the accounting reform introduced in Italy with the Legislative Decree no. 118 of the 23 June 2011, primarily aiming to accounting harmonisation of administrations operating at different levels, placed the programming phase as the fulcrum of the information system of local public administrations oriented to the evaluation of results.

This paper aims to investigate how the Italian accounting reform on harmonisation impacted on the performance cycle of local governments. Using a case studies approach, the paper investigate if local governments which have been considered “best practices” in accounting harmonization are also best practices in performance management cycle and to what extent specific provisions introduced by Legislative Decree n. 118/2011 have influenced their performance management cycle.

 Keywords: accounting reform; performance management, accounting harmonisation, programming, local governments.

6_MC_19.02_NARDO Tabelle

Special Issue “AIMS Press”- Accounting and managerial accounting

Special Issue

The Special Issue is addressed to invite scholars to evidencing the current methodologies and practices for the SDGs adopted by firms operating in the sectors particularly complex, mainly when the sustainable development (SD) is required by legislative framework that rules the working of the sector.

The aim of this Special Issue is to promote innovative and original research on the accounting and reporting methodology and practices for the achievement of SDGs. They will be welcome to theoretical and empirical research applied to the maritime and port industry, and specifically to the cruise sector. The research have to be based on robust theoretical framework.

Papers to be considered include but not limit to the following issues:
• Sustainable managerial accounting and SDGs
• Sustainability reporting
• SDGs reporting
• Accounting and accountability practices for SDGs
• Regulation and reporting for SDGs

Paper submission
All manuscripts will be peer-reviewed before their acceptance for publication.
The deadline for manuscript submission is 30 October 2019.

 

For more info: https://www.aimspress.com/newsinfo/1172.html

Call for Papers Convegno Internazionale di Storia della Contabilità “Tra storia, economia e finanza. La contabilità pubblica e privata in Europa nell’Età Moderna e Contemporanea”

Il Convegno Internazionale di Storia della Contabilità – 6th International Conference on Luca Pacioli in Accounting History, dal titolo “Tra storia, economia e finanza. La contabilità pubblica e privata in Europa nell’Età Moderna e Contemporanea”, si terrà a Napoli nei giorni 7-8-9 novembre 2019. Il tema generale del Convegno è il ruolo della Storia della Contabilità nel quadro dell’evoluzione dell’economia, dell’impresa e della finanza in Età Moderna e Contemporanea.

Call for papers VI-Pacioli-CFP

proroga scadenza

Short Courses on Research Methods – Univeristà di Padova

Cari Colleghi,

segnaliamo che nella settimana 1-6 Luglio 2019, presso il Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali dell’Università di Padova, avrà luogo la seconda edizione dei Short Courses on Research Methods  organizzata in partnership con il Consortium for the Advancement of Research Methods and Analysis (CARMA).

Si tratta di 4 corsi in lingua inglese da 2.5 giorni (20 ore) ciascuno. I corsi di questa seconda edizione sono:

Lun 1 – Merc 3 Luglio:

  1. Intermediate Regression: Multivariate/logistic, Mediation/Moderation – Ron Landis, Illinois Institute of Technology.
  2. Questionnaire Design – Lisa Lambert , Oklahoma State University.

Gio 4 – Sab 6 Luglio:

  1. Introduction to Structural Equation Methods – Robert Vandenberg, University of Georgia.
  2. Introduction to Multilevel/Longitudinal Analysis – Paul Bliese, University of South Carolina.

Inoltre, il pomeriggio di Mercoledì 3 Lugliosarà dedicato ad una breve introduzione a R.

I corsi sono tenuti da esperti di fama internazionale (nel file allegato sono disponibili una breve descrizione dei corsi e le informazioni per la registrazione).

Tali corsi sono pensati per studenti di dottorato, giovani ricercatori o colleghi senior che desiderino rinfrescare o rafforzare le proprie conoscenze di uno specifico metodo o strumento di ricerca.

Vi saremmo grati se poteste far circolare l’informazione tra i vostri colleghi.

Per ulteriori informazioni potete contattare:

carma@unl.eduAmedeo.pugliese@unipd.it; Federica.ricceri@unipd.it

Ringraziandovi per l’attenzione porgiamo i nostri più cordiali saluti,

Amedeo Pugliese e Federica Ricceri

 

 

 

 

Convegno Nazionale Aidea – 12/13 Settembre 2019

Cari Colleghi,
E’ nostra premura comunicarvi alcune importanti informazioni e novità
sul prossimo Convegno Nazionale Aidea, che si terrà presso il
Dipartimento di Management dell’Università degli Studi di Torino i
prossimi 12 e 13 settembre.
Come sapete, il tema di quest’anno è “Identità, innovazione e impatto
dell’aziendalismo italiano. Dentro l’economia digitale” e sarà
articolato in sette track.
La deadline per la submission dei contributi, paper o extended abstract,
è stata posticipata alle 23:59 del 24 giugno.Per quanto riguarda il programma delle due giornate facciamo notare che:
nella mattina del 12 settembre sono stati calendarizzati gli incontri
delle riviste, fra cui al momento Azienda Pubblica, Mecosan, Piccola
Impresa con un breve workshop in ricordo della Prof.ssa Isa Marchini,
Impresa Progetto che, in concerto con il Prof. Gianfranco Rusconi e
prendendo spunto da un suo lavoro recentemente pubblicato su European
Management Review, propone agli studiosi interessati un workshop, con
possibili sviluppi in termini di pubblicazione,  su “Etica e business:
un ponte fra stakeholder theory (ies) e teoria dei sistemi aziendali” ed
infine il Journal of Financial Management, Markets and Institutions
(JFMMI) con una conferenza su “Research development in banking and
finance ten years after the financial crisis” (speakers: Santiago Carbo
Valverde (Bangor University), Douglas Cumming Florida Atlantic
University – in attesa di conferma, Steven Ongena  University of Zurich,
Anthony Saunders, NYU Stern, Gregory Udell, Indiana University).
Ulteriori informazioni saranno rese note sul sito www.aidea2019.it
Altre iniziative, così come le riunioni dei gruppi di studio, sono in
fase di regolare aggiornamento;- le sessioni plenarie sono così organizzate:
• Giovedì 12 settembre ore 14.00: “L’impatto dell’aziendalismo sul
sistema economico italiano” coordinata dal Prof. Paolo Boccardelli;
• Giovedì 12 settembre ore 15.45: Symposium della rivista JMG su
“Evaluation, performance and governance in the digital age”, coordinato
dal Prof. Lino Cinquini (Editor in Chief). Sono previsti gli interventi
di Hanne Nørreklit e Thomas Bolander;
• Venerdì 13 settembre ore 10.30: “Processi valutativi e identità
dell’aziendalismo italiano” coordinata dal Prof. Gaetano Aiello;
– le sessioni parallele sono così organizzate:
• Giovedì 12 settembre ore 17.30-19.00
• Venerdì 13 settembre ore 8.45-10.15.
Tutte le informazioni di dettaglio, comprese le opportunità di
pubblicazione e la modalità di registrazione e di submission, sono
disponibili sul sito www.aidea2019.it;
Nella medesima mattina del 13 settembre si terrà dalle ore 8.45 alle ore
10.30 anche il Workshop “Mappatura delle dinamiche negli studi
aziendali”, coordinato dal Prof. Michele Pizzo.
Per i giovani studiosi, due sono gli appuntamenti a loro dedicati
• il Doctoral Colloquium, in programma il 12 settembre mattina dalle
9.00 alle 12.30, presso la sede di Cuneo;
• la possibilità di partecipare al bando per l’attribuzione di due
Research Project Grant, finanziati con fondi residui Aidea Giovani.
Ospitalità e momenti conviviali
– Sul sito web è già attiva la possibilità di prenotazione degli hotel.
Per il servizio di prenotazioni, Aidea ha deciso di avvalersi della
collaborazione di Incoming Experience, un consorzio di hotel e servizi,
che ha opzionato un numero di camere per le prenotazioni individuali dei
partecipanti a tariffe preferenziali e senza pagamento anticipato. Per
accedere al servizio è necessario collegarsi al seguente link
https://aidea2019.it/it/registrazione/ e seguire le indicazioni. Chi
alloggerà negli hotel convenzionati potrà usufruire del servizio di
trasporto gratuito per la cena di gala e ritorno;
– Cena di gala: ore 20.00 di giovedì 12 settembre presso la splendida
cornice di Villa Sassi.
Infine, per essere sempre aggiornati in tempo reale, seguiteci anche
sulle nostre pagine Facebook, Linkedin, Instagram @aidea2019.
Vi aspettiamo!
Il comitato organizzatore

 

Schermata 2019-05-15 alle 06.40.31

L’armonizzazione contabile negli enti locali italiani. Implicazioni e prime conseguenze tra adattamento formale e cambiamento.

I processi di cambiamento contabile comportano implicazioni e conseguenze che vanno ben oltre il ristretto perimetro dei significati tecnici, coinvolgendo aspetti di natura politica, sociale e sociologica, oltre che economica. Ciò è particolarmente vero per una riforma che, come quella promossa dal D.Lgs. 118/2011, intende realizzare un’opera di omogeneizzazione delle regole contabili vigenti nei vari comparti del settore pubblico. Le novità normative introdotte sono da concepire in senso strumentale rispetto al più profondo cambiamento delle logiche organizzative e gestionali. In questa prospettiva e alla luce delle esperienze maturate, il quadro normativo potrà subire ulteriori modifiche per renderlo più efficace rispetto alle finalità ultime perseguite dal legislatore.
Nella consapevolezza che valutazioni attendibili sugli effetti prodotti dalla riforma in oggetto potranno essere espresse solo in tempi più lunghi, il presente volume raccoglie una serie di contributi accomunati dall’intento di offrire prime evidenze che la sua attuazione sta specificamente producendo negli enti locali italiani. In ognuno degli otto capitoli che compongono lo scritto, gli autori analizzano un particolare aspetto della nuova disciplina, alla luce della letteratura nazionale e internazionale di riferimento e utilizzando indagini di tipo empirico, per fornire una base utile per riflessioni e successivi sviluppi di analisi.

Research Day Università di Bologna Campus di Forli

Nei giorni 17  e 20 maggio 2019 presso la Scuola di Economia e Management dell’Università di Bologna, Campus di Forlì (Piazzale della Vittoria 15 – Forlì) si sono tenute due Research Day con l’intervento di alcuni studiosi internazionali.

 

Call for Papers – AAAJ “Accountability for Public Services: Reconsidering Publicness in Accounting Research and Practice”

E’ attivo il Call for Paper AAAJ (Accounting, Auditing & Accountability Journal) relativo alla special issue “Accounting for Public Services: Reconsidering Publicness in Accounting Research and Practice” con guest editors Enrico Bracci, Iris Saliterer, MariaFrancesca Sicilia e Ileana Steccolini.

 

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link:

http://emeraldgrouppublishing.com/products/journals/call_for_papers.htm?id=8449

Seminario Online Osservatorio Dichiarazioni Non Finanziarie e Pratiche Sostenibili

Il giorno 3 aprile 2019 alle ore 15.00 si è tenuto un seminario online promosso dall’Osservatorio delle Dichiarazioni Non Finanziarie (DNF) e delle Pratiche Sostenibili” di recente istituzione.

L’Osservatorio nasce dalla collaborazione tra l’Università di Siena e il CSR Manager Network e rappresenta una piattaforma online accessibile a tutti gratuitamente che raccoglie e analizza le Dichiarazioni Non Finanziarie redatte dalle principali aziende italiane.

 

 

logoA.P.nuovo

Il sistema di controllo manageriale dei programmi comunitari della regione Toscana: meccanismi per superare l’approccio divisionale

Nell’ambito delle pubbliche amministrazioni, i sistemi di programmazione e controllo sono stati oggetto di un ampio e continuo processo di cambiamento nell’ottica della maggiore efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa. Il presente lavoro intende contribuire alla dottrina che considera il controllo un “pacchetto” di vari meccanismi focalizzandosi, in modo particolare, sul contributo che tale sistema può offrire per favorire il superamento dell’approccio divisionale. A tal fine, oggetto specifico di analisi sarà l’approccio alla gestione dei fondi comunitari adottato nel corso degli ultimi anni dalla regione Toscana.

 

logoA.P.nuovo

Sistemi di governance pubblica e performance dei distretti industriali italiani

Lo studio descrive il ruolo degli enti pubblici nel sistema di governance dei distretti industriali italiani con l’obiettivo di individuare l’esistenza di una possibile relazione tra governance pubblica dei distretti e performance delle aziende. L’analisi mostra che le performance delle aziende migliorano in presenza di modelli di governance strategicamente coordinati e/o supportati da un ente pubblico. Tale evidenza induce a ritenere che un’efficace governance pubblica dei distretti può rappresentare un sostegno alla competitività delle imprese distrettuali. Pertanto, il ruolo dell’ente pubblico nello sviluppo dei distretti può risultare determinante nella misura in cui esso è capace di operare in sinergia con le imprese e di attrezzare il territorio rendendo accessibili infrastrutture materiali e immateriali qualificate e creando beni collettivi distrettuali rispondenti alle esigenze delle aziende.

management-control-cover-150x180

Controllo interno e di gestione nella prospettiva del valore

Internal control and management control in the value creation perspective.

Each economic entity is aimed at generating value and durability. Various control tools are prepared. The management control continuously verifies the results achieved in comparison with the budget objectives. The internal control system and the enterprise risk management oversee the conditions for the achievement of the corporate objectives. The above control systems are often considered as separate entities. It is a paradox; both preside over the orientation towards value, objectives and efficiency. A strong commitment to the homogenization of control instruments is therefore necessary. Starting from this consideration, the VII Workshop of the magazine proposed, in Cagliari on 24 and 25 May 2018, the theme “Management control and internal control: value creation and stakeholders’ protection”. The presented papers dealt with the suggested themes, but they ranged on the various topics of interest to the magazine. The present issue presents seven selected articles that deal with internal control and managerial control, the definition of scenarios in strategic planning, the management rationale in non-profit foundations and the use of social media in Italian museums.

Keywords: internal control and management control, CoSo Report.

Fr

Do letters to shareholders inform or mislead? Insights from insider trading

Empirical studies consistently provide evidence that investors perceive qualitative disclosures as useful because they have significant effects on analysts’ forecast
revisions and a firm’s share price. But these results leave unanswered the question
of whether managers write qualitative disclosures to inform or mislead investors.
Based on the signaling theory, we consider two actions by the same manager: one
(insider trading) is a costly signal whilst the other (qualitative disclosure) is the cheap
signal. We then verify whether they are coherent. We investigate the content and the
verbal tone of the Letter of Shareholders and the insider trading from its author before and after the letter’s date of release and find that the costly signal (the insider
trading) is not coherent with the cheap signal (the disclosure). This finding indicates
that managers do not use qualitative disclosures to offer incremental information but
that they might use them to mislead investors.

Immagine Il sistema di controllo interno nelle imprese non grandi

Il sistema di controllo interno nelle imprese non grandi. Elementi costitutivi, dimensioni soggettive e tendenze di integrazione.

Questo volume rappresenta un primo momento di sintesi del percorso di ricerca intrapreso dal gruppo di lavoro SIDREA su Governance e Controlli Interni, volto a favorire il confronto in merito alle recenti tendenze di integrazione del sistema dei controlli aziendali, contemperando anche le neglette esigenze delle imprese non grandi.
La riflessione muoveva dalla consapevolezza che il Sistema di Controllo Interno (SCI) si qualifica come elemento fondante della corporate governance e catalizzatore di tutti i soggetti e le funzioni che contribuiscono al miglioramento della performance aziendale, la cui portata risulta però ancora limitata.
Difatti, il potenziale dello SCI pare ancora inespresso in ambiti aziendali ove le dimensioni più ridotte e controlli esterni meno pervasivi dovrebbero spostare il focus proprio sui costituenti interni del controllo e sulle necessità di integrazione delle attività, pena un’azione meno efficace e una copertura parziale dei rischi aziendali.
In tale prospettiva, lo scritto segnala la necessità di un sistema integrato che consenta di garantire l’adeguatezza delle modalità di controllo rispetto alle esigenze poste dai rischi da presidiare. Conseguentemente, obiettivo generale della ricerca è stato quello di realizzare un’omogenea identificazione e valutazione dei controlli nei diversi ambiti aziendali di applicazione, utile non solo all’identificazione ex post di sistemi caratterizzati da lacune o inefficienze, ma anche alla progettazione ex ante di modalità di controllo che presentino i requisiti minimi necessari.
Il focus del lavoro ha riguardato sia le dimensioni oggettive del controllo (i.e., management accounting, controllo di governance, controllo amministrativo contabile, compliance), sia la dimensione soggettiva dello stesso (i.e. dedicando attenzione agli attori di detti controlli). Ciò, al fine di osservare il sistema dei controlli come una sorta di matrice in cui la dimensione degli attori e quella delle componenti consentano di tenere conto degli aspetti strutturali e dinamici del controllo, nella direzione della creazione di valore (in senso ampio) e travalicando le consuete tendenze a ragionare riferendosi esclusivamente alla grande impresa.